Julian Assange

ASSANGE RISCHIA DI MORIRE: ONU CHIEDE LA SUA SCARCERAZIONE

Il relatore delle Nazioni Unite contro la tortura, Nils Melzer, ha chiesto alle autorità britanniche il rilascio immediato del fondatore di WikiLeaks Julian Assange, 10 anni dopo il suo primo arresto e dopo una grave epidemia di Covid 19 nel carcere di Belmarsh di Londra dove è recluso, con 65 dei 160 detenuti sono risultati positivi.
“Assange non è condannato né rappresenta una minaccia per nessuno, quindi la sua reclusione prolungata e solitaria, in una prigione di massima sicurezza, non è né necessaria né proporzionata, ed è chiaramente priva di qualsiasi base giuridica”, ha detto Melzer.

Il relatore ha ricordato che i primi arresti nel dicembre 2010 erano basati su accuse di presunti crimini sessuali in Svezia che sono stati finalmente ritirati per mancanza di prove, così che ora la sua detenzione è puramente preventiva, mentre la sua possibile estradizione negli Stati Uniti è in corso. qualcosa che potrebbe richiedere anni.

I dieci anni di privazione della libertà (di cui sette trascorsi come rifugiato presso l’ambasciata ecuadoriana a Londra) “non sono solo detenzioni arbitrarie, ma possono anche comportare torture e trattamenti crudeli, inumani o degradanti”, ha detto l’esperto delle Nazioni Unite. Melzer ha ricordato che Assange soffre di precedenti disturbi respiratori che lo rendono particolarmente vulnerabile al Covid 19 e ha ricordato che molte prigioni in tutto il mondo hanno adottato misure per ridurre la popolazione carceraria per evitare focolai. Il relatore ha anche chiesto che il Regno Unito non estradi Assange negli Stati Uniti a causa dei dubbi che il suo possibile processo in quel paese solleva in termini di diritti umani, un mese dopo che è stata emessa una decisione in prima istanza su quella possibile estradizione.

https://www.farodiroma.it/assange-rischia-di-ammalarsi-di-covid-lonu-chiede-la-sua-liberazione-alla-gran-bretagna/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.