LE IMMAGINI DI BUCHA L’ENNESIMA MESSA IN SCENA

NUOVE RIVELAZIONI SULLA FANTOMATICA STRAGE DI BUCHA 

 

“Il cosiddetto “massacro di Bucha” non è altro che una messa in scena orchestrata per giornalisti occidentali”, ha detto a Sputnik l’ex soldato e scrittore francese Adrien Boquet. Era sul posto quando l’esercito ucraino stava preparando la messa in scena, ha raccolto testimonianze che lo confermano. Ora riceve minacce ogni giorno.

Boquet ha visitato l’Ucraina due volte ad aprile con una missione volontaria, con l’obiettivo di fornire aiuti umanitari, attrezzature mediche e medicinali. All’inizio di aprile a Bucha, l’ex soldato ha visto come l’esercito ucraino stava preparando un’esercitazione, mettendo in scena un massacro di civili per il quale in seguito ha incolpato le truppe russe.

“Quando siamo entrati a Bucha in macchina, ero sul sedile del passeggero. E quando siamo passati attraverso la città, ho visto i corpi di persone ai lati delle strade, e allo stesso tempo, davanti ai miei occhi, ho osservato i corpi di persone che sono state poste accanto ai cadaveri che erano a terra, per fornire l’immagine di una strage di massa”, ha detto.

Boquet ha sottolineato che i giornalisti dei media occidentali “erano vicini” e non appena “si è formato un gruppo di corpi, i giornalisti si sono immediatamente avvicinati e hanno iniziato a filmarlo”.

“Uno dei volontari che era lì me l’ha detto il giorno prima. Sottolineo che non l’ho visto, mi ha detto uno dei volontari. Mi ha detto di aver visto il giorno prima come i camion refrigerati provenienti da altre città dell’Ucraina arrivavano a Bucha, da cui scaricavano i corpi e li allineavano”, ha spiegato il francese.

Lo scrittore ha spiegato che l’esercito ucraino ha fatto pressione e minacciato i volontari e la popolazione locale, per evitare che quanto stavano facendo venisse reso pubblico. Ha quindi aggiunto che ai volontari è stato vietato scattare foto e filmare video.

“Ci hanno avvertito che, altrimenti, ci aspettava una condanna a 10 anni o conseguenze ancora più gravi. Questo veto è stato esteso alla popolazione locale. Questa pressione è stata esercitata dai militari, principalmente dai membri di Azov. L’Europa oggi non capisce fino a che punto la popolazione ucraina è vittima di forti pressioni”, ha affermato.

Il volontario francese ha anche denunciato gli omicidi e le torture perpetrate contro l’esercito russo. Boquet ha assistito alla tortura e all’omicidio di prigionieri di guerra russi a nord di Bucha, nei primi giorni di aprile quando l’esercito ucraino era già in quella città da diversi giorni.

“Ho sentito urla, hanno chiesto chi fosse un ufficiale. Non appena la risposta è stata ascoltata, qualcuno ha immediatamente sparato a quella persona alla testa (…). La cosa peggiore è che non ho visto alcun atteggiamento umano, nessuna emozione”, ha detto.

I membri del battaglione Azov lo impressionarono con il loro atteggiamento disumano nei confronti dei russi, ebrei e altre razze.

“Ho dovuto fingere molto per non mostrare la mia opinione e le mie emozioni e, prima di tutto, per non esprimere il mio disaccordo con i loro ideali. Il mio disaccordo con la loro ideologia nazista, specialmente quando hanno espresso il loro atteggiamento nei confronti degli ebrei e delle persone di colore, perché erano dichiarazioni molto violente”, ha detto.

Secondo il volontario, come ex soldato, era stupito dall’odio che manifestavano.  Il compito principale dei membri dei gruppi armati ucraini era proprio quello di uccidere e torturare i “cani russi”, mentre non si prendevano cura della situazione della propria popolazione civile.

Secondo Adrien Boquet, dopo aver iniziato a parlare dei crimini commessi dalle formazioni armate del regime di Kiev, a cui ha assistito, ha iniziato a ricevere minacce alla sua integrità fisica.

“Fin dall’inizio, non appena ho iniziato a dire tutto questo, ho iniziato a ricevere minacce. E inoltre, hanno sparato alla mia cassetta della  posta, situata vicino a casa mia, con una mitragliatrice Kalashnikov “, ha denunciato.

“Naturalmente questo mi fa paura, temo che alcune cose vengano fabbricate contro di me per mettermi a tacere o mettermi in prigione”, ha sottolineato. )Sputnik)

 

Andrea Puccio – www.occhisulmondo.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.