BRASILE E COVID: SITUAZIONE DISPERATA NELLO STATO DI AMAZONAS CHE POTREBBE ROMPERE IL BLOCCO ECONOMICO E IMPORTARE OSSIGENO DAL VENEZUELA

La principale società del governo amazzonico ha il diritto di cercare il prodotto disponibile in Venezuela e, al momento, sta vagliando la possibilità di importarlo nella regione.
Il rischio è l’assenza di ossigeno nei reparti di terapia intensiva

CBN Noite Total ha parlato con il medico Carlos Carvalho, direttore della divisione di pneumologia presso Incor, responsabile della terapia intensiva respiratoria dell’ospedale. All’ordine del giorno, la situazione critica vissuta dallo stato di Amazonas, che non dispone di ossigeno a sufficienza per curare i pazienti Covid-19 in gravi condizioni. Spiega cosa può accadere in seguito con i pazienti che non hanno cure adeguate in terapia intensiva senza respiratore.
Le agenzie hanno presentato congiuntamente una richiesta di intervento urgente al Tribunale federale. Gli autori della causa chiedono che la giustizia costringa il governo federale a presentare un piano di fornitura di ossigeno di emergenza alla rete sanitaria e a provvedere al trasferimento immediato dei pazienti in altri stati.
Il presidente del Congresso dice che sta seguendo la situazione e ha preso contatto con il presidente Bolsonaro e con i ministri dello stato per affrontare il caos nello stato di Amazonas. Ha inoltre affermato che il Congresso è a disposizione dello Stato. A Brasilia, stasera, si sentono grida da Fora, Bolsonaro in varie parti della nazione.
Il Brasile registrava due giorni fa più 1151 morti per Covid-19 in sole 24 ore
Con questi dati la media mobile dei decessi è di mille vittime. L’aumento è del 42% rispetto a 14 giorni fa.
In mezzo al collasso della sanità, il governo insiste per mantenere Enem in Amazonas
Domenica il governo federale sta cercando di ribaltare una decisione del tribunale e di conservare le prove dell’esame. È stato presentato ricorso alla FR della prima regione. Ieri l’applicazione delle prove in Amazonas è stata rinviata dal Tribunale.
‘È una tragedia che avrebbe potuto essere evitata’
Sérgio Abranches parla della terribile situazione che si verifica nello stato di Amazonas, che è privo di ossigeno per i pazienti, e critica l’atteggiamento e la negligenza del Ministero della Salute: “È un caos totale”, afferma.
“Deve essere uno dei momenti peggiori nella storia del Covid-19 in Brasile e sul pianeta”
In un’intervista a Ponto Final, l’epidemiologo della Fiocruz-Amazônia Jesem Orellan racconta come sia la situazione in Amazonas tra un aumento dei casi e dei decessi per Covid-19, oltre alla mancanza di ossigeno. Secondo lui, è possibile che ci siano “gravi conseguenze” dovute alla mancanza di ossigeno per i pazienti in condizioni moderate e gravi. L’epidemiologo sottolinea inoltre che la situazione era una “tragedia annunciata” e segnalata alle autorità.
Senza ossigeno, Manaus, la capitale dello Stato, attraversa il giorno più critico della pandemia.
C’è una mancanza di ossigeno per assistere i pazienti ricoverati in terapia intensiva o reparti di subintensiva. Le famiglie chiamano i social media per ottenere supporto nella ricerca di respiratori per i loro pazienti. Sui motori di ricerca di Internet il termine “ossigeno a Manaus” è il più cliccato.
Intanto il governatore del Pará chiude i confini con lo Stato di Amazonas, per precauzione, anche se tali decisioni spetterebbero solo al governo federale.
Espírito Santo fornirà 30 posti di terapia intensiva per assistere i pazienti in Amazonas
L’annuncio è stato dato dal governatore dell’Espírito Santo. Secondo Renato Casagrande, lo Stato può accoglierli da ieri. Su Twitter, il governatore ha affermato che il momento richiede solidarietà e unità da parte degli Stati a favore delle vite umane che devono essere salvate.
I pazienti di Amazonas ricoverati in ospedale con coronavirus si recano in altri stati come quelli di Goiás, Piauí, Maranhão e Rio Grande do Norte. Le informazioni erano state rivelate dal governatore di Amazonas, Wilson Lima, a causa dei bassi livelli di ossigeno nello stato. Verranno trasportati solo i pazienti in una fase moderata. Secondo il governo, gli stati di destinazione sono stati definiti in modo che queste regioni non fossero sovraccariche.
Il governatore dello Stato,Wilson Lima, dice che lo stato, che è il polmone del mondo e chiedendo aiuto afferma “Oggi la nostra gente ha bisogno di questo ossigeno”, ha detto. Ha ricordato che il mondo intero guarda all’Amazzonia quando si tratta di deforestazione e questioni ambientali e che la regione ora ha bisogno di aiuto per salvare vite umane.

https://cbn.globoradio.globo.com/media/audio/328785/amazonas-pode-recorrer-venezuela-para-conseguir-ox.htm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.