DIETRO AL COLPO DI STATO IN BOLIVIA ANCHE TESLA, HA DENUNCIATO EVO MORALES.

Il nuovo governo di Luis Arce difenderà in Bolivia il monopolio del litio, invece di lasciarlo all’iniziativa privata come intendeva fare la presidente golpista Jeanine Áñez. Lo ha affermato Evo Morales incontrando la stampa nel secondo giorno dopo il suo ritorno in patria. In proposito ha ricordato le dichiarazioni dell’imprenditore americano Elon Musk, titolare di Tesla Motors, interessato al litio, elemento utilizzato nella fabbricazione di batterie elettriche ricaricabili. Morales ha sottolineato che proprio l’industria automobilistica Usa ha contribuito al colpo di stato dello scorso novembre. Il più grande potenziale dell’estrazione del litio deriva dall’uso di queste batterie nei veicoli alimentati elettricamente e nei sistemi di accumulo dell’energia.

Morales ha tenuto una conferenza stampa in cui ha parlato di ripresa, insieme all’attuale presidente della Bolivia, Luis Arce Catacora, l’industrializzazione del litio, ma con un focus sulla regione latinoamericana.

“Quanto sarebbe bello iniziare (con) un mercato per queste industrie, è così che dovremmo avanzare a livello regionale e internazionale. Sono convinto che possiamo anche dare un contributo al mondo, ma anche decidendo le politiche del settore sul nostro litio “, ha detto Morales in contatto con i media.

Morales ha ricordato che nelle ultime settimane ha avuto un incontro virtuale con il Ministero della Scienza e della Tecnologia dell’Argentina e con le ex autorità dei Depositi di Litio Boliviani (YLB) per discutere e proporre un’industria binazionale del litio. “Ora abbiamo una grande opportunità per confrontarci con il compagno presidente sull’industrializzazione del litio. Continueremo ovviamente, se ci sono commenti tecnici benvenuti, siamo sempre (disponibili) ad aprire il dibattito ”, ha sottolineato.

Il secondo giorno del suo ritorno in Bolivia, Morales ha risposto alla stampa sottolineando che sotto il nuovo governo del presidente Luis Arce, la Bolivia riprenderà la crescita economica con un senso sociale.
Morales è tornato in Bolivia lunedì dopo un commosso addio al valico di frontiera di La Quiaca in Argentina.

Intanto la carovana popolare che accompagna Evo Morales ha lasciato Potosí, dove l’ex presidente è arrivato lunedì sera, per recarsi a Oruro. Evo ha iniziato il secondo giorno del suo ritorno in Bolivia martedì, un anno dopo il colpo di stato e l’inizio del suo esilio in Messico e Argentina, con una visita a diverse città della regione di Oruro.
Lungo l’autostrada, le donne e gli uomini delle comunità contadine aspettavano il primo presidente dello Stato plurinazionale con cibo e acqua. E lo hanno festeggiato con la musica, riferisce il corrispondente della piattaforma teleSUR, Freddy Morales.

Morales e il suo entourage sono partiti dall’hotel del sale, situato su una delle sponde del Salar de Uyuni, al centro delle Ande nel sud della Bolivia, la più grande miniera di sale del mondo.
L’ex capo dello stato è arrivato nel distretto di Sevaruyo, nella provincia di Eduardo Abaroa, del dipartimento di Oruro, dove ha ricevuto un caloroso benvenuto da centinaia di persone della regione nota per la coltivazione e la lavorazione della quinoa, uno degli alimenti più completi del pianeta.
I residenti di Sevaruyo si sono recati nel cortile dell’impianto di lavorazione della quinoa per salutare Morales, il secondo giorno dopo il suo ritorno in Bolivia.

Nel resto della giornata, Morales ha visitato la sua nativa Orinoca, una città appartenente al comune di Santiago de Andamarca nella provincia di Sud Carangas nel dipartimento di Oruro e poi è partito per la città di Oruro, la capitale dipartimentale, secondo il programma preparato per il leader politico.

L’ex presidente accompagnato dal suo vicepresidente Álvaro García Linera e da membri di alto livello del partito Movimiento al Socialismo (MAS), prevede di arrivare a Cochabamba questo mercoledì.
E sempre mercoledì 11 novembre sarà a Chimoré. “L’11 ho lasciato Chimoré per salvarmi la vita e l’11 tornerò vivo a Chimoré”, ha detto nei giorni scorsi l’ex capo di Stato.
In totale, Morales farà circa 1.000 chilometri fino a raggiungere il Tropico di Cochabamba, mercoledì, esattamente un anno dopo la sua partenza dalla Bolivia.

http://www.farodiroma.it/dietro-al-golpe-in-bolivia-anche-la-tesla-lindustria-usa-delle-auto-elettriche-la-denuncia-di-evo-morales/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.