Festeggiamenti a Mariupol per il Giorno della Vittoria

DOPO OTTO ANNI A MARIUPOL TORNANO I FESTEGGIAMENTI PER IL GIORNO DELLA VITTORIA

 

Ad otto anni dall’ultimo festeggiamento per il Giorno della Vittoria tornano a Mariupol liberata le strade piene di gente per ricordare questo fondamentale giorno che ha segnato la fine della Seconda Guerra Mondiale.

La città torna a festeggiare il Giorno della Vittoria. Nel centro città periodicamente continuano a sentirsi le esplosioni, ma si tratta di boati che ormai non fanno più paura: gli scontri proseguono solo nell’area dell’acciaieria dove i miliziani, senza fretta, continuano a soffocare la disperata resistenza dell’Azov.

Le strade sono state ripulite dalle macerie, non bisogna più zigzagare tra barricate costruite con carcasse di camion, autobus e blocchi di cemento, rischiando di forare a causa delle migliaia di schegge delle bombe. Le bandiere ucraine appese ai lampioni e ridotte a brandelli sono state sostituite da quelle russe. La maggior parte delle persone rimaste, dopo molti anni, torna ad indossare il nastro di San Giorgio. Questa data è una delle più sentite ed importanti.

Per ricostruire la città serviranno parecchie risorse ed energia, ma negli occhi di molti si vede ottimismo e sui volti, nonostante tutto, riappaiono i sorrisi. (Rangeloni News)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *