GLI STATI UNITI STANNO PENSANDO DI INSERIRE CUBA NUOVAMENTE NELLA LISTA DEI PAESI PATROCINATORI DEL TERRORISMO

a tre settimane dal passaggio dei poteri a Joe Biden.

Funzionari del Dipartimento di Stato americano hanno formulato una proposta per considerare nuovamente Cuba uno Stato terrorista, dopo averla rimossa dalla lista nera nel 2015 durante l’amministrazione dell’ex presidente Barack Obama, a causa della normalizzazione dei rapporti bilaterali.

Ieri, in un articolo, il quotidiano statunitense The New York Times (NYT) , ritiene che tale nomina creerebbe difficoltà al prossimo governo statunitense, presieduto da Joe Biden, per migliorare i rapporti tra Washington e L’Avana.

Tuttavia, il provvedimento richiede ancora l’approvazione del Segretario di Stato americano, Mike Pompeo, mentre mancano solo tre settimane prima che il presidente eletto del Paese presti giuramento come prossimo inquilino della Casa Bianca, il 20 gennaio.

A loro volta, i democratici hanno criticato questaa misura, definendola un cambiamento dell’ultimo minuto nella politica estera del paese. “È un altro trucco di questo presidente (Trump) a meno di 23 giorni dalla fine del mandato”, ha annunciato Gregory W. Meeks, rappresentante democratico di New York e nuovo presidente della commissione per gli affari esteri della Camera, in un’intervista telefonica con il NYT .

A questo proposito, i democratici e gli esperti di politica estera ritengono che il magnate di New York ed i suoi funzionari stiano cercando modi per ostacolare i primi mesi di amministrazione di Biden . Se Pompeo accetta la proposta, Cuba sarà il quarto Paese, dopo Siria, Iran e Corea del Nord, nella lista nera di Washington.

Tuttavia, il paese caraibico ha sempre respinto le accuse di Washington, definendo la politica di Trump nei confronti dell’isola un “clamoroso fallimento” . “Il quarto e ultimo anno dell’attuale governo statunitense, impegnato nei settori più rabbiosamente anti-cubani di quel Paese, è quasi giunto al termine, in questo periodo ha scatenato una sordida guerra contro Cuba, con l’assurda pretesa di metterci in ginocchio, rompere la resistenza della Rivoluzione e costringerci a fare concessioni, sia in politica estera che nella nostra realtà interna. Il suo fallimento è clamoroso e riconosciuto”, ha dichiarato lo scorso 17 dicembre il presidente cubano, Miguel Díaz-Canel,  al termine del sesto periodo ordinario di sessioni dell’Assemblea nazionale del potere popolare (ANPP) di Cuba.

Fonte https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-cuba_sponsor_del_terrorismo_per_pompeo/8_38939/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.