L’EX PRESIDENTE HUGO CHAVEZ

PER L’ONU LE SANZIONI USA CONTRO IL VENEZUELA VIOLANO I DIRITTI UMANI

PER L’ONU LE SANZIONI USA CONTRO IL VENEZUELA VIOLANO I DIRITTI UMANI

“Le sanzioni degli Stati Uniti e di altri paesi contro il Venezuela costituiscono una flagrante violazione dei diritti umani e del diritto internazionale, e la politica prevista di cambiare i governi con la “massima pressione” è contraria al principio di eguaglianza sovrana di gli Stati membri”. Lo ha denunciato la relatrice speciale delle Nazioni Unite sull’impatto negativo delle misure coercitive unilaterali sul godimento dei diritti umani, Alena Douhan, durante la presentazione del suo rapporto preliminare “Diritti umani e misure coercitive unilaterali”, dopo aver effettuato un’ampia visita nella Repubblica Bolivariana del Venezuela dove ha contattato un ampio gruppo di persone, vittime, aziende pubbliche e private, ONG, chiese, istituzioni statali e leader dell’opposizione di destra venezuelana.

“Lo scopo annunciato della campagna di massima pressione – per cambiare il governo del Venezuela – viola il principio di uguaglianza sovrana degli Stati e costituisce un intervento negli affari interni del Venezuela che colpisce anche le sue relazioni regionali”, ha letto questo venerdì la stessa relatrice dell’ONU, in una conferenza stampa davanti ai media nazionali e internazionali.

Lo Special Rapporteur dell’ONU ha sottolineato che “le sanzioni unilaterali contro il petrolio, l’oro, l’estrazione mineraria e altri settori economici, la compagnia aerea statale e l’industria televisiva costituiscono una violazione del diritto internazionale”. E ha precisato che in vista del congelamento unilaterale dei beni dello Stato venezuelano all’estero, viene violata l’immunità dei beni delle nazioni sovrane. “Il congelamento dei beni della Banca Centrale e dei beni utilizzati per le funzioni pubbliche appartiene allo Stato del Venezuela e non al suo governo oa qualsiasi individuo. Pertanto, il congelamento dei beni della Banca Centrale del Venezuela per non aver riconosciuto il suo Governo, così come l’adozione di sanzioni, viola i diritti sovrani del Paese e impedisce al suo governo effettivo di esercitare il suo dovere di garantire i bisogni della popolazione”.

Il documento segnala inoltre che i ripetuti rifiuti da parte di banche negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Portogallo di liberare beni venezuelani anche per l’acquisto di farmaci, vaccini e kit di protezione, sotto il controllo di organizzazioni internazionali, viola il suddetto principio e ne ostacola la capacità Il Venezuela per rispondere all’attuale emergenza della pandemia causata dal COVID-19.
“Le sanzioni selettive unilaterali nella loro forma attuale violano, come minimo, gli obblighi che derivano da strumenti universali e regionali nel campo dei diritti umani, molti dei quali sono perentori, garanzie procedurali e presunzione di innocenza”, ha ammonito.
L’ONU rileva che in Venezuela le “sanzioni” statunitensi costituiscono una flagrante violazione dei diritti umani e del diritto internazionale
L’alta autorità delle Nazioni Unite ha confermato che gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni contro il Venezuela dal 2005, quando hanno introdotto “sanzioni selettive” contro funzionari, entità, individui e individui.

E ha sottolineato che l’inclusione di funzionari statali nelle liste delle “sanzioni” impedisce la possibilità di rappresentare gli interessi del Venezuela nei tribunali e in altre istituzioni internazionali e mina il principio dell’uguaglianza sovrana degli Stati. Il rapporto preliminare del Relatore speciale delle Nazioni Unite avverte inoltre che l’applicazione della giurisdizione extraterritoriale a cittadini e società di Stati terzi per la cooperazione con autorità pubbliche, cittadini e società del Venezuela, e le presunte minacce a detti Stati terzi, non sono giustificate dal diritto internazionale e aumenta i rischi di “rispetto eccessivo delle sanzioni”.

Diverse leggi extraterritoriali statunitensi hanno giustificato “sanzioni” contro i funzionari venezuelani, fino al 2015, quando ha dichiarato una presunta “emergenza nazionale che minacciava la sicurezza e la politica estera” degli Stati Uniti. A queste rivendicazioni legali extraterritoriali si sono uniti altri governi di paesi in Europa e in America, comprese le nazioni del cosiddetto Lima Group.
Come parte delle sue conclusioni, la Special Rapporteur ha confermato che lo “stato di emergenza nazionale” annunciato dal governo degli Stati Uniti l’8 marzo 2015 come base per l’introduzione di maggiori sanzioni contro il Venezuela, “non corrisponde ai requisiti dell’articolo 4 del il Patto internazionale sui diritti civili e politici” con cui viene violato anche questo regolamento.

Secondo il citato articolo, non ci sono elementi che indichino il Venezuela come una vera minaccia per la vita degli Stati Uniti e il decreto firmato da Barack Obama a tempo debito e prorogato più volte in seguito da altri leader, introduce misure di durata illimitata, e discriminatorie, che abrogano il diritto alla vita e puniscono le attività che non costituiscono reato, come menzionato in una comunicazione di esperti sui diritti umani pubblicata il 29 gennaio 2021.

Intanto, il ministro degli Affari esteri el Venezuela, Jorge Arreaza, ha respinto le dichiarazioni dell’ambasciatore degli Stati Uniti (USA), James Story in cui difende le atrocità e i crimini, comprovati da Washington contro il popolo venezuelano, e per continuare a sostenere le politiche di un traditore della patria e corrotto come Juan Guaidó.

Le dichiarazioni sono state diffuse da Arreaza con un messaggio postato sul suo account Twitter @jaarreaza, in risposta a una serie di tweet dell’opposizione estremista venezuelana, per affermare che a causa delle sanzioni imposte le persone non sono responsabili della situazione in cui lo Stato venezuelano non può accedere al denaro trattenuto illegalmente nelle banche di alcuni paesi.

https://www.farodiroma.it/per-lonu-la-campagna-di-massima-pressione-per-cambiare-il-governo-del-venezuela-viola-il-principio-di-uguaglianza-e-costituisce-un-intervento-negli-affari-interni/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.