Militari venezuelani

SCONTRO ARMATO AL CONFINE TRA VENEZUELA E COLOMBIA: DUE MILITARI VENEZUELANI UCCISI

Lunedì Le Forze Armate Boliviane del Venezuela hanno riferito di alcuni scontri con gruppi armati colombiani irregolari nello Stato di Apure, al confine con la Colombia, che hanno lasciato due militari venezuelani uccisi, diversi feriti, 32 persone catturate e sei campi distrutti con armi e droga.

In una dichiarazione delle Forze Armate Nazionali Bolivariane (FANB) è stato reso noto che i due deceduti sono il maggiore Edward Ramón Corobo Segovia, appartenente al battaglione delle forze speciali “Tenente colonnello Eliézer Otaiza” e il primo tenente Yonathan Miguel Duarte, comandante della seconda compagnia del battaglione 923 Caribbean Sucre. Per quanto riguarda i feriti, il comunicato non specifica quanti siano, ma si legge che hanno ricevuto cure mediche adeguate.

Queste azioni armate si sono svolte nel settore La Coromoto della parrocchia Rafael Urdaneta, nel comune di José Antonio Páez nello stato di Apure, che confina con il dipartimento colombiano di Arauca, dove operano gruppi armati colombiani.

Come risultato della cosiddetta operazione “Scudo Bolivariano 2021” , la FANB ha riferito che “uno  dei capi dell’organizzazione conosciuto come “El Nando”” è stato neutralizzato. Inoltre, 32 persone sono state arrestate, sei campi sono stati distrutti e “armi, munizioni, esplosivi, attrezzature da guerra, veicoli e droga” sono stati sequestrati. .

Il comunicato afferma che “le operazioni di ricerca e inseguimento continuano ad essere eseguite nell’area”. A questo proposito, il ministro della Difesa venezuelano Vladimir Padrino Lopez ha scritto sul suo account Twitter che “il FANB sarà sempre pronta  a proteggere il popolo venezuelano e a difendere la sovranità”. Nel suo twitt si è  rincresciuto anche della morte di “due coraggiosi e patrioti” dell’esercito bolivariano “che non hanno esitato a difendere la Patria”. “La loro morte non rimarrà impunita!”, Ha detto.

Questi eventi sono stati preceduti da un fine settimana di violenza. Venerdì, un’organizzazione criminale armata di decine di fucili ha tentato di attaccare un commando della Guardia Nazionale Bolivariana (GNB) a Caracas. Secondo quanto riportano i media, questo gruppo intendeva sequestrare una batteria antiaerea dalla guarnigione militare, non riuscendoci, nell’operazione   quattro dei  membri della banda sono stati uccisi. Il giorno dopo, il ministro del Petrolio venezuelano Tareck El Aissami ha riferito di un “attacco terroristico” ad un oleodotto nella città di El Tejero, nello stato settentrionale di Monagas.

Domenica scorsa il presidente venezuelano Nicolás Maduro ha parlato dell’operazione “Scudo bolivariano” al confine con la Colombia e ha detto che ci sarà “tolleranza zero” con i gruppi armati che cercano di entrare nel suo Paese. Durante un discorso televisivo, Maduro ha responsabilizzato il governo colombiano di, Ivan Duque di non vigilare la zona di confine tra i due stati che misura 2.219 chilometri e ha aggiunto che le autorità venezuelane stanno adottando misure per respingere i criminali che passano il confine in quella zona.

Il presidente venezuelano ha continuato affermando che con l’uso dell’intelligence e il controspionaggio delle forze di sicurezza, sono stati ottenuti risultati “per la stabilità, l’esercizio della sovranità del Venezuela e il controllo del territorio”.

Le relazioni tra i governi di entrambi i paesi hanno attraversato momenti di massima tensione e ora sono interrotte. Il Venezuela ha rotto i rapporti con la Colombia nel 2019 in seguito al riconoscimento e al sostegno della Casa de Nariño all’ex deputato dell’opposizione Juan Guaidó, che si era proclamato “presidente in carica”. Sabato scorso il cancelliere venezuelano Jorge Arreaza ha definito il Ivan Duque “il presidente dell’oligarchia più sanguinosa e violenta d’America” dopo che Duke ha dichiarato in un’intervista che Maduro era un “assassino”.

Caracas accusa Bogotà di coordinare piani destabilizzanti e terroristici sul suo territorio per attaccare Maduro e altri alti funzionari mentre Duque accusa la sua controparte di ospitare membri di gruppi armati illegali in territorio venezuelano. 

Fonte :RT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.