LA STRATEGIA DELLA GUERRA E DELLA CRISI CONTINUA NELLA FOLLIA NEOLIBERISTA DELL’IMPERIALISMO di Jonathan Cook

(Visita il nostro Blog: https://www.occhisulmondo.info)

Dare un senso politico al mondo può essere complicato se non si comprende il ruolo dello Stato nelle società capitaliste. Lo stato non è principalmente lì per rappresentare gli elettori o sostenere i diritti e i valori democratici; è un veicolo per facilitare e legittimare la concentrazione di ricchezza e potere in un numero sempre minore di mani.
In un recente post , ho scritto di “esternalità”: la capacità delle aziende di compensare i costi reali inerenti al processo di produzione. Il peso di questi costi è trasferito di nascosto alla società più ampia: cioè a te e me. O su quelli lontani dalla vista, in terre straniere. O alle generazioni future. L’esternalizzazione dei costi significa che i profitti possono essere massimizzati per l’elite della ricchezza nel qui e ora.
Le società interne devono affrontare i costi esternalizzati di industrie che vanno dal tabacco e l’alcol ai prodotti chimici e ai veicoli. Le società all’estero devono affrontare i costi delle bombe dispiegate dalle nostre industrie di “difesa”. E le generazioni future dovranno affrontare i costi letali sostenuti dalle società a cui per decenni è stato consentito in modo gran parte non regolamentato di pompare i propri prodotti di scarto in ogni angolo del globo.
Diritto divino di governare
In passato, il compito dei media aziendali era quello di proteggere quelle esternalità dalla vista del pubblico. Più recentemente, poiché i costi sono diventati impossibili da ignorare, soprattutto con la crisi climatica che incombe, il ruolo dei media è cambiato. Il suo compito principale ora è quello di oscurare la responsabilità aziendale per queste esternalità. Ciò non sorprende. Dopo tutto, i profitti dei media aziendali dipendono anche dai costi di esternalizzazione, oltre a nascondere i costi esternalizzati delle loro società madri, dei loro proprietari miliardari e dei loro inserzionisti.
Una volta, i monarchi ricompensavano la classe clericale per aver persuaso i loro sudditi ad accettare passivamente il loro sfruttamento attraverso la dottrina del diritto divino. I media “tradizionali” di oggi non sono diversi. Sono lì per persuaderci che il capitalismo, la motivazione del profitto, l’accumulo di ricchezze sempre maggiori da parte delle élite e le esternalità che distruggono il pianeta sono l’ordine naturale delle cose, che questo è il miglior sistema economico immaginabile.
La maggior parte di noi ora è così propagandata dai media che riusciamo a malapena a immaginare un mondo funzionante senza capitalismo. Le nostre menti sono pronte a immaginare, in assenza di capitalismo, un immediato balzo indietro alle code per il pane, o un’inversione evolutiva all’abitazione nelle caverne. Quei pensieri ci paralizzano nell’incapacità di contemplare ciò che potrebbe essere sbagliato o intrinsecamente insostenibile su come viviamo in questo momento, o di immaginare il futuro suicida verso cui stiamo precipitando.
La linfa vitale dell’impero
C’è una ragione per cui, mentre ci precipitiamo come lemming verso il bordo della scogliera, spinti da un capitalismo che non può operare a livello di sostenibilità o anche di sanità mentale, la spinta verso una guerra intensificata cresce. Le guerre sono la linfa vitale dell’impero aziendale con sede negli Stati Uniti.
L’imperialismo statunitense non è diverso dai precedenti imperialismi nei suoi obiettivi o metodi. Ma nel capitalismo in fase avanzata, ricchezza e potere sono estremamente concentrati. Le tecnologie hanno raggiunto l’apice del progresso. La disinformazione e la propaganda sono sofisticate a un livello senza precedenti. La sorveglianza è invadente e aggressiva, se ben nascosta. Il potenziale distruttivo del capitalismo è illimitato. Ma anche così, l’appello della guerra non è diminuito.
Come sempre, le guerre consentono la cattura e il controllo delle risorse. I combustibili fossili promettono una crescita futura, anche se di breve termine, insostenibile.
Le guerre richiedono allo stato di investire i propri soldi nei prodotti orrendamente costosi e distruttivi delle industrie della “difesa”, dagli aerei da combattimento alle bombe, giustificando il trasferimento di ulteriori risorse pubbliche in mani private.
Le lobby associate a queste industrie di “difesa” hanno ogni incentivo a spingere per politiche estere (e interne) aggressive per giustificare maggiori investimenti, una maggiore espansione delle capacità “difensive” e l’uso di armi sul campo di battaglia in modo che necessitino di rifornimento.
Che siano pubbliche o segrete, le guerre offrono l’opportunità di ricostruire società mal difese e resistenti – come Iraq, Libia, Yemen e Siria – in modi che consentono il sequestro delle risorse, l’espansione dei mercati ed estendere la portata dell’élite aziendale.
La guerra è la più grande industria in crescita, limitata solo dalla nostra capacità di essere persuasi di nuovi nemici e nuove minacce.
Nebbia di guerra
Per la classe politica, i benefici della guerra non sono semplicemente economici. In un periodo di collasso ambientale, la guerra offre una Get Out of Jail Free card. Durante le guerre, il pubblico è incoraggiato ad accettare nuovi e sempre maggiori sacrifici che consentono di trasferire la ricchezza pubblica all’élite. La guerra è l’ultimo schema Ponzi del mondo aziendale.
La “nebbia di guerra” non descrive solo la difficoltà di sapere cosa sta succedendo nel vivo della battaglia. È anche la paura, generata dalle affermazioni di una minaccia esistenziale, che mette da parte il pensiero normale, la normale cautela, il normale scetticismo. È l’invocazione di un fantasmagorico nemico verso il quale dirigere il risentimento pubblico, proteggendo dalla vista i veri colpevoli: le corporazioni e i loro amici politici in patria.
La “nebbia di guerra” progetta l’interruzione dei sistemi di controllo e protocollo stabiliti per far fronte all’emergenza nazionale, avvolgendo e razionalizzando l’accumulo da parte delle corporation di maggiore ricchezza e potere e l’ulteriore cattura di organi dello stato. È la licenza prevista per modifiche “eccezionali” alle regole che si normalizzano rapidamente. È la disinformazione che passa per responsabilità nazionale e patriottismo.
Austerità permanente
Tutto ciò spiega perché Boris Johnson, il primo ministro britannico, ha appena promesso 16,5 miliardi di sterline alla “difesa” in un momento in cui il Regno Unito sta lottando per controllare una pandemia e quando, di fronte a malattie, Brexit e un nuovo ciclo di inondazioni invernali, l’economia britannica sta affrontando una “crisi sistemica”, secondo un nuovo rapporto del Gabinetto. I dati pubblicati questa settimana mostrano la più grande contrazione economica nel Regno Unito in tre secoli.
Se l’opinione pubblica britannica vuole sopportare ancora più tagli, arrendersi all’austerità permanente mentre l’economia fa i carri armati, Johnson, sempre il populista, sa di aver bisogno di una buona storia di copertura. E ciò comporterà un ulteriore abbellimento delle narrazioni esistenti e allarmanti su Russia, Iran e Cina.
Per rendere plausibili queste narrazioni, Johnson deve agire come se le minacce fossero reali, il che significa una spesa massiccia per la “difesa”. Tale spesa, del tutto controproducente quando la sfida attuale è la sostenibilità, riempirà le tasche delle stesse corporazioni che aiutano Johnson ei suoi amici a rimanere al potere, non da ultimo incoraggiandolo attraverso i loro bracci mediatici.
Necessità di nuovo venditore
Il modo cinico in cui funziona è stato sottolineato in un memorandum classificato della CIA del 2010, noto come “Red Cell”, fatto trapelare da Wikileaks, come ci ha ricordato questa settimana il giornalista Glenn Greenwald. Il memorandum della CIA affrontava la paura a Washington che l’opinione pubblica europea stesse dimostrando scarso appetito per la “guerra al terrore” guidata dagli Stati Uniti che seguì l’11 settembre. Ciò, a sua volta, ha rischiato di limitare la capacità degli alleati europei di sostenere gli Stati Uniti mentre esercitavano il loro diritto divino di fare la guerra.
Il promemoria rileva che il sostegno europeo alle guerre statunitensi dopo l’11 settembre si è basato principalmente sull ‘”apatia pubblica” – il fatto che gli europei fossero tenuti in gran parte all’oscuro dai propri media di ciò che quelle guerre comportavano. Ma con una marea crescente di sentimenti contro la guerra, la preoccupazione era che le cose potessero cambiare. C’era un bisogno urgente di manipolare ulteriormente l’opinione pubblica in modo più deciso a favore della guerra.
L’agenzia di intelligence degli Stati Uniti ha deciso che le sue guerre avevano bisogno di un lifting. George W. Bush, con la sua spavalderia texana e da cowboy, si era dimostrato un cattivo venditore. Così la CIA si è rivolta alla politica dell’identità e al finto “umanitarismo”, che credevano avrebbe giocato meglio con il pubblico europeo.
Parte della soluzione era accentuare la sofferenza delle donne afghane per giustificare la guerra. Ma l’altra parte era usare il presidente Barack Obama come il volto di un nuovo approccio “premuroso” alla guerra. Recentemente era stato insignito del Premio Nobel per la pace – anche se non aveva fatto nulla per la pace e avrebbe continuato a espandere le guerre statunitensi – molto probabilmente come parte di questo stesso sforzo per reinventare la “guerra al terrore”. I sondaggi hanno mostrato che il sostegno alle guerre statunitensi tra gli europei è aumentato notevolmente quando è stato loro ricordato che Obama ha sostenuto queste guerre.
Come osserva Greenwald:
”Il valore più importante di Obama è stato quello di abbellire, commercializzare e prolungare le guerre, non di porle fine. Lo hanno visto per quello che sono realmente i presidenti degli Stati Uniti: strumenti per creare un marchio e un’immagine sul ruolo degli Stati Uniti nel mondo che può essere efficacemente spacciata sia alla popolazione domestica negli Stati Uniti che poi sulla scena globale, e in particolare per fingere che le guerre barbare e senza fine degli Stati Uniti sono in realtà progetti umanitari benevolmente progettati per aiutare le persone – il pretesto usato per giustificare ogni guerra di ogni paese nella storia.
Lifting in stile Obama
Una volta che lo stato è stato inteso come un veicolo per trincerare il potere d’élite – e la guerra il suo strumento più affidabile per concentrare il potere – il mondo diventa molto più intelligibile. Le economie occidentali non hanno mai smesso di essere coloniali, ma hanno ricevuto un lifting in stile Obama. La guerra e il saccheggio – anche quando si mascherano da “difesa” o pace – sono ancora la missione principale dell’Occidente.
Questo è il motivo per cui i britannici, credendo che i giorni dell’impero siano alle spalle, potrebbero essere rimasti scioccati nell’apprendere questa settimana che il Regno Unito gestisce ancora 145 basi militari in 42 paesi in tutto il mondo, il che significa che gestisce la seconda rete più grande di tali basi dopo gli Stati Uniti. .
Tali informazioni non sono disponibili nei media “mainstream” del Regno Unito, ovviamente. Deve essere fornito da un sito investigativo “alternativo”, Declassified UK. In questo modo la stragrande maggioranza dei britannici rimane all’oscuro di come vengono utilizzate le tasse in un momento in cui viene detto loro che è essenziale stringere ulteriormente la cinghia.
La rete di basi del Regno Unito, molte delle quali in Medio Oriente, vicine alle più grandi riserve petrolifere del mondo, sono ciò che significa la tanto decantata “relazione speciale” con gli USA. Quelle basi sono la ragione per cui il Regno Unito – chiunque sia il primo ministro – non dirà mai “no” alla richiesta che la Gran Bretagna si unisca a Washington nel dichiarare guerra, come ha fatto per attaccare l’Iraq nel 2003, o per aiutare gli attacchi contro Libia, Siria e Yemen. Il Regno Unito non è solo un satellite dell’impero statunitense, è un fulcro dell’economia di guerra imperiale occidentale.
Alchimia ideologica
Una volta che questo punto è stato apprezzato, la necessità di nemici esterni – per la nostra Eurasias e Eastasias – diventa più chiara.
Alcuni di quei nemici, quelli minori, vanno e vengono, come impone la domanda. L’Iraq ha dominato l’attenzione occidentale per due decenni. Ora che è servito al suo scopo, i suoi campi di sterminio e le aree di reclutamento “terroristico” sono tornati a una semplice nota a piè di pagina nelle notizie quotidiane. Allo stesso modo, lo spauracchio libico Muammar Gheddafi è stato costantemente sfilato attraverso le pagine di notizie fino a quando non è stato ucciso con la baionetta. Ora la storia dell’orrore che è la caotica Libia di oggi, un corridoio per il traffico di armi e il traffico di esseri umani, può essere tranquillamente ignorata. Per un decennio, il tutto
Bashar Assad, della Siria, è stato elevato allo status di un nuovo Hitler, e continuerà a ricoprire quel ruolo fintanto che si adatta alle esigenze dell’economia di guerra occidentale.
In particolare, Israele, un altro fulcro dell’impero statunitense e che funge da sorta di laboratorio di test di armi offshored per il complesso militare-industriale, ha svolto un ruolo vitale nella razionalizzazione di queste guerre. Proprio come salvare le donne afghane dal patriarcato mediorientale rende l’uccisione di afghani – uomini, donne e bambini – più appetibile per gli europei, così distruggere gli stati arabi può essere presentato come un gesto umanitario se allo stesso tempo schiaccia i nemici di Israele e, per estensione, attraverso una strana, implicita alchimia ideologica, i nemici di tutti gli ebrei.
Quanto sia diventato opportunistico – e separato dalla realtà – il discorso occidentale su Israele e il Medio Oriente è diventato ovvio nel momento in cui le incessanti preoccupazioni per l’Assad siriano vengono soppesate contro l’indifferenza casuale verso i governanti a pezzi dell’Arabia Saudita, che per decenni hanno ha finanziato gruppi terroristici in tutto il Medio Oriente, compresi i jihadisti in Siria.
Durante quel periodo, Israele si è alleato segretamente con l’Arabia Saudita ricca di petrolio e altri stati del Golfo, perché tutti loro sono al sicuro all’interno della macchina da guerra statunitense. Ora, con i palestinesi completamente emarginati diplomaticamente, e con tutta la solidarietà internazionale con i palestinesi intimidita fino a farla tacere da calunnie di antisemitismo, Israele e i sauditi stanno gradualmente rendendo pubblica la loro alleanza, come una coppia di timidi amanti. Ciò includeva la conveniente fuga di notizie questa settimana di un incontro segreto tra il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e il governatore saudita Mohammed bin Salman in Arabia Saudita.
L’Occidente ha bisogno anche di nemici più grandi, più minacciosi e più permanenti dell’Iraq o della Siria. Utilmente un tipo di il nebuloso “terrorismo” – è l’inevitabile reazione alla guerra occidentale. Più persone di colore marrone uccidiamo, più persone di colore marrone possiamo giustificare l’uccisione perché portano avanti o supportano il terrorismo contro di noi. Il loro odio per le nostre bombe è un’irrazionalità, un primitivismo che dobbiamo continuare a soffocare con altre bombe.
Ma servono anche nemici concreti e identificabili. Russia, Iran e Cina danno un credito superficiale all’ autopresentazione della macchina da guerra come industria di “difesa”. Le basi del Regno Unito in tutto il mondo e l’aumento di 16 miliardi di sterline di Boris Johnson nella spesa per le industrie belliche del Regno Unito hanno senso solo se la Gran Bretagna è sotto una costante minaccia esistenziale. Non solo qualcuno con uno zaino sospetto sulla metropolitana di Londra, ma un nemico sofisticato e diabolico che minaccia di invadere le nostre terre, di rubare risorse a cui rivendichiamo diritti esclusivi, di distruggere il nostro modo di vivere attraverso la sua magistrale manipolazione di Internet.
Schiacciato o addomesticato
Chiunque metta in discussione queste narrazioni che razionalizzano e perpetuano la guerra è anche il nemico. Gli attuali drammi politici e legali negli Stati Uniti e nel Regno Unito riflettono la minaccia percepita che tali attori rappresentano per la macchina da guerra. Devono essere schiacciati o portati alla sottomissione.
All’inizio Trump era solo una figura che doveva essere addomesticata. La CIA e altre agenzie di intelligence hanno assistito all’opposizione organizzata a Trump – contribuendo ad alimentare lo “scandalo” del Russiagate privo di prove – non perché fosse un essere umano orribile o avesse tendenze autoritarie, ma per due ragioni più specifiche.
In primo luogo, gli impulsi politici di Trump, espressi nelle prime fasi della sua campagna presidenziale, erano quelli di ritirarsi dalle stesse guerre da cui dipende l’impero degli Stati Uniti.
Nonostante la maggior parte del disprezzo aperto dei media, è stato criticato molto di più per non essere riuscito a perseguire le guerre che per essere troppo aggressivo. E in secondo luogo, anche se i suoi impulsi isolazionisti sono stati in gran parte attenuati dalla burocrazia permanente e dai suoi stessi funzionari dopo le elezioni del 2016, Trump si è dimostrato un venditore di guerra ancora più disastroso di George W. Bush. Trump ha fatto apparire e suonare la guerra esattamente così com’è, piuttosto che confezionarla come un “intervento” inteso ad aiutare le donne e le persone di colore.
a l’isolazionismo amatoriale di Trump impallidiva rispetto a due minacce molto più grandi alla macchina da guerra emerse negli ultimi dieci anni. Uno era il pericolo – nel nostro nuovo mondo digitale interconnesso – di fughe di informazioni che rischiavano di strappare la maschera della democrazia statunitense, della “città splendente sulla collina”, per rivelare la pacchiana realtà sottostante.
Julian Assange e il suo progetto Wikileaks si sono rivelati un tale pericolo. La fuga di notizie più memorabile – almeno per quanto riguarda il pubblico in generale – è avvenuta nel 2007, con la pubblicazione di un video classificato, intitolato Collateral Murder, che mostrava un equipaggio aereo statunitense che scherzava e festeggiava mentre uccideva civili nelle strade di Baghdad. . Ha dato un piccolo assaggio del perché l ‘”umanitarismo” occidentale potrebbe rivelarsi così impopolare tra coloro a cui eravamo impegnati a portare presumibilmente la “democrazia”.
La minaccia rappresentata dal nuovo progetto di trasparenza di Assange è stata riconosciuta immediatamente dai funzionari statunitensi.
Le istituzioni politiche e dei media, esibendo un’ingenuità accuratamente levigata, hanno cercato di disconnettere il fatto che Assange ha trascorso la maggior parte dell’ultimo decennio in varie forme di detenzione, ed è attualmente rinchiuso in una prigione di alta sicurezza di Londra in attesa di estradizione negli Stati Uniti. , dal suo successo nell’esporre la macchina da guerra. Tuttavia, per garantire la sua incarcerazione fino alla morte in una delle sue carceri super-massime, l’impero statunitense ha dovuto fondere le definizioni accettate di “giornalismo” e “spionaggio”, e rivedere radicalmente le concezioni tradizionali dei diritti sanciti dal Primo Emendamento.
Prova generale per un colpo di stato
Una minaccia altrettanto grave per la macchina da guerra è stata rappresentata dall’emergere di Jeremy Corbyn come leader del partito laburista britannico. Corbyn ha presentato un problema eccezionale come Assange.
Prima di Corbyn, il Labour non aveva mai sfidato seriamente il complesso militare-industriale dominante del Regno Unito, anche se il suo sostegno alla guerra negli anni ’60 e ’70 era spesso mitigato dalla sua politica socialdemocratica di allora. Fu in questo periodo, al culmine della Guerra Fredda, che il primo ministro laburista Harold Wilson fu sospettato dalle élite britanniche di non condividere la loro paranoia anticomunista e anti-sovietica, ed era quindi visto come una potenziale minaccia per il loro ben difesi privilegi.
Come osserva un documentario della BBC del 2006, Wilson ha affrontato la prospettiva molto concreta di un “cambio di regime” forzato, coordinato dai militari, dai servizi di intelligence e dai membri della famiglia reale. Tutto ciò è culminato in
una dimostrazione di forza da parte dei militari mentre per breve tempo hanno assunto il controllo dell’aeroporto di Heathrow senza preavviso o coordinamento con il governo di Wilson. Marcia Williams, la sua segretaria, l’ha definita una “prova generale” per un colpo di stato. Wilson si è dimesso inaspettatamente subito dopo, a quanto pare quando la pressione ha iniziato a farsi sentire.
“Ammutinamento” dell’esercito
I successivi leader laburisti, in particolare Tony Blair, hanno imparato la lezione di Wilson: mai e poi mai affrontare l’establishment della “difesa”. Il ruolo principale del Regno Unito è quello di fungere da cane d’attacco della macchina da guerra statunitense. Sfidare quel ruolo sarebbe un suicidio politico.
Contrariamente a Wilson, che rappresentava una minaccia per l’establishment britannico più che altro nella sua immaginazione surriscaldata, Corbyn era davvero un vero pericolo per lo status quo militaristico.
È stato uno dei fondatori della coalizione Stop the War nata per sfidare le premesse della “guerra al terrore”. Ha chiesto esplicitamente la fine del ruolo di Israele come base avanzata delle industrie belliche imperiali. Di fronte alla massiccia opposizione del suo stesso partito – e afferma che stava minando la “sicurezza nazionale” – Corbyn ha sollecitato un dibattito pubblico sulla deterrenza rivendicata dall’establishment della “difesa” per il programma sottomarino nucleare Trident del Regno Unito, effettivamente sotto il controllo degli Stati Uniti. Era anche chiaro che l’agenda socialista di Corbyn, se avesse mai raggiunto il potere, avrebbe richiesto di reindirizzare i molti miliardi spesi per mantenere le 145 basi militari del Regno Unito in tutto il mondo di nuovo in programmi sociali nazionali.
In un’epoca in cui il primato del capitalismo rimane del tutto indiscusso, Corbyn attirò da parte dell’establishment del potere un’ostilità ancora più immediata di quella di Wilson. Non appena è stato eletto leader laburista, i suoi stessi parlamentari – ancora fedeli al blairismo – hanno cercato di estrometterlo con una sfida di leadership fallita. Se c’era qualche dubbio su come l’élite del potere ha risposto a Corbyn che diventa capo dell’opposizione, il quotidiano Sunday Times di proprietà di Rupert Murdoch ha presto offerto una piattaforma a un anonimo generale dell’esercito per chiarire le sue preoccupazioni.
Alcune settimane dopo l’elezione di Corbyn a leader laburista, il generale ha avvertito che l’esercito avrebbe intrapreso “un’azione diretta” utilizzando “qualsiasi mezzo possibile, equo o scorretto” per impedire a Corbyn di esercitare il potere. Ci sarebbe stato un “ammutinamento”, ha detto. “L’esercito semplicemente non lo avrebbe sopportato.
Tali opinioni su Corbyn erano, ovviamente, condivise dall’altra parte dell’Atlantico. In una registrazione trapelata di una conversazione con organizzazioni ebraico-americane dell’anno scorso, Mike Pompeo, segretario di stato di Trump ed ex direttore della CIA, ha parlato di come Corbyn fosse stato costretto a “lanciare il guanto di sfida” come un modo per assicurarsi che non sarebbe stato eletto primo ministro. La metafora militare parlava chiaro.
In relazione al pericolo che Corbyn vincesse le elezioni del 2019, Pompeo ha aggiunto: “Sia chiaro, non aspetteremo che faccia quelle cose che dice per iniziare a opporci a lui. Faremo del nostro meglio. È una cosa troppo rischiosa, troppo importante e troppo difficile da affrontare una volta che è già successa. “
Questo da parte dell’uomo che ha detto del suo tempo a capo della CIA: “Abbiamo mentito, abbiamo imbrogliato, abbiamo rubato. Era … era come se avessimo interi corsi di formazione. “
Macchie e Brexit
Dopo le elezioni del 2017 che i laburisti hanno perso solo di poco, la minaccia di Corbyn è stata decisamente neutralizzata nelle elezioni successive due anni dopo, dopo che il leader laburista è stato messo a terra da un misto di insulti antisemitici e una campagna Brexit in gran parte sciovinista per lasciare l’Europa.
Per felice coincidenza per l’establishment del potere, la Brexit ha anche rappresentato una profonda sfida politica per Corbyn. Era naturalmente antagonista nel mantenere il Regno Unito intrappolato all’interno di un progetto europeo neoliberista che, in quanto alleato semi-distaccato dell’impero statunitense, avrebbe sempre evitato il socialismo. Ma Corbyn non ha mai avuto il controllo su come è stato inquadrato il dibattito sulla Brexit. Con l’aiuto dei media aziendali, Dominic Cummings e Johnson hanno centrato quel dibattito su affermazioni semplicistiche secondo cui la rottura dei legami con l’Europa avrebbe liberato il Regno Unito socialmente, economicamente e culturalmente. Ma il loro programma nascosto era molto diverso. Un’uscita dall’Europa non aveva lo scopo di liberare la Gran Bretagna, ma di incorporarla più pienamente nella macchina da guerra imperiale degli Stati Uniti.
Questa è una delle ragioni per cui la Gran Bretagna a corto di soldi di Johnson, ora sta promettendo 16 miliardi di sterline in più per la “difesa”. Le priorità del governo Tory sono dimostrare sia la sua speciale utilità per il progetto imperiale che la sua capacità di continuare a usare la guerra – così come le circostanze uniche della pandemia – per incanalare miliardi dalle casse pubbliche nelle tasche dell’establishment.
Un restyling di Biden
Dopo quattro anni di Trump, la macchina da guerra ha ancora una volta un disperato bisogno di essere rinnovata. Wikileaks, un tempo fiducioso e giovane, ora è meno capace di sbirciare dietro le quinte e ascoltare i piani dell’establishment del potere per una nuova amministrazione sotto Joe Biden.
Possiamo essere certi, tuttavia, che le sue priorità non sono diverse da quelle stabilite nel memorandum della CIA del 2010. Il gabinetto di Biden, i media hanno strombazzato con entusiasmo, è il più “vario” di sempre, con donne particolarmente importanti nell’establishment della politica estera entrante .
C’è stato un enorme investimento da parte dei funzionari del Pentagono e dei falchi di guerra del Congresso nello spingere per la nomina di Michèle Flournoy come prima segretaria donna alla difesa. Flournoy, come la scelta di Biden per il segretario di stato, Tony Blinken, ha svolto un ruolo centrale nel perseguire ogni guerra degli Stati Uniti risalente all’amministrazione Bill Clinton.
L’altro principale contendente per il posto è Jeh Johnson, che sarebbe diventato il primo segretario alla difesa nero. Mentre Biden esita, la valutazione dei suoi consiglieri si concentrerà su chi sarà nella posizione migliore per vendere ancora più guerra a un pubblico stanco della guerra.
Il ruolo del progetto imperiale è quello di usare la violenza come strumento per catturare e incanalare ricchezze sempre maggiori – sia che si tratti di risorse sequestrate in terre straniere o della ricchezza comune della popolazione domestica occidentale – nelle tasche dell’establishment del potere, e di esercitarla potere sufficientemente nascosto, o ad una distanza sufficientemente grande, da non provocare alcuna resistenza significativa.
Una forte dose di politica dell’identità può far guadagnare un po ‘più di tempo. Ma l’economia di guerra è tanto insostenibile quanto tutto il resto su cui si fondano attualmente le nostre società. Prima o poi la macchina da guerra finirà il carburante.

The Planet Cannot Begin to Heal Until We Rip the Mask off the West’s War Machine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.