Armi Carri armati

GLI UCRAINI VENDONO LE ARMI DI CONTRABBANDO SUL DARK WEB 

 

Un’inchiesta di Sputnik Arabic ha svelato come gli ucraini vendono le armi consegnate dalla Nato sul dark web a chiunque ne faccia richiesta.

Succede sovente che le armi arrivate nei paesi in guerra vengano vendute di contrabbando al migliore offerente attraverso piattaforme sul dark web. Anche le armi giunte in Ucraina non si sottraggono a questo commercio illegale e stanno facendo arricchire i soliti mercanti di morte. Un’inchiesta condotta da Sputnik Arabic (edizione di Sputnik in lingua araba) rivela come vengono vendute armi della Nato provenienti dall’Ucraina nei Paesi arabi.

Durante le ricerche su Darknet, abbiamo trovato un sito che vende armi, dove era pubblicato un annuncio “UCRAINE ARMS”, scritto in russo. Qui si vendevano i fucili M4: secondo le statistiche del sito, attraverso questo annuncio sono state effettuate più di 32 transazioni. Il prezzo partiva dai 2.400 dollari. La localizzazione a Kiev. A parte notiamo che il costo ufficiale dei fucili d’assalto M4, secondo le stime del Pentagono, varia a seconda della modifica dell’arma: da 600 dollari a 1.200 dollari.

Questo annuncio includeva anche recensioni sull’acquisto andato a buon fine delle armi: secondo gli algoritmi di questo tipo di siti, solo gli utenti che hanno già completato la transazione possono lasciare propri commenti. Detto in altre parole, nessun acquisto, nessuna recensione. 

I corrispondenti di Sputnik hanno deciso di scrivere al venditore fingendo di essere un compratore: in questo scenario ha comprato l’arma un tale yemenita Houthi con il soprannome 3ladin_houthi. 

Attraverso il form di contatto presente sul sito del dark web, il venditore ci ha chiesto di spostare la corrispondenza al messaggero Wickr. In seguito tutta la comunicazione avveniva solo qui. Per non destare sospetti tra i venditori ucraini, porgevamo le domande in arabo e le traducevamo in inglese tramite un traduttore online: sembrava più credibile. 

Prima di tutto, abbiamo chiesto direttamente al venditore se sarebbe stato in grado di consegnare un lotto di armi in Yemen e abbiamo ricevuto una risposta affermativa. La consegna era prevista via mare.

Quindi il venditore ha posto la domanda: “Di cosa hai bisogno esattamente e in quale quantità?”. Avevamo il sospetto che erano pronti a vendere non solo i fucili dell’annuncio, ma anche qualcos’altro. 

Quindi abbiamo deciso di scoprire il metodo esatto per l’invio e il trasporto delle armi. Allo stesso tempo abbiamo fatto capire che eravamo interessati a qualsiasi arma che potevano venderci. Per conquistare la fiducia del venditore, abbiamo aggiunto quanto segue: “Anche noi, Houthi, stiamo combattendo contro gli occupanti nel nostro Paese, proprio come voi”. 

Come emerso dalla risposta, la parte ucraina era davvero pronta a vendere non solo fucili di fabbricazione statunitense, ma anche granate. I fucili saranno consegnati con le munizioni necessarie. Anche il metodo di trasporto ci è stato descritto in dettaglio: 

“Consegneremo le armi in barili di olio motore. Ogni barile conterrà 10 fucili M4, 2000 proiettili, 200 granate. La spedizione via mare richiederà 10 giorni. Al porto riceverete solo barili di olio motore che non desteranno alcun sospetto.” 

Per capire in che quantità erano disposti a vendere e le scorte che avevano a disposizione, abbiamo deciso di chiedere 100 barili: è in barili che i trafficanti d’armi ucraini misurano il volume delle consegne. Ma ci è stato detto che non avrebbero avuto così tanti barili: sarebbero stati in grado di venderli solo 20. Descrivendo il volume della consegna e il prezzo, il venditore ha continuato: 

“In totale, 20 barili conterranno circa 200 fucili con munizioni e 400 granate. Tutto questo costerà circa 400.000 $”.

Bene, abbiamo dovuto accettare i volumi di contrabbando definiti. Poi abbiamo chiesto i termini dettagliati dell’accordo e la successiva consegna di barili di contrabbando al porto di Hodeida, l’unico controllato dagli Houthi yemeniti. Il venditore ha risposto che non ci sarebbero stati problemi con la consegna in questo porto.

Quindi ci sono stati descritti i termini e le condizioni dell’accordo: “

“L’accordo sarà così: invitiamo l’amministratore nella nostra chat e in sua presenza discutiamo i dettagli dell’accordo. Quando siamo d’accordo, scriviamo entrambi nella chat che le condizioni dell’accordo sono gradite. Depositi 400.000 dollari in criptovaluta tramite il sistema Monero XMR sul tuo account. Dopo invio la merce. 

Ricevi la merce. Tu controlli. Se tutto va bene, allora scrivi nella chat comune (dell’affare – ndr) che il venditore ha adempiuto pienamente ai suoi obblighi e chiedi di trasferire il proprio deposito al venditore. Successivamente, l’amministratore mi trasferisce il deposito, trattenendo il 2 per cento dell’importo della transazione. È tutto”. 

Il venditore ha detto molto più di quanto ci aspettassimo. Emerge che nella compravendita interviene un certo assistente, che è associato alla piattaforma darknet e funge da garante dell’esecuzione della transazione. Ottiene il 2 per cento di ogni operazione: nel nostro caso, otterrebbe 8.000 dollari.

Volevamo scoprire quante più informazioni possibili sulla consegna: dato che il porto yemenita di Hodeidah è abbastanza lontano dall’Ucraina e promettono di consegnare la merce in 10 giorni, il venditore dovrebbe avere una sorta di schema già pronto. Alla fine è emerso che questo schema era già pronto per i venditori ucraini. E lo hanno descritto in dettaglio: 

“Prepareremo la merce, la caricheremo nei barili e la caricheremo sulla nave con l’aiuto dei nostri referenti in Polonia. La nave seguirà il percorso indicato sulla mappa. La nave trasporterà aiuti umanitari, di solito nessuno li ispeziona. Venti barili non susciteranno sospetti in nessuno. Ecco perché non possiamo inviarne 100: potrebbero sorgere interrogativi”. 

Il venditore ha quindi inviato una mappa, interessante, firmata in russo, con un percorso disegnato a mano. Si scopre che le armi verranno caricate su una nave solo al largo delle coste del Portogallo. E poiché la parte ucraina rimandava ad alcuni “referenti in Polonia”, si sospetta che in questa vicenda sia coinvolta la mafia europea delle armi.

Ma non sappiamo come arriveranno le armi dalla Polonia in Portogallo. Tuttavia, coloro che effettivamente acquistano armi Nato di contrabbando potrebbero saperlo. Il venditore ha specificato: “Ti verrà inviato un numero di tracciamento per monitorare il percorso di consegna”. Secondo i trafficanti ucraini, il tracker online fornisce informazioni dettagliate sulla logistica: su quale nave si trova il carico, da quale porto è partito quando arriva al porto di destinazione. Tutte queste informazioni appaiono all’acquirente subito dopo il trasferimento del deposito. 

Dopo aver raccontato in modo sufficientemente dettagliato i particolari, il venditore ha comunque deciso di dire di aver spiegato solo “in termini generali”: 

“Nel caso, non so chi sei e non hai alcun deposito. Forse sei un agente dell’Interpol. Ho descritto in termini generali come funziona”.

Al termine delle nostre trattative, il venditore ucraino ha lasciato a noi, gli Houthi, un messaggio molto caloroso: “Nessun problema. Siamo dalla vostra parte. Dovete combattere”. 

Si scopre che la parte ucraina manifesta una certa solidarietà sulla lotta degli Houthi contro la coalizione araba guidata dall’Arabia Saudita: sono gli Houthi yemeniti a considerarli gli occupanti del loro territorio.

Per concludere la conversazione, abbiamo scritto che stiamo verificando il nostro account (necessario per effettuare il deposito in criptovaluta) e torneremo alla transazione. Le piattaforme del Darknet richiedono la verifica interna degli account utente: in questo modo cercano di limitare le attività dei servizi segreti o delle forze di polizia che qui cercano di far luce sul contrabbando di armi. (Sputnik)

Quindi come appare chiaro non è affatto difficile reperire armi di contrabbando incluse quelle consegnate all’Ucraina. Basta avere a disposizione i soldi ed il gioco è fatto.

 

Andrea Puccio – www.occhisulmondo.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.