La centrale nucleare di Fukushima

IL GOVERNO GIAPPONESE HA DECISO DI RILASCIARE LE ACQUE CONTAMINATE DELLA CENTRALE DI FUKUSHIMA IN MARE 

La decisione del governo giapponese di riversare milioni di tonnellate di acqua contaminata in mare usata per raffreddare il nucleo della centrale nucleare di Fukushima dopo l’incidente del 2011 che la ha praticamente distrutta ha provocato numerose prese di posizione a livello internazionale.

Nel 2011 la centrale nucleare giapponese di Fukushima è stata colpita da un terremoto e da un successivo tsunami che la hanno resa inattiva. Per raffreddare il nucleo centrale sono state usate milioni di tonnellate di acqua che a contatto con il materiale radioattivo si sono inquinate. Fino ad ora queste acque sono state conservate in centinaia di depositi ma adesso il governo giapponese ha deciso di rilasciarle gradualmente nell’oceano.

Il progetto del governo giapponese prevede il rilascio di oltre un milione di tonnellate di queste acque nell’Oceano Pacifico. Gli sversamenti inizieranno tra due anni e dureranno per decenni. Secondo quanto affermato dal governo giapponese prima di sversare l’acqua contaminata nell’oceano verrà filtrata per eliminare tutti gli isotopi radioattivi e successivamente diluita con altra acqua al fine di ridurne ulteriormente la carica radioattiva. Secondo il gestore dell’impianto, Tokyo Electric Power Co. (TEPCO) nell’acqua resterà solo il trizio, un isotopo radioattivo dell’idrogeno difficile da separare dall’acqua. Prima di pompare nell’oceano, l’acqua sarà diluita fino a quando i livelli di trizio non scenderanno al di sotto dei limiti normativi. Un portavoce del governo, Katsunobo Kato, sostiene che la diluizione ridurrebbe i livelli di trizio a livelli ben al di sotto degli standard stabiliti a livello nazionale e dall’Organizzazione mondiale della sanità per l’acqua potabile. 

Secondo il primo ministro giapponese Yoshihide Suga, gettare acqua in mare è “un compito inevitabile” per smantellare la pianta e ricostruire l’area di Fukushima”. Il governo insiste inoltre sul fatto che l’acqua filtrata viene regolarmente rilasciata in modo simile nelle centrali nucleari di tutto il mondo, riporta RT.

Se il governo giapponese è certo della non nocività delle acque i paesi vicini, Cina e Corea del Sud, hanno manifestato molti dubbi riguardo a questa decisione. In particolare la Cancelleria cinese ha dichiarato che tale decisione doveva essere presa in congiunto con i paesi vicini perché tale comportamento avrà ricadute sui vicini. “Questo è altamente irresponsabile e influenzerà seriamente la salute umana e gli interessi immediati della popolazione dei paesi vicini”, ha aggiunto la Cancelleria, sottolineando che gli oceani “sono proprietà condivise dell’umanità” e che il trattamento dei rifiuti di Fukushima “non è una mera questione interna del Giappone”. 

Da parte sua, il ministero degli Esteri sudcoreano ha convocato l’ambasciatore giapponese Koichi Aiboshi per trasmettere il rifiuto da parte dei sudcoreani dei piani di scarico delle acque contaminate, nonché le preoccupazioni per i potenziali rischi che potrebbe avere per l’impatto sulla salute e sull’ambiente delle persone. 

La portavoce della Cancelleria russa Maria Zakharova ha espresso la “seria preoccupazione” di Mosca per una decisione presa senza consultazione con gli Stati vicini, pur esprimendo la speranza che Tokyo “mostri il giusto grado di trasparenza” e affronti la questione in modo responsabile. 

Sulla stessa linea del governo giapponese anche il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, che non perde occasione per occuparsi degli affari altrui,  ha dichiarato che il Giappone “ha valutato opzioni ed effetti, è stato trasparente sulla sua decisione e sembra aver adottato un approccio in conformità con gli standard di sicurezza nucleare accettati a livello globale”. In risposta alla fiducia espressa dagli Stati Uniti all’alleato nipponico la portavoce della Cancelleria cinese Hua Chunying ha suggerito in un tweet che “Gli Stati Uniti dovrebbero accettare di ricevere acqua radioattiva dalla centrale nucleare giapponese di Fukushima se credono davvero che sia abbastanza sicuro da essere riversata in mare”. 

Forte opposizione a questa decisione è stata espressa anche dalle associazioni ambientaliste che temono per la salute delle persone e dal Sindacato dei pescatori di Fukushima. Il Sindacato è preoccupato per le conseguenze che il rilascio delle acque radioattive avrà sulla fiducia dei consumatori verso il pesce pescato nel mare attorno alla ex centrale. Ma cosa dicono gli scienziati?

Russia Today ha raccolto alcune opinioni. Geraldine Thomas, presidente della cattedra di  patologia molecolare all’Imperial College di Londra ed esperta di radiazioni, crede alle dichiarazioni di AFP secondo cui il trizio “non rappresenta affatto un rischio per la salute, in particolare quando si tiene conto del fattore di diluizione dell’Oceano Pacifico”. L’esperto stima che anche il carbonio 14 non sia un rischio per la salute. A suo parere, sono altri inquinanti chimici presenti nell’acqua di mare, come il mercurio, che dovrebbero preoccupare i consumatori più “di qualsiasi cosa provenga dal sito di Fukushima”, quindi “non esiterebbe affatto” a mangiare frutti di mare locali.

Ken Buesseler, uno scienziato senior presso la Woods Hole Oceanographic Institution nel Massachusetts, sostiene che la sua preoccupazione “sono i contaminanti radioattivi diversi dal trizio che rimangono ancora nei serbatoi ad alti livelli”. “Questi altri contaminanti sono tutti più rischiosi per la salute rispetto al trizio e si accumulano più facilmente nei molluschi e nei sedimenti dei fondali marini”, aggiunge Buesseler, che ha studiato le acque intorno a Fukushima, riporta Reuters.

Michiaki Kai, un esperto di valutazione del rischio di radiazioni presso l’Università di Scienze infermieristiche e sanitarie di Oita, in Giappone, sottolinea l’importanza di controllare la diluizione e il volume dell’acqua rilasciata, anche se afferma che “c’è consenso tra gli scienziati sul fatto che l’impatto sulla salute è molto poco. Tuttavia, ammette che “non si può dire che il rischio sia zero, e quindi è questo che genera polemiche”, secondo AFP.

Andrea Puccio – www.occhisulmondo.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.