Evo Morales

ARCHIVIATO PROCESSO CONTRO EVO MORALES PER FRODE ELETTORALE

Il tribunale boliviano ha archiviato ed annullato il procedimento giudiziario che vedeva implicati l’ex presidente Evo Morales, l’ex

vice presidente Alvaro García Linera e  alcuni ex ministri del governo.

La denuncia era stata presentata da Carlos Mesa, candidato alle elezioni dello scorso anno per il partito Comunidad Ciudadana, contro Evo Morales, Alvaro García Linera, Héctor Arce, Carlos Romero e Juan Ramón Quintana per coinvolgimento morale nei brogli elettorali che si sarebbero verificati durante lo svolgimento della consultazione elettorale. Secondo la denuncia presentata da Carlos Mesa, che si basava sul rapporto stilato dall’Organizzazione degli Stati Americani (OSA) in cui si affermava che ci sarebbero stati ripetuti brogli elettorali in numerosi seggi,   veniva fatta ricadere la responsabilità morale dei brogli sul vincitore delle elezioni Evo Morales e sul governo. Nel rapporto dell’OSA veniva risaltato che i membri del Tribunale Supremo Elettorale avevano messo in atto reiterati brogli durante le elezioni e siccome tali membri rispondevano direttamente al governo. i responsabili morali delle frodi erano Evo Morales e i suoi ministri.

Nella denuncia presentata da Carlos Mesa che ha aperto le porte al successivo colpo di stato  veniva individuato quale responsabile intellettuale delle frodi l’intero governo boliviano. La sentenza emessa archivia il procedimento e ristabilisce giustizia e sancisce ulteriormente che le accuse erano false. 

Intanto il nuovo governo uscito dalle recenti elezioni guidato da Luis Arce del Movimento al Socialismo inizia a ristabilire le relazioni diplomatiche con quelle nazioni che precedentemente il governo golpista di Jeanine Anez aveva deciso di rompere.

Il Ministro degli Esteri della Bolivia Rogelio Mayta ha annunciato che il suo paese sta riallacciando le relazioni diplomatiche con Iran, Venezuela, Messico, Cuba, Argentina e Nicaragua interrotte l’anno scorso dal governo della Anez. Ha dichiarato che la Bolivia deve relazionarsi con tutte le nazioni e che negli anni in cui al governo vi era il Movimento al Socialismo il paese andino aveva raggiunto una credibilità internazionale molto alta, cosa che poi è diminuita drasticamente nel periodo in cui la Bolivia è stata guidata dalla destra golpista. Ha continuato aggiungendo che è ora che la Bolivia riprenda la sua credibilità internazionale ed è per questo che dobbiamo avere rapporti diplomatici con tutte le nazioni.

Andrea Puccio – www.occhisulmondo.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.