L’ex presidente del Brasile Lula

IL DISCORSO DILULA A PARIGI ALL’ISTITUTO SCIENCES PO

di Alessandro Vigilante

 

L’ex presidente Luiz Inácio Lula da Silva ha tenuto una conferenza, questo martedì 16 novembre, all’Istituto di studi politici di Parigi (Sciences Po). L’evento, intitolato “Qual è il posto del Brasile nel mondo di domani?”, celebra il decimo anniversario del titolo di Dottore Honoris Causa conferito dall’istituzione a Lula. L’ex presidente è stato il primo latinoamericano a ricevere il titolo di una delle istituzioni più rispettate al mondo nel campo delle scienze politiche e sociali.

I principali brani del discorso di Lula:

È un privilegio tornare in questo storico anfiteatro, dove sono stato dieci anni fa per ricevere il titolo di Dottore Honoris Causa dall’Istituto Sciences Po. Oggi ho l’opportunità di rinnovare i miei ringraziamenti e condividere le impressioni dei cambiamenti avvenuti da allora in Brasile, in America Latina e nel nostro pianeta.

Innanzitutto, vorrei ringraziare Laurence Bertrand, presidente della Fondazione nazionale per le scienze politiche, per questo onorevole invito, il presidente dell’Osservatorio politico dell’America Latina e dei Caraibi, Olivier Dabene, e il suo direttore esecutivo, il professor Gaspard Estrada.

Ho affermato nel 2011 e ribadisco che questi omaggi non vengono da me personalmente, ma dal popolo brasiliano, paziente e coraggioso, nella sua lotta permanente per un paese e un mondo più giusti, meno diseguali e più democratici.

Voglio salutare ospiti, professori, personale, studenti e studentesse. Rivolgo un saluto speciale agli studenti brasiliani e latinoamericani, che l’Istituto Sciences Po ha sempre accolto nei momenti storici più difficili per il nostro popolo. La solidarietà con i perseguitati del mondo è una delle tradizioni più ammirevoli del popolo parigino; una tradizione che fortunatamente persiste in questi tempi in cui l’odio e l’intolleranza sono diffusi.

Personalmente, devo ringraziare molto per il sostegno e la solidarietà che ho ricevuto da tanti amici e colleghi in Francia, durante il periodo in cui sono stato bersaglio di implacabili persecuzioni giudiziarie, politiche e mediatiche nel mio Paese.

Sono particolarmente grato al “Comitato Lula Libero” francese, per il sostegno che ho ricevuto da compagni come François Hollande e Jeán-Luc Melanchon, dal Consiglio Municipale di Parigi e dal sindaco Anne Hidalgo, per la mia nomina a Cittadino Onorario di Parigi. Sono stati gesti generosi che hanno rotto il muro del silenzio sulla nostra resistenza in Brasile.

Ci sono voluti cinque anni di lotta per la verità e la giustizia fino a quando la Corte Suprema Federale del Brasile ha finalmente riconosciuto il sospetto e la parzialità del giudice che mi ha condannato senza prove e senza motivo, come avevano denunciato fin dall’inizio i miei instancabili avvocati, Cristiano Zanin e Valeska Teixeira Martins.

Ho sempre capito che condannandomi, imprigionandomi illegalmente e cercando di mettermi fuori legge, si intendeva annientare il progetto di un Paese più giusto, sovrano, impegnato nella sostenibilità ambientale e democraticamente integrato nel mondo, che i governi del Partito dei Lavoratori rappresentavano e continuare a rappresentare in Brasile.

La nostra vittoria nella dura battaglia per ristabilire la mia innocenza e i miei diritti politici fa parte della più ampia lotta del popolo brasiliano e di coloro che difendono la libertà e la democrazia in tutto il mondo. Se abbiamo vinto, è stato perché non sono mai stato solo. I 580 giorni e notti in cui fui imprigionato furono anche 580 giorni e notti in cui, fuori, sotto il sole o sotto la pioggia, compagni che nemmeno conoscevo di persona erano in costante e solidale veglia.

Miei amici, mie amiche,

quando ero qui, nel settembre 2011, il mondo stava ancora subendo gli impatti della grande crisi del capitalismo del 2008, derivante da una speculazione finanziaria sfrenata e incontrollata.

L’allarme per gli effetti dannosi del riscaldamento globale era già all’ordine del giorno. Abbiamo discusso sulla necessità di rafforzare le organizzazioni multilaterali e agire in coordinamento per la pace, contro la disuguaglianza, la miseria e la fame nel mondo.

Dieci anni dopo, le sfide fondamentali dell’umanità rimangono le stesse. L’urgenza di affrontarli sta diventando maggiore. Questa urgenza è aggravata dalla pandemia che continua a devastare le popolazioni dei Paesi più poveri, oltre a quelle i cui governi hanno negato la Scienza o, peggio ancora, investito nella morte, come è successo in Brasile.

È difficile, ma necessario, ammettere che nell’ultimo decennio il mondo è regredito.

Non c’è modo di spiegare alle generazioni future che nel nostro tempo l’1% dell’umanità detiene quasi la metà della ricchezza del pianeta, mentre 800 milioni di persone hanno fame. Che pochi privilegiati viaggiano nello spazio per un capriccio da un miliardo di dollari, mentre milioni di famiglie sono senzatetto.

Non vi è alcuna giustificazione per non tassare le transazioni finanziarie globali e creare fondi per lo sviluppo e la riduzione della povertà.

È alla luce di queste sfide che sono invitato a parlare del ruolo del Brasile nel prossimo futuro. Nonostante la situazione molto grave e tutte le battute d’arresto che sono state imposte al Paese e al popolo brasiliano negli ultimi anni, voglio portare una parola di speranza.

Miei amici, mie amiche,

è inevitabile confrontare la posizione che il Brasile aveva raggiunto nelle relazioni internazionali con l’isolamento tra le nazioni del mondo in cui il Paese si trova oggi. Questo non è il risultato del caso. È il risultato di una lotta di potere che è andata oltre i limiti della Costituzione e del rispetto della democrazia, fino a culminare nel colpo di stato dell’impeachment senza fondamento della presidente Dilma Rousseff nel 2016 e tutto ciò che ne è seguito.

L’obiettivo palese del golpe è stato quello di ribaltare il progetto di un Paese sovrano, finalizzato allo sviluppo economico, sociale e ambientalmente sostenibile, con la creazione di posti di lavoro e la distribuzione del reddito per la stragrande maggioranza storicamente esclusa.

Abbiamo notevolmente aumentato gli investimenti pubblici nelle politiche sociali e infrastrutturali per la crescita, riducendo e controllando l’inflazione e il debito pubblico. Il Brasile era la sesta economia più grande del mondo. In 12 anni abbiamo creato 20 milioni di posti di lavoro formali, aumentato il salario minimo del 74% e, grazie a una serie di programmi, il più noto dei quali è il “Bolsa Família”, abbiamo fatto uscire dalla povertà 36 milioni di persone. Nel 2012, il Brasile è uscito dalla mappa della fame delle Nazioni Unite.

Abbiamo creato 18 università, con 178 nuovi campus e 422 scuole tecniche in tutto il paese. Lo Stato ha creato e iniziato a garantire il credito educativo, ampliato l’offerta di posti e quote riservate per neri, indigeni e studenti provenienti dalle scuole pubbliche nelle università. Le iscrizioni all’istruzione superiore sono passate da 3,5 milioni a 8 milioni e, per la prima volta, neri, meticci e figli di lavoratori hanno raggiunto la maggioranza nelle università pubbliche in Brasile.

In questo modo abbiamo ridotto le disuguaglianze e, allo stesso tempo, accentuato la democrazia.

Di solito dico che tutto questo è successo perché, inoltre, per la prima volta, abbiamo inserito i poveri e i lavoratori nel Bilancio dell’Unione, dimostrando così che essi non sono un problema, ma la soluzione del Paese.

Trasformazioni di questa portata sembrano intollerabili per le élite forgiate in un processo storico segnato dall’appropriazione violenta di terre e risorse naturali, dal genocidio dei popoli indigeni e da oltre tre secoli di schiavitù dei popoli africani.

Avevamo interrotto un ciclo di politiche economiche neoliberiste, di riduzione dell’intervento statale e di privatizzazioni senza criterio. Ci siamo contrapposti a potenti interessi economici, finanziari e geopolitici dentro e fuori il Brasile. Ed è stato proprio per interrompere quel progetto di Paese sovrano e per riprendere il ciclo neoliberista che hanno mentito al Paese fino ad installare alla Presidenza della Repubblica un governo autoritario e oscurantista.

In realtà, il processo di distruzione nazionale in corso in Brasile può essere portato avanti solo da un governo anti-democratico, in un Paese avvelenato dall’industria delle fake news e in cui l’opposizione è esclusa dai dibattiti dei maggiori media.

Hanno distrutto catene economiche essenziali, i settori dell’ingegneria, del petrolio e del gas, e stanno distruggendo la più grande azienda del popolo brasiliano, la Petrobras. Hanno eroso le finanze pubbliche e, contrariamente a quanto promesso, hanno minato la fiducia degli investitori. Hanno trasformato il Brasile in un’economia in cui solo gli speculatori e gli opportunisti ottengono benefici.

Il risultato è che in soli cinque anni i lavoratori hanno perso i diritti fondamentali, la disoccupazione e il costo della vita sono aumentati vertiginosamente, i programmi sociali sono stati abbandonati o interrotti, compreso il “Bolsa Família”. La fame è tornata nella vita quotidiana delle famiglie.

Il governo smantella le politiche pubbliche che avevano avuto successo e perseguita scienziati, artisti, insegnanti e leader sociali; incoraggia la distruzione delle foreste e l’estrazione illegale.

Questo governo ha allontanato il Brasile dal mondo e chi ne soffre di più è il popolo.

Per tutti questi motivi, un nuovo inserimento del Brasile nello scenario mondiale comporta necessariamente la ricostruzione del Paese, attraverso il processo di elezioni democratiche e veramente libere, senza fake news, a differenza di quanto avvenuto nel 2018.

Cari amici, care amiche,

l’isolamento politico e diplomatico del Brasile è dannoso non solo per il nostro Paese, ma per la comunità delle nazioni. Oserei dire che la nostra partecipazione attiva ai grandi forum globali è molto mancata al mondo nel recente periodo.

Il Brasile è molto più di un immenso territorio, un grande mercato e un’economia che fino a poco tempo fa era una delle maggiori destinazioni per gli investimenti produttivi. Il Brasile è composto da 213 milioni di esseri umani, dalle origini più diverse, con la capacità di lavorare, apprendere, insegnare e sognare. Un Paese che difende il dialogo, con una tradizione di pacifica convivenza e rispetto dell’autodeterminazione dei popoli.

Possiamo contribuire molto su temi come la lotta alla povertà e alla fame; il dialogo politico; la costruzione della pace; l’equilibrio geopolitico del mondo; la democratizzazione delle relazioni finanziarie e commerciali tra i Paesi e su come fronteggiare l’emergenza climatica. Possiamo contribuire molto anche alla sicurezza alimentare del pianeta, all’economia globale, alla cultura, alla scienza e alla tecnologia.

Nella misura in cui il popolo brasiliano tornerà a prendere decisioni sulla direzione da dare al Paese, sono sicuro che agiremo con forza in tutte le iniziative tendenti a superare le indecenti disuguaglianze tra i Paesi e garantire la sicurezza ambientale del pianeta. Questa è la nostra vocazione ed era la nostra pratica quando governavamo.

Vi ricordo che siamo arrivati ​​alla Conferenza sul Clima di Copenaghen, sempre nel 2009, presentando l’obiettivo volontario di ridurre le emissioni di CO2 fino al 39% nel 2020, impegno trasformato in legge dal Congresso Nazionale. Questa attuazione ci aveva autorizzato a chiamare a riunione i grandi paesi, gettando i semi di quello che sarebbe diventato l’Accordo sul clima di Parigi del 2015.

La credibilità del nostro governo si basava sulla riduzione del tasso di deforestazione del 75%, il livello più basso raggiunto fino ad allora. Il nostro governo era responsabile del 74% delle unità di conservazione delle foreste e dell’ambiente create nel mondo in quel periodo. Ho presentato questi dati qui all’Istituto  Sciences Po nel 2011 e, nonostante tutte le battute d’arresto, sono quelli che rappresentano davvero l’impegno del popolo brasiliano per il pianeta in cui viviamo.

Siamo pienamente consapevoli della necessità di preservare l’Amazzonia, per un motivo molto semplice e poco diffuso: ospita più di 25 milioni di brasiliani, tra popolazioni indigene, popolazioni rivierasche, pescatori ed estrattivisti. Nessuno è più interessato a preservare la foresta, sana e in piedi, di coloro che da essa traggono il proprio sostentamento, nel necessario equilibrio.

Abbiamo delimitato più di 50 milioni di aree di protezione forestale nei nostri governi, in modo che le popolazioni indigene, i quilombola [neri discendenti di schiavi che fuggirono alla crudeltà della schiavitù e si rifugiarono nelle foreste. NdT] e le popolazioni locali possano vivervi in ​​armonia con la natura. Abbiamo incoraggiato la ricerca scientifica e l’uso sostenibile delle risorse amazzoniche a beneficio dell’umanità.

Coloro che distruggono, degradano, bruciano e disboscano sono invasori che, nel periodo in cui governavamo, erano sempre più perseguiti dalla legge e dallo Stato, ma nell’attuale governo hanno ricevuto salvacondotti per commettere i loro crimini.

Siamo i più radicalmente interessati a mantenere vivo questo patrimonio naturale, senza rinunciare né alla nostra sovranità né alla nostra intrasferibile responsabilità. È stato in questo modo che abbiamo ottenuto, ad esempio, il sostegno finanziario di Germania e Norvegia per istituire il Fondo per l’Amazzonia, che purtroppo è stato reso irrealizzabile dall’attuale governo del Brasile.

Cari amici, care amiche,

è per aprirci al mondo, in modo sovrano e solidale, che ci siamo impegnati per l’integrazione latinoamericana a partire dall’America del Sud. Abbiamo rafforzato il Mercosur, creato Unasur, l’Istituto Sudadericano di Governo della Salute, il Consiglio di Difesa dell’America del Sud e, in seguito, della Comunità degli Stati dell’America Latina e dei Caraibi, la CELAC.

Non è un’azione poco rilevante, considerata la storia, il fatto che abbiamo istituito un forum politico e diplomatico in America Latina e nei Caraibi autonomo rispetto agli Stati Uniti.

A mio avviso, il progresso dell’integrazione regionale consentirà ai nostri paesi di contribuire efficacemente a un dialogo globale più democratico. Per questo abbiamo innovato inoltre fondando l’IBSA [Foro di dialogo lanciato nel giugno del 2003 dai ministri degli esteri dell’India, del Brasile e del Sudafrica. NdT], con India e Sud Africa, e il BRICS, con l’inclusione di Russia e Cina.

Abbiamo ampliato il commercio e le relazioni con l’Unione Europea e compiuto progressi nel partenariato strategico e di difesa con la Francia. Abbiamo collaborato con i paesi africani, abbiamo stabilito un nuovo dialogo con i paesi arabi e con la Cina, fatti salvi i rapporti commerciali e diplomatici che abbiamo avuto con gli altri paesi.

Si tratta di importanti passi avanti, all’interno di una visione di mondo multipolare, che hanno dato ricadute pratiche alla difesa di rapporti economici e politici più equilibrati tra i paesi. La necessità di rafforzare o rinnovare il sistema multilaterale, rendendolo più efficace attraverso la sua democratizzazione, è una questione drammaticamente urgente per il mondo.

Non mi sono mai rassegnato al fatto che i paesi ricchi non abbiano dato seguito alle risoluzioni del G20 alle riunioni di Londra e Pittsburgh nel 2009.

Oltre alla frustrazione per ciò che è stato lasciato in sospeso, sono preoccupato che la comunità internazionale abbia fatto così poco per evitare che si verificasse un’altra crisi su scala ancora più ampia. Il sistema finanziario integrato a livello globale esercita immediatamente il suo potere sulla vita di 7,8 miliardi di persone.

Dovremo aspettare la prossima crisi per tornare a parlare della necessità di una governance globale democratica? Fino a quando l’avidità dei ricchi, l’isolazionismo dei governi e l’individualismo prevarranno sugli interessi del pianeta e dell’umanità?

Stiamo parlando della responsabilità degli Stati nazionali e del recupero del ruolo della Politica, nella sua accezione più alta, per affrontare insieme e in modo coordinato la sfida della disuguaglianza.

Il sottosviluppo, la povertà e la fame non sono comandamenti divini. Sono il risultato di ciò che facciamo o non facciamo in questo mondo.

L’esperienza mi ha mostrato che per affrontare le disuguaglianze in un dato Paese il ruolo dello Stato è centrale nel conglobare e distribuire, nel pianificare ed eseguire politiche pubbliche globali, nel garantire i diritti dei più deboli. Funzioni che lo Stato esercita quando è governato democraticamente, convivendo con l’energia di una società libera – partiti, movimenti, stampa, università e individui.

Neanche la disuguaglianza tra popoli e paesi è nata con l’umanità. È il risultato di processi storici che hanno privilegiato alcuni a scapito di molti, in un circolo vizioso, fino a raggiungere il punto in cui siamo.

È vero che non abbiamo risposte preconfezionate a queste domande, ma è ancora più certo che peggioreranno se rimanessimo semplicemente inerti e tutto continuasse in questo modo.

Dobbiamo cercare questi percorsi emancipatori attraverso un dialogo democratico, sincero e con senso di giustizia, nel quale il Brasile avrà molto da contribuire, non appena tornerà ad essere un Paese sovrano.

Amici e amiche,

il mondo sta ancora vivendo la grande crisi causata dalla pandemia. Come è successo dopo altre grandi crisi, è necessario ricostruire le istituzioni internazionali su nuove basi. Non possiamo continuare ad essere governati dal sistema creato dopo la seconda guerra mondiale. È urgente convocare una conferenza mondiale, con la rappresentanza di tutti gli Stati, e la partecipazione della società civile, per definire una nuova governance globale, equa e rappresentativa.

Su questo pianeta che condividiamo, il futuro dell’umanità ha bisogno di essere costruito con il dialogo e non con l’autoritarismo, con la pace e non con la violenza; con più libri e senza più armi; con più scuole, per avere meno carceri. Con più verità e meno menzogne. Con più rispetto per la natura, per garantire acqua, aria e vita ai nostri figli e nipoti. Con più accoglienza e solidarietà, e meno esclusione.

Con più amore e meno odio.

Grazie mille, dal profondo del mio cuore, per questo rincontro.

GRAZIE!

 

Luiz Inácio Lula da Silva

Fonte: https://pt.org.br/leia-o-discurso-de-lula-no-instituto-sciences-po-em-paris/

Traduzione dal portoghese: Alessandro Vigilante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.