Aereo russo

PILOTA RUSSO CONTATTATO DAI SERVIZI SEGRETI UCRAINI PER RUBARE UN AEREO 

 

Un pilota russo racconta di essere stato contattato assieme ad altri suoi colleghi dai servizi segreti ucraini per rubare un aereo delle forze armate del Cremlino.

Il Centro di pubbliche relazioni del Servizio di sicurezza federale della Russia (FSB) ha pubblicato un video in cui un pilota russo racconta del tentativo di Kiev di reclutare lui e i suoi compagni per rubare aerei dell’aeronautica russa, riporta Sputnik.

“Sono stato contattato da un uomo che offriva soldi per dirottare gli aerei russi e portarli in Ucraina. All’inizio, ho preso le informazioni che ho ricevuto da questo sconosciuto per scherzo. Ma mentre la comunicazione continuava, è diventato chiaro che stavo parlando con un rappresentante dei servizi speciali ucraini e dei loro alleati occidentali”, ha confessato il pilota nel video.

Per portare a termine la sua operazione il pilota doveva inabilitare il navigatore satellitare del suo aereo con alcune sostanze speciali, ha riferito. Al pilota è stata offerta una montagna di denaro, un passaporto occidentale e la possibilità di abbandonare il paese per vivere in Europa o in un altro stato a sua scelta.

Il pilota è stato al gioco e gli ucraini gli  hanno creduto: ha ricevuto quindi informazioni segrete sulle posizioni delle difese ucraine, sulla dislocazione degli aeroporti militari e delle installazioni di difesa missilistica.

“Hanno creduto così tanto nella possibilità di organizzare il furto di un aereo che hanno rivelato posizioni di attrezzature di difesa aerea, mappe e molte altre informazioni utili per noi. Queste informazioni sono state prese in considerazione dalle nostre forze armate nel corso dell’operazione speciale. Questi dati sono stati particolarmente utili per l’uso di armi di alta precisione”, ha detto.

Il 25 luglio, l’FSB russo ha smantellato un’operazione dei servizi speciali dell’Ucraina che mirava a rubare aerei militari. Secondo l’FSB, il servizio di intelligence militare ucraino aveva promesso di pagare fino a due milioni di dollari a un pilota russo per dirottare un jet da combattimento. Allo stesso tempo, la parte ucraina ha rivelato alla Russia gli schemi delle strutture e degli aeroporti di difesa aerea dell’Ucraina.

Tra i dati segreti  forniti figuravano le posizioni delle zone di difesa aerea nel sud-est dell’Ucraina, gli schemi di difesa  dell’Ozernoe (regione di Chernogov) e Starokonstantinov (regione di Jmelnitsky), la mappa dell’altitudine dell’aeroporto di Priluki (regione di Chernogov) e la mappa dell’altitudine della regione di Zhitomir. Inoltre sono state fornite le posizioni dei missili portatili antiaerei.

 

Andrea Puccio – www.occhisulmondo.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *