Vaccino

MORIREMO PURE TRANQUILLI SENZA I VACCINI CINESI E SENZA PSICOLOGI MA I GOVERNI E MEDIA OCCIDENTALI PRENDONO ABBAGLI PER RESTARE ATLANTISTI FINO IN FONDO   

“I vaccini della Cina sono relativamente poco efficaci e Pechino valuta l’ipotesi di un mix con vaccini a mRNA, realizzati con la tecnologia che caratterizza i farmaci di Pfizer o Moderna”. I media occidentali hanno sintetizzato così il pensiero del professor Gao Fu, numero 1 del Centro nazionale di prevenzione e controllo delle malattie, in una conferenza a Chengdu, dove ha accennato all’ipotesi di una sperimentazione combinata tra i vari tipi di vaccini per potenziarne l’efficacia (in caso di varianti) e abbattere ulteriormente il rischio delle razioni avverse. Con sconcertante semplificazione i nostri colleghi di fede atlantista (quelli che in settembre scrivevano che il vaccino russo Sputnik V era più pericoloso del Covid) hanno spiegato l’annuncio della nuova sperimentazione con l’intento della Cina di “risolvere il problema” legato “all’efficacia non elevata dei suoi attuali vaccini”.

Una semplice osservazione empirica smentisce la non efficacia dei prodotti cinesi: i morti per Covid nel grande paese asiatico sono in tutto 4 mila e 600, quelli deceduti in USA sono oltre 560 mila, come dire oltre 100 volte di più. E in Italia, paradiso dell’atlantismo mediterraneo (dove i vaccini russi e cinesi non entrano e dove il premier dà la colpa dei ritardi delle immunizzazioni agli psicologi anzichè all’incapacità di approvvigionarsi dell’UE e del suo stesso governo), abbiamo superato i 114 mila.
Quanto alla copertura vaccinale, in Cina siamo a 165 milioni di dosi di vaccino somministrate (una buona parte in dose unica, grazie all’ottimo prodotto Cansino), in USA a 183 milioni e in Italia solo a 13 milioni.

Dallo scoppio della epidemia del coronavirus, la Cina ha avviato 5 percorsi tecnologici dei vaccini, usando i tradizionali virus inattivati, i vaccini proteici ricombinanti, i vaccini vettoriali adenovirus, vaccini vettoriali attenuati del virus influenzale e i vaccini dell’acido nucleico (inclusi vaccini mRNA e vaccini DNA).

In cosa differiscono le 5 tecnologie? Gao Fu, ha spiegato nel suo rapporto sulla “Nuova strategia e pratica di immunizzazione dei vaccini coronarici”: i vaccini inattivati hanno i vantaggi dei metodi di preparazione tradizionali, sistemi tecnici maturi e standard di preparazione chiari; ricombinante i vaccini proteici non sono purificati. Contiene virus vivi ed è sicuro; i vaccini con vettori virali non richiedono nuovi coronavirus, ricerca e sviluppo rapidi di tecnologia genetica, facili da produrre e preparare, i vettori dell’influenza possono essere inoculati per via nasale per indurre l’immunità della mucosa; vettore del virus dell’influenza attenuato i vaccini possono essere prodotti mediante spray nasale Ottenere l’immunità della mucosa; ricerca e sviluppo rapidi di vaccini contro l’acido nucleico, ciclo di produzione breve, produzione facile da aumentare e basso costo. Allo stesso tempo, ha anche affermato che mentre il virus continua a mutare, quando si sviluppano i vaccini tradizionali classici, non si ignorano le infinite possibilità dei vaccini a mRNA.

Quanto è efficace la vaccinazione? I partecipanti hanno affermato che l’effetto è ovvio e la vaccinazione rafforzerà la barriera immunitaria. Una serie di dati può persino spiegare: l’efficacia ha raggiunto più del 95% e più del 94% per gli adulti di età superiore ai 65 anni. Hui Aimin, direttore medico di Fosun Pharma, ha condiviso i risultati della sperimentazione clinica globale di fase III di il nuovo vaccino corona mRNA BNT162b2 sviluppato congiuntamente con BioNTech.

Ciò premesso, il paragone sulla efficacia più o meno alta riguarda evidentemente i contagi e non le forme più gravi della malattia, che tutti i vaccini sono in grado di evitare. “I livelli di anticorpi generati dai nostri vaccini sono inferiori a quelli dei vaccini a mRNA e anche i dati relativi all’efficacia sono più bassi. La conclusione naturale è che i nostri vaccini basati su virus inattivati o che usano un vettore virale adenovirus siano meno efficaci dei vaccini a mRNA”, ha detto Tao Lina, scienziato di Shanghai. Secondo l’esperto, alle due dosi di vaccino cinese potrebbe essere aggiunta una terza dose di un farmaco diverso. “In ogni caso, la vaccinazione deve essere portata avanti a tutta velocità. Non dobbiamo aspettare che arrivi un vaccino perfetto”, ha aggiunto.
“È meglio averlo che niente, ed è meglio combattere che non combattere”, ha affermato Xu Aiqiang, il medico curante del Centro provinciale per il controllo e la prevenzione delle malattie dello Shandong.
Ci sono reazioni avverse? “Principalmente moderate o lievi, eritema locale, gonfiore, che con il riposo per un giorno o due possono essere alleviati”, ha detto Hui Aimin. “Anche il numero di reazioni è esiguo”. Huang Chaolin, il primario del Wuhan Jinyintan Hospital, ha aggiunto che solo un numero molto piccolo di persone avrebbe reazioni avverse.
Oltre allo sviluppo di vaccini, molti esperti hanno affermato che anche la promozione dei vaccini è molto importante. Durante l’incontro di scambio, l’Associazione cinese di medicina preventiva ha annunciato che si unirà a Fosun Pharma per lanciare il “Programma di formazione per la prevenzione e il controllo dei mille docenti di Spark Legend-COVID-19 2021-2022”, attraverso la formazione di docenti professionisti, per fornire ai medici locali e personale di controllo delle malattie con teorie autorevoli e una guida pratica per guidare ulteriormente il personale medico delle vaccinazioni di base verso vaccinazioni efficaci e standardizzate contro la nuova corona.

In un’intervista rilasciata al quotidiano cinese Global Times il direttore del Chinese Center of Disease Control (China CDC) ha confutato le affermazioni che gli hanno attribuito alcuni media e utenti di piattaforme di social media all’estero secondo cui egli avrebbe “ammesso” che i vaccini cinesi Covid 19 hanno un basso tasso di protezione. Come appare evidente, “era un completo malinteso”.

Al Global Times, Gao Fu ha affermato che “mentre scienziati di tutto il mondo stanno discutendo dell’efficacia dei vaccini, la Cina ha offerto una visione scientifica: quella di migliorare l’efficacia, l’adeguamento delle procedure di vaccinazione e l’inoculazione sequenziale con tipi diversi di vaccini: “i tassi di protezione di tutti i vaccini nel mondo sono a volte alti e talvolta bassi. Come migliorare la loro efficacia è una domanda che deve essere considerata dagli scienziati. A questo proposito, suggerisco che possiamo prendere in considerazione l’adeguamento del processo di vaccinazione, valutando il numero di dosi, gli intervalli temporali e l’adozione di vaccinazioni sequenziali con diversi tipi di vaccini”.
Gao ha sottolineato che poiché è la prima volta che gli esseri umani incontrano COVID-19, ci sono molti problemi scientifici da studiare quando si tratta di vaccinazioni. “Questa – ha ricordato – è anche la prima volta che gli esseri umani sono stati vaccinati con un nuovo vaccino contro il coronavirus. Tutte le procedure di vaccinazione che abbiamo adottato finora si sono basate su precedenti estrapolazioni di altre inoculazioni di vaccini virali e tale estrapolazione ha funzionato abbastanza bene”, ha detto Gao. “Ma in futuro, se avremo bisogno di apportare miglioramenti, possiamo apportare modifiche in base alle caratteristiche del nuovo coronavirus e alla situazione della vaccinazione”.

“Se seguissimo il modo tradizionale di sviluppare un vaccino, non avremmo avuto un vaccino entro un anno. Ma scienziati di tutto il mondo hanno sviluppato vaccini Covid 19 in pochi mesi, che è la prima volta nella storia del mondo. Ci sono molte domande scientifiche che devono essere affrontate”, ha detto Gao.
Il requisito dell’OMS per l’efficacia di un vaccino COVID-19 è del 50% o superiore e la soglia qualificata per la commercializzazione della maggior parte dei vaccini nel mondo è di circa il 70% o superiore. La Cina ha pubblicato la prima edizione delle linee guida sulla vaccinazione Covid 19 e “questo è l’approccio migliore al momento”, ha osservato Gao per il quale tutti i governi debbono suggerire alle persone di vaccinarsi, perché i benefici della vaccinazione superano di gran lunga i rischi. “I vaccini devono essere usati in modo equo e il mondo dovrebbe condividere i vaccini. Se il mondo non condivide i vaccini, il virus condividerà il mondo”, ha concluso.

Noi ci permettiamo di aggiungere una postilla a questo ineccepibile ragionamento: il Covid rappresenta una bella disgrazia per il mondo intero, sarebbe il caso di smetterla di usarlo come un’arma contundente per attaccare paesi, popoli e categorie (ad esempio gli psicologi che sono invece in prima linea a combatterlo). Qui si tratta al contrario di darsi la mano e aiutarci gli uni con gli altri a sconfiggerlo, precisamente come propongono ora gli scienziati cinesi. E come hanno fatto e stanno facendo i cubani e i russi. L’atlantismo, politica basata sull’esclusione, per favore mettiamolo da parte. Già abbiamo pagato un prezzo alto in vite umane a questa impostazione ideologica che ha fin qui escluso la possibilità di approvvigionare il nostro paese con prodotti anti Covid non americani, ostacolando anche con le fakenews l’anglosvedese AstraZeneca.

Moriremo pure tranquilli, senza i vaccini cinesi (e senza psicologi). Governi e media occidentali prendono abbagli per restare atlantisti fino in fondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.