TRE ATTENTATI IN 24 ORE: COSA STA SUCCEDENTO IN TRANSNISTRIA 

 

Nelle ultime 24 ore in Transnistria —che confina con la Moldova e l’Ucraina sono stati realizzati tre attentati terroristici, cosa sta succedendo nella piccola autoproclamata repubblica?

Nelle ultime ore la piccola autoproclamata repubblica di Transmistria, al confine tra Moldova e Ucraina, ha subito tre attentati terroristici.  Alle 17:00 di questo lunedì (ora locale), sono state registrate diverse esplosioni nella sede del Ministero della Sicurezza dello Stato, situata nella capitale della Transnistria, Tiraspol.  Secondo il Ministero dell’Interno della repubblica, l’edificio è stato oggetto di un attacco effettuato con un lanciagranate.

Nelle prime ore  di questo martedì, sono state segnalate altre due esplosioni che hanno distrutto potenti antenne di un centro radiofonico regionale che trasmette trasmissioni in russo.

Il terzo attentato è stato compiuto nei pressi dell’aeroporto militare vicino a Tiraspol, secondo quanto riferito, colpito da mine da 60 mm, ampiamente utilizzate dalla NATO, secondo il corrispondente di guerra Semion Pegov.

Dopo gli attentati il Consiglio di sicurezza dell’autoproclamata Repubblica di Transnistria—convocato dal suo presidente, Vadim Krasnoselski, ha attivato l’allerta terroristica massima per i prossimi 15 giorni, 

“I colpevoli saranno perseguiti per terrorismo, tentato omicidio e possesso illegale di armi”, ha detto Krasnoselski.  Allo stesso tempo, le autorità hanno decretato la ripresa delle lezioni a distanza per le scuole locali e l’annullamento degli esami di laurea e della parata del 9 maggio in onore della vittoria dell’URSS sulla Germania nazista.

La Transnistria si è proclamata neutrale nel conflitto in corso tra Russia ed Ucraina e proprio la  sua neutralità potrebbe essere la causa di questi attentati.

“Dopo tre decenni di vita pacifica dopo la guerra del 1992, la Transnistria è diventata il bersaglio di attacchi terroristici”, ha detto Krasnoselski.  “Come hanno mostrato le prime conclusioni delle attività investigative e operative di emergenza, le tracce degli attacchi portano in Ucraina”, ha affermato.Il presidente ha ricordato che la repubblica è stata neutrale sin dall’inizio dell’operazione russa nel Paese vicino e ha sottolineato che continuerà ad astenersi dall’intervenire.  “Credo che coloro che hanno organizzato questo attacco abbiano l’obiettivo di coinvolgere la Transnistria nel conflitto. E posso dire con certezza che non ci riusciranno. La Transnistria saprà difendersi”, ha affermato.

Da parte sua, la presidente della Moldova, Maia Sandu, ha convocato lunedì una sessione di emergenza del Consiglio supremo di sicurezza a causa delle esplosioni in Transnistria, che il Paese considera parte del suo territorio.  Il presidente ha suggerito che gli attacchi sono stati perpetrati da forze opposte nella regione, che cercano di destabilizzare la situazione.

“Quello che sta accadendo nella regione significa un’escalation”, ha avvertito Sandu.  “Voglio sottolineare che Chisinau chiede una soluzione pacifica del conflitto”, ha aggiunto.

L’autoproclamata repubblica si è dichiarata indipendente dopo la caduta dell’URSS, evento che ha scatenato una guerra civile nel 1992. Il conflitto, che ha causato circa 800 vittime, si è concluso dopo l’intervento delle forze di pace russe, che da allora sono di stanza in Transnistria . .

Più di 30 anni dopo, il territorio, ufficialmente noto come Repubblica Moldava Pridnestroviana, non è stato riconosciuto dalle Nazioni Unite. Sebbene la Transnistria abbia tre lingue ufficiali – moldavo, russo e ucraino – il russo è parlato da gran parte della popolazione.

 

Andrea Puccio – www.occhisulmondo.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.