Il Presidente colombiano Ivan Duque

ALMENO 120 PERSONE INNOCENTI SONO STATE UCCISE DALL’ESERCITO COLOMBIANO E FATTE PASSARE PER GUERRIGLIERI 

 

Dieci militari dell’esercito colombiano hanno testimoniato di aver ucciso almeno 120 persone innocenti e poi le hanno fatte passare per guerriglieri durante la presidenza di Alvaro Uribe.

In Colombia circa 120 giovani sono stati uccisi da agenti statali  e spacciati per presunti caduti in combattimento confermando tutte le denuncie fatte negli anni dalle organizzazioni per la tutela dei diritti umani.

In Colombia si sta vivendo un momento storico con le udienze di riconoscimento per le esecuzioni extragiudiziali, note anche come falsi positivi, avvenute nella regione del Catatumbo, nel dipartimento di Norte de Santander nel nord est del paese.

La Giurisdizione Speciale per la Pace (JEP) ha tenuto, presso l’Università Francisco de Paula Santander di Ocaña, udienze pubbliche in cui dieci soldati in pensione e un civile hanno accettato la loro responsabilità per la scomparsa e l’omicidio di circa 120 giovani, passati come presunti guerriglieri uccisi in combattimento.

I militari in pensione non solo hanno riconosciuto le loro responsabilità negli omicidi, registrati tra il 2007 e il 2008 durante il governo dell’ex presidente Álvaro Uribe Vélez, ma si sono anche scusati con le vittime e i parenti che hanno partecipato alle udienze.

Secondo la Camera per il riconoscimento della verità, della responsabilità e della determinazione dei fatti e della condotta del PEC, sul caso “03 Assassinati e sparizioni forzate presentate come vittime in combattimento da parte di agenti dello Stato”, gli omicidi si sono verificati senza combattimenti reali e le vittime erano indifese.

Nel 2021, quando il PEC ha ottenuto progressi sul caso, il giudice Catalina Díaz ha annunciato che crimini di guerra e crimini contro l’umanità sono stati imputati a dieci membri dell’esercito colombiano e a un civile.

“Il JEP accusa crimini di guerra e crimini contro l’umanità a un generale, sei ufficiali e tre sottufficiali dell’esercito e un civile, per “falsi positivi” a Catatumbo”, ha detto all’epoca.

Inoltre, il giudice ha dichiarato che, per il PEC, le prove dimostrano che gli 11 imputati sono “criminalmente responsabili del crimine di guerra di omicidio di una persona protetta e dei crimini contro l’umanità di omicidio e sparizione forzata”.

“Le 120 vittime assassinate hanno un profilo simile e lo stesso modus operandi si ripete. La Camera di Ricognizione ha scoperto che questi non erano eventi isolati o ripetizioni accidentali”, ha detto Díaz.

Il sottufficiale in pensione dell’esercito, Néstor Guillermo Gutiérrez Salazar, uno degli imputati, ha dichiarato che “Non giustificherò quello che ho fatto perché ho commesso crimini. Abbiamo ucciso persone innocenti, contadini. Voglio chiarirlo qui: quelli che abbiamo ucciso sono stati i contadini”.

“Ho giustiziato, ho ucciso parenti di coloro che sono qui, fornendo bugie, con inganni, sparando loro, uccidendoli crudelmente, mettendo loro una pistola in mano e dicendo che erano guerriglieri. Ho macchiando il nome di quella famiglia”, ha ammesso.

Secondo Gutiérrez, nel febbraio 2007, quando è arrivato a Catatumbo, c’è stata una “pressione di alti comandi che ci hanno chiesto di dare risultati”. “Abbiamo dovuto cercare comunque i risultati. Non siamo riusciti a trovare i gruppi di guerriglia, ma abbiamo dovuto dare il risultato (…) Lo stesso modus operandi mio in El Carmen veniva fatto dalle altre pattuglie”, ha detto.

Un altro degli imputati, il secondo sergente dell’esercito nazionale, Sandro Mauricio Pérez, ha ammesso che “Ho pianificato come portare i giovani nella città di Ocaña (…) Ho messo armi in mano in modo che giovani innocenti, con sogni e che erano amati dalle loro madri, mogli e figli, venissero uccisi e segnalati come risultato operativo”.

Pérez realizzava falsa documentazione per dare credibilità all’evento, portando via i documenti per rendere più difficile per i suoi parenti identificarli. “Erano omicidi a sangue freddo. Ho fatto una falsa documentazione per dare credibilità a questo fatto, ho rubato le carte l’identità dei loro cari, dei loro figli che amavano così tanto”, ha detto.

Allo stesso modo, l’ex capo delle operazioni del battaglione di fanteria N. °15, Juan Carlos Chaparro, accettò di realizzare falsa documentazione sulle persone assassinate. “Con le false informazioni ho realizzato falsa documentazione, Non ho mai controllato o approfondito, non sono mai andato oltre”. 

“L’unica cosa che mi interessava era che la documentazione, anche se ero un bugiardo, fosse lì. Mi scuso per questi crimini contro l’umanità che ho commesso (…), mi scuso per le attività atroci che ho commesso e coperto”, ha detto.

Durante la sua testimonianza, l’ex capo di stato maggiore della brigata mobile, il colonnello in pensione Rubén Castro, ha riconosciuto che c’era “una banda criminale all’interno della brigata di cui ero a conoscenza, che non ho denunciato o indagato”.

A sua volta, l’ex comandante della 15a Brigata Mobile tra il 2006 e il 2007, l’ex colonnello Santiago Herrera Fajardo, ha ammesso che “mentre detenevo quella posizione, una struttura criminale di fatto operava all’interno della Brigata”.

“Questo sfortunato atto criminale è stato fatto da alcuni membri dell’unità militare sotto il mio comando mentre facevo pressione loro per ottenere risultati in termini di vittime in combattimento in qualsiasi modo potesse accadere”, ha detto.

La parente di una delle vittime, Eduvina Becerra, è intervenuta all’udienza pubblica per ribadire che, da più di 14 anni, cerca giustizia per l’omicidio di suo marito e per i nomi di coloro che lo hanno assassinato. 

“Vogliamo che dicano oggi, davanti a questo Tribunale e davanti al mondo e al nostro paese, che i nostri parenti non erano combattenti o guerriglieri. Speriamo che tutto questo venga chiarito”, ha detto.

Una delle portavoce delle Madri dei Falsi Positivi della Colombia (Mafapo), Jacqueline Castillo, ha detto ai media locali che “per noi, i colpevoli sono i principali comandanti delle forze militari, i generali di ogni brigata, il ministro della Difesa, il presidente Álvaro Uribe Vélez stesso”.

La sorella di un’altra delle vittime, María Consuelo Daza, ha chiesto “se sei qui alla ricerca della verità, perché non parli dei capi, della struttura criminale, non ammetti che hai agito per ordine dei superiori?”. (Telesur)

Secondo l’avvocato Fernando Rodríguez c’è ancora molto da dire su questa vicenda perché molte delle persone implicate non sono state neppure convocate o ascoltate. Comunque questa vicenda dimostra che tutte le denuncie fatte dalle numerose organizzazioni non governative che si occupano del rispetto dei diritti umani in Colombia sui falsi positivi creati ad hoc dai militari colombiani hanno un fondamento.

 

Andrea Puccio – www.occhisulmondo.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.