LUÍS INÁCIO LULA DA SILVA.

IL DISCORSO COMPLETO DELLA VITTORIA DI LUÍS INÁCIO LULA DA SILVA.

 

Miei amici e mie amiche.

 

Siamo giunti al termine di una delle elezioni più importanti della nostra storia. Un’elezione che ha messo a confronto due opposti progetti del Paese e che oggi ha un unico e grande vincitore: il popolo brasiliano.

Questa non è una vittoria per me, né per il PT [Partido dos Trabalhadores. NdT], né per i partiti che mi hanno sostenuto in questa campagna. È la vittoria di un immenso movimento democratico che si è consolidato, al di sopra dei partiti politici, degli interessi personali e delle ideologie, per far sì che la democrazia emerga vittoriosa.

In questo storico 30 ottobre, la maggioranza del popolo brasiliano ha chiarito di volere più – non meno – democrazia.

Vuole più – non meno – inclusione sociale e opportunità per tutti. Vuole più – non meno – rispetto e comprensione tra i brasiliani. Vuole, insomma più – non meno – libertà, uguaglianza e fraternità nel nostro Paese.

Il popolo brasiliano ha mostrato oggi di volere qualcosa di più che esercitare il sacro diritto di scegliere chi governerà la propria vita. Vuole partecipare attivamente alle decisioni del governo.

Il popolo brasiliano ha mostrato oggi di volere qualcosa di più del diritto di protestare semplicemente perché ha fame, perché non c’è lavoro, perché il suo stipendio è insufficiente per vivere con dignità, perché non ha accesso alla salute e all’istruzione, perché non ha un tetto per vivere e crescere i propri figli in sicurezza, perché non c’è prospettiva di futuro.

Il popolo brasiliano vuole vivere bene, mangiare bene, abitare bene. Vuole un buon lavoro, uno stipendio che sia sempre riadattato più dell’aumento dell’inflazione, vuole avere una sanità pubblica e un’istruzione di qualità.

Vuole libertà religiosa. Vuole libri invece di armi. Vuole andare a teatro, al cinema, avere accesso a tutti i beni culturali, perché la cultura nutre la nostra anima.

Il popolo brasiliano vuole ritrovare la speranza.

È così che intendo la democrazia. Non solo come una bella parola scritta nella Legge, ma come qualcosa di palpabile, che sentiamo sulla nostra pelle e che possiamo costruire quotidianamente.

È stata questa democrazia, nel senso più ampio del termine, che il popolo brasiliano ha scelto oggi alle urne. È questa democrazia – reale, concreta – per la quale ci siamo impegnati per tutta la nostra campagna.

Ed è questa democrazia che cercheremo di costruire ogni giorno del nostro governo. Con una crescita economica condivisa tra l’intera popolazione, perché è così che dovrebbe funzionare l’economia, come strumento per migliorare la vita di tutti, non per perpetuare le disuguaglianze.

La ruota dell’economia tornerà a girare, con la creazione di posti di lavoro, l’aumento dei salari e la rinegoziazione del debito delle famiglie che hanno perso potere d’acquisto.

La ruota dell’economia girerà di nuovo poiché i poveri saranno inclusi nel bilancio. Con il sostegno dei piccoli e medi produttori rurali, responsabili del 70% del cibo che arriva sulle nostre tavole.

Con tutti gli incentivi possibili per micro e piccoli imprenditori, perché mettano le loro straordinarie potenzialità creative al servizio dello sviluppo del Paese.

È necessario andare oltre. Rafforzare le politiche per combattere la violenza contro le donne e garantire che guadagnino lo stesso salario degli uomini nello stesso ruolo.

Affrontare senza sosta il razzismo, il pregiudizio e la discriminazione, in modo che bianchi, neri e indigeni abbiano gli stessi diritti e opportunità.

Solo così potremo costruire un Paese per tutti. Un Brasile egualitario, la cui priorità sono le persone che ne hanno più bisogno.

Un Brasile con pace, democrazia e opportunità.

Miei amici e mie amiche.

Dal 1 gennaio 2023 governerò per 215 milioni di brasiliani, non solo quelli che hanno votato per me. Non ci sono due Brasile. Siamo un unico Paese, un solo popolo, una grande nazione.

A nessuno interessa vivere in una famiglia dove regna la discordia. È tempo di riunire le famiglie, ricostruire i legami di amicizia spezzati dalla diffusione criminale dell’odio. A nessuno interessa vivere in un paese diviso, in uno stato di guerra permanente.

Questo paese ha bisogno di pace e unità. Questo popolo non vuole più litigare. Questo popolo è stanco di vedere nell’altro un nemico da temere o distruggere. È tempo di deporre le armi che non avrebbero mai dovuto essere impugnate. Le armi uccidono. E noi scegliamo la vita.

La sfida è immensa. È necessario ricostruire questo Paese in tutte le sue dimensioni. Nella politica, nell’economia, nella gestione pubblica, nell’armonia istituzionale, nelle relazioni internazionali e, soprattutto, nella cura dei più bisognosi.

È necessario ricostruire l’anima stessa di questo Paese. Recuperare la generosità, la solidarietà, il rispetto delle differenze e l’amore per gli altri.

Riscattare la gioia di essere brasiliani e l’orgoglio che abbiamo sempre avuto nel giallo-verde e nella bandiera del nostro Paese. Quel giallo-verde e quella bandiera che non appartiene a nessuno, tranne che al popolo brasiliano.

Il nostro impegno più urgente è porre fine di nuovo alla fame. Non possiamo accettare come normale che milioni di uomini, donne e bambini in questo paese non abbiano da mangiare o che consumino meno calorie e proteine ​​del necessario.

Se siamo il terzo produttore di cibo al mondo e il primo di proteine ​​animali, se abbiamo tecnologia e un’immensità di terre coltivabili, se siamo in grado di esportare in tutto il mondo, abbiamo il dovere di garantire che ogni brasiliano possa fare colazione, pranzo e cena tutti i giorni.

Questo sarà, ancora una volta, l’impegno numero uno del nostro governo.

Non possiamo accettare come normale che intere famiglie siano costrette a dormire per strada, esposte al freddo, alla pioggia e alla violenza.

Pertanto, riprenderemo il Programma Minha Casa Minha Vida [Casa mia, Vita Mia. NdT], con priorità per le famiglie a basso reddito e rimetteremo in piedi i programmi di inclusione che hanno portato fuori 36 milioni di brasiliani dalla povertà estrema.

Il Brasile non può più vivere con questo immenso divario senza fondo, questo muro di cemento e disuguaglianza che separa il Brasile in parti ineguali che non si riconoscono tra loro. Questo Paese ha bisogno di riconoscersi. Deve reincontrarsi con se stesso.

Oltre a combattere la povertà estrema e la fame, ripristineremo il dialogo in questo Paese.

È necessario che l’Esecutivo riprenda il dialogo con il Legislativo e la Magistratura. Senza tentativi di soverchiare, intervenire, controllare, cooptare, ma cercando di ricostruire l’armoniosa e repubblicana convivenza tra i tre poteri.

La normalità democratica è sancita dalla Costituzione. È quella che stabilisce i diritti e gli obblighi di ogni potere, di ogni istituzione, delle Forze armate e di ciascuno di noi.

La Costituzione governa la nostra esistenza collettiva, e nessuno, assolutamente nessuno, è al di sopra di essa, nessuno ha il diritto di ignorarla o sfidarla.

È anche più che urgente riprendere il dialogo tra il popolo e il governo.

Quindi riproponiamo le conferenze nazionali. Affinché le parti interessate scelgano le loro priorità e presentino al governo suggerimenti di politica pubblica per ciascuna area: istruzione, salute, sicurezza, diritti delle donne, uguaglianza razziale, gioventù, alloggi e molti altri.

Riprendiamo il dialogo con governatori e sindaci, per definire insieme le opere prioritarie per ogni popolazione. Non importa a quale partito appartengano il governatore e il sindaco. Il nostro impegno sarà sempre quello di migliorare la vita della popolazione di ogni stato, di ogni comune di questo paese.

Ripristineremo anche il dialogo tra governo, imprenditori, lavoratori e società civile organizzata, con il ritorno del Consiglio per lo sviluppo economico e sociale.

In altre parole, le grandi decisioni politiche che influiranno sulla vita di 215 milioni di brasiliani non saranno prese in segreto, nel cuore della notte, ma dopo un ampio dialogo con la società.

Credo che i principali problemi del Brasile, del mondo, dell’essere umano, si possano risolvere con il dialogo, e non con la forza bruta. Nessuno dubiti della potenza della parola quando si tratta di cercare la comprensione e il bene comune.

Miei amici e mie amiche.

Nei miei viaggi internazionali e nei contatti che ho avuto con leader di diversi paesi, quello che sento di più è che al mondo manca il Brasile.

C’è nostalgia di quel Brasile sovrano, che parlava alla pari con i paesi più ricchi e potenti. E che allo stesso tempo ha contribuito allo sviluppo dei paesi più poveri. Un Brasile che ha sostenuto lo sviluppo dei paesi africani attraverso la cooperazione, gli investimenti e il trasferimento tecnologico.

Quel Brasile che ha lavorato per l’integrazione del Sud America, America Latina e Caraibi, che ha rafforzato il Mercosur e ha contribuito a creare il G20, UNASUR, CELAC e BRICS.

Oggi diciamo al mondo che il Brasile è tornato. Che il Brasile è troppo grande per essere relegato a questo triste ruolo di paria nel mondo.

Stiamo per riguadagnare credibilità, prevedibilità e stabilità del Paese, in modo che gli investitori – nazionali ed esteri – possano riacquistare fiducia nel Brasile. Perché smettano di vedere il nostro Paese come fonte di guadagno immediato e predatorio e diventino nostri partner nella ripresa della crescita economica con inclusione sociale e sostenibilità ambientale.

Vogliamo un commercio internazionale più equo. Riprendere le nostre collaborazioni con gli Stati Uniti e l’Unione Europea su nuove basi. Non ci interessano accordi commerciali che condannino il nostro Paese all’eterno ruolo di esportatore di merci e materie prime.

Reindustrializziamo il Brasile, investiamo nell’economia verde e digitale, sosteniamo la creatività dei nostri imprenditori e imprenditrici. Vogliamo anche esportare conoscenza.

Ci batteremo ancora per una nuova governance globale, con l’inclusione di più Paesi nel Consiglio di Sicurezza dell’ONU e con la fine del diritto di veto, che lede gli equilibri tra le nazioni.

Siamo pronti a impegnarci nuovamente nella lotta contro la fame e la disuguaglianza nel mondo e negli sforzi per promuovere la pace tra i popoli.

Il Brasile è pronto a riprendere il suo ruolo da protagonista nella lotta alla crisi climatica, proteggendo tutti i nostri biomi, in particolare la Foresta Amazzonica.

Nel nostro governo siamo riusciti a ridurre dell’80% la deforestazione in Amazzonia, riducendo notevolmente le emissioni di gas che causano il riscaldamento globale. Ora, combattiamo per la deforestazione zero in Amazzonia.

Il Brasile e il pianeta hanno bisogno di un’Amazzonia vivente. Un albero in piedi vale più di tonnellate di legno raccolte illegalmente da chi pensa solo a un facile profitto, a scapito del deterioramento della vita sulla Terra.

Un fiume di acqua limpida vale molto di più di tutto l’oro estratto a spese del mercurio che uccide la fauna e mette a rischio la vita umana.

Quando un bambino indigeno muore assassinato dall’avidità dei predatori dell’ambiente, una parte dell’umanità muore insieme a lui.

Pertanto, riprenderemo il monitoraggio e la sorveglianza dell’Amazzonia e combatteremo qualsiasi attività illegale, sia mineraria, mineraria, disboscamento o occupazione agricola impropria.

Allo stesso tempo, promuoveremo lo sviluppo sostenibile delle comunità che vivono nella regione amazzonica. Dimostriamo ancora una volta che è possibile generare ricchezza senza distruggere l’ambiente.

Siamo aperti alla cooperazione internazionale per preservare l’Amazzonia, sia sotto forma di investimento che di ricerca scientifica. Ma sempre sotto la guida del Brasile, senza mai rinunciare alla nostra sovranità.

Ci impegniamo per le popolazioni indigene, gli altri popoli della foresta e la biodiversità. Vogliamo la pacificazione ambientale. Non ci interessa una guerra per l’ambiente, ma siamo pronti a difenderla da ogni minaccia.

Miei amici e mie amiche.

Il nuovo Brasile che costruiremo dal 1° gennaio non interessa solo al popolo brasiliano, ma a tutte le persone che lavorano per la pace, la solidarietà e la fraternità, ovunque nel mondo.

Mercoledì scorso [26/10/2022. NdT] papa Francesco ha inviato un messaggio importante al Brasile, pregando affinché il popolo brasiliano sia libero dall’odio, dall’intolleranza e dalla violenza.

Voglio affermare che vogliamo la stessa cosa e lavoreremo instancabilmente per un Brasile in cui l’amore prevalga sull’odio, la verità vinca la menzogna e la speranza sia più grande della paura.

Ogni giorno della mia vita ricordo il più grande insegnamento di Gesù Cristo, che è l’amore per il prossimo. Pertanto, credo che la virtù più importante di un buon governante sarà sempre l’amore, per il suo paese e per il suo popolo.

Per quanto dipende da noi, l’amore non mancherà in questo Paese. Ci prenderemo molta cura del Brasile e del popolo brasiliano. Vivremo in un tempo nuovo. Di pace, di amore e di speranza. Un tempo in cui il popolo brasiliano ha il diritto di tornare a sognare. E le opportunità per realizzare ciò che sogna.

A tal fine, convoco tutti i brasiliani e le brasiliane, indipendentemente dal candidato per cui hanno votato in queste elezioni. Più che mai, andiamo insieme di mano data in questo Brasile, guardando più a ciò che ci unisce che alle nostre differenze.

Conosco la grandezza della missione che la storia ha in serbo per me e so che non sarò in grado di compierla da solo. Avrò bisogno di tutti: partiti politici, lavoratori, uomini d’affari, parlamentari, governatori, sindaci, persone di tutte le religioni. Brasiliani che sognano un Brasile più sviluppato, più giusto e più fraterno.

Ripeto quello che ho detto durante la campagna. Quella che non è mai stata una semplice promessa di un candidato, ma una professione di fede, un impegno di vita:

Il Brasile ha una maniera di progredire. Tutti insieme saremo in grado di riparare questo paese e costruire un Brasile delle dimensioni dei nostri sogni, con l’opportunità di trasformarli in realtà.

Ancora una volta, rinnovo la mia eterna gratitudine al popolo brasiliano. Un grande abbraccio e che Dio benedica il nostro cammino.

 

(Traduzione a cura di Alessandro Vigilante)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *