SECONDO ROGER WATERS GLI STATI UNITI VOGLIONO CHE ASSANGE MUOIA IN PRIGIONE

La volontà di Washington di punire il fondatore di WikiLeaks Julian Assange non cambierà con Joe Biden in carica – e il governo britannico farà di tutto per aiutare gli Stati Uniti a raggiungere questo obiettivo -, ha dichiarato a RT Roger Waters, leggendaria rockstar, co-fondatore dei Pink Floyd.

Una decisione di un tribunale britannico sull’estradizione di Assange negli Stati Uniti, dove è ricercato per accuse di spionaggio per le sue fughe di documenti riservati, è prevista per il prossimo 4 gennaio.

Ma Rogers, parlando con Going Underground di RT, crede che la prossima sentenza sia abbastanza facile da prevedere. Le autorità britanniche “continueranno quelle che fanno – come cagnolini – a seguire le istruzioni di Washington DC, che saranno esattamente le stesse, che sia Joe Biden o Donald Trump” , ha spiegato.

L’intero processo di estradizione, che si è svolto a Londra in autunno, è stato “completamente un proceso di configurazione”, ha affermato Rogers.

Il team legale di Assange, ovviamente, farà appello contro la sentenza, e il procedimento si trascinerà, tenendo l’editore rinchiuso nella prigione di massima sicurezza di Belmarsh “dove è a rischio”, ha ricordato la rock star e attivista.

Gravi preoccupazioni per la salute del fondatore di WikiLeaks sono state ripetutamente sollevate, con un relatore speciale delle Nazioni Unite che in precedenza aveva lamentato che c’erano segni che il giornalista era stato sottoposto a “tortura psicologica” durante la sua incarcerazione.

“Il potere spera che Julian muoia in prigione”, ha detto Waters al presentatore di Going Underground, Afshin Rattansi.

Le autorità del Regno Unito “non prendono atto della dichiarazione universale sui diritti umani … o sulla legge o sulla giustizia” trattenendo in carcere Assange, che “non ha commesso alcun crimine tranne una violazione minore della cauzione” , ha aggiunto.

Rogers è stato a lungo un forte critico di Trump, ma non è troppo entusiasta del fatto che sia stato sostituito alla Casa Bianca dal democratico Joe Biden, che l’anno scorso ha etichettato Assange “un terrorista high-tech”.

“Biden è il servitore dell’oligarchia degli Stati Uniti. Non ci si può fidare di lui “, ha avvertito.

“Il presidente ha cambiato cappello o nome. Si chiama “Biden”. Si chiamava “Trump”. Le politiche non cambieranno.”

In effetti, gli unici cambiamenti probabili saranno superficiali, poiché Biden “non sarà così vile in pubblico come lo era Donald Trump”, ha suggerito il co-fondatore dei Pink Floyd.

“Chissà, forse tra quattro anni il DNC [Democratic National Committee] si sveglierà e sosterrà un candidato che rappresenta i bisogni e le aspirazioni del normale popolo lavoratore americano”, ha concluso.

Fonte: https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-roger_waters_con_biden_non_cambier_nulla_il_potere_vuole_che_assange_muoia_in_prigione/82_38589/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.