Il Presidente cubano Miguel Diaz Canel

CUBA: DIAZ CANEL PARLA ALLA POPOLAZIONE DELLA NUOVA NORMALITA’ ED APRE ALLA VACCINAZIONE PER TURISTI

 

Il Presidente cubano Miguel Diaz Canel si è presentato ieri sera alla televisione cubana per parlare alla popolazione della prossima riapertura dei confini nazionali e del conseguente ritorno alla normalità dopo la pandemia da coronavirus.

Il Presidente Miguel Diaz Canel ha iniziato il suo discorso televisivo affermando che “Abbiamo vissuto due anni di chiusure e restrizioni in cui abbiamo dovuto affrontare situazioni e momenti molto difficili, e abbiamo anche dovuto rimpiangere perdite dolorose, ma ci stiamo rialzando.  Siamo in un momento in cui stiamo controllando la pandemia e questo sta aprendo prospettive su come il Paese può riprendere il suo corso, il suo ritmo e la sua stabilità”,.

Ha ricordato che all’inizio della lotta contro la pandemia, “abbiamo detto che questa sarebbe stata una lotta di lunga durata.  A quel tempo, abbiamo fornito in modo molto dettagliato un gruppo di situazioni che avevamo previsto sarebbero state vissute.  Era anche una lotta di resistenza.  Se fossimo stati un popolo debole, ci saremmo arresi.  Ma a Cuba non c’è spazio per la resa.  Con un popolo così non c’è resa possibile.

Parlando della pandemia, ha sottolineato che “prima di tutto occorre ricordare gli oltre 8.270 connazionali a cui la pandemia ha tolto la vita.  Esprimo le nostre condoglianze alle famiglie e agli amici.  Tutti abbiamo perso una persona cara in questa lotta, matutti noi ci siamo alzati al lavoro affinché nessun altro morisse e, soprattutto, per far sì che le morti fossero minime”.

a ricordato inoltre anche tutto il personale medico che si è dedicato alla ricerca ed allo studio del virus che durante la pandemia ha perso la vita. “ A loro dedichiamo il trionfo della scienza e della salute su quel nemico sconosciuto che ha già mietuto più di cinque milioni di vittime in tutto il mondo”, ha detto il Presidente.

“Tutto ciò che abbiamo affrontato ha avuto, come ulteriore elemento di grande rigore, la politica crudele e criminale dell’imperialismo yankee contro Cuba, che ha cercato di approfittare di questo momento di incertezza per stringere tutte le maglie del blocco compresa diffamazione e calunnia, ” ha denunciato il Miguel Diaz Canel.

“Hanno voluto presentarci come uno Stato fallito, come un governo che non è riuscito a superare questa situazione insieme al suo popolo”, ha aggiunto.

Ha avvertito a tale proposito che “dobbiamo essere convinti che non ci sono premi per sfidare un impero.  Piuttosto il contrario.  In questa sfida costante contro l’impero che vuole farci scomparire come nazione e come Rivoluzione, riceviamo campagne e minacce, divieti e punizioni, e in queste condizioni abbiamo ricevuto di più: un blocco intensificato.

“Indipendentemente dal fatto che il blocco persista, siamo obbligati a combatterlo con le nostre forze, con i nostri sforzi e con il talento che è nelle persone. Con le nostre proprie forze possiamo ottenere conquiste e attenuare notevolmente le difficoltà causate dal blocco. Questo è il modo per difendere la patria, ciò che i nostri genitori ci hanno lasciato in eredità.  Non si tratta di un’eredità materiale o di una ricchezza, ma, soprattutto, di impegno.  Un’eredità che ci costringe, insieme, a scalare montagne.  In questo momento stiamo raggiungendo una delle vette di quelle montagne.  Questo è il momento della raccolta basata su ciò che abbiamo seminato con molti sforzi e determinazione”, ha detto prima di rispondere alle domande dei giornalisti riuniti al Palazzo della Rivoluzione.

“La pandemia non è finita.  Dobbiamo imparare, controllando la pandemia, a conviverci. Nel marzo 2020 siamo partiti con un livello di incidenza molto basso, il che ci ha mostrato che mentre stavamo imparando a conoscere la pandemia, siamo stati anche in grado di controllarla aggiornando i nostri protocolli e introducendo farmaci biotecnologici molto innovativi. . 

A fine anno e ad inizio gennaio, con un controllo della pandemia, abbiamo aperto il confine.  Era il primo momento in cui aspiravamo a entrare nella nuova normalità.  A quel tempo abbiamo avuto un afflusso, soprattutto di cubani che vivevano all’estero e cubani in visita provenienti da paesi dove c’erano alti livelli di trasmissione, e, inoltre sono entrati nel paese anche vari, gruppi di turisti. L’entità dell’ingresso delle persone arrivate in quel momento non ci ha permesso di metterle tutte in centri di isolamento, poiché eccedeva le nostre capacità.  Dovevano quindi recarsi in quarantena domiciliare, e bisogna riconoscere che le misure stabilite non sempre sono state rispettate, l’ingresso domiciliare non è stato efficace, e si è iniziata ad avere una trasmissione totalmente diversa da quella esistente che si è manifestata, principalmente a causa dell’ingresso di varianti molto più aggressive del virus, come la delta”.”

“In quel momento, i vaccini erano in fase di studio, avevamo chiesto ai nostri scienziati che avevamo bisogno di sovranità nei vaccini ed erano nelle fasi di ricerca e sperimentazione clinica.  Successivamente, quando abbiamo iniziato ad applicare gli studi di intervento in gruppi e comunità a rischio, abbiamo iniziato ad avere risultati che in seguito hanno facilitato la vaccinazione di massa della popolazione. Con i risultati della vaccinazione massiccia e l’incidenza che stavamo avendo con l’immunizzazione della popolazione, nelle ultime quattro o cinque settimane c’è stata una diminuzione e al momento siamo sotto i 400 casi giornalieri.  Stiamo quasi tornando ai livelli di gennaio 2021”.

Rispondendo ad una domanda di una giornalista il Presidente cita alcune dati che confermano come a Cuba, nonostante il blocco, la pandemia sia stata gestita in modo esemplare. “Oggi, i casi attivi nel mondo sono il 7,47% di tutti i casi confermati che ci sono stati.  Nell’area delle Americhe è il 10,89%, e a Cuba con  (2.074 casi attivi) è solo lo 0,22% dei casi accumulati.  Pertanto, Cuba ha un controllo migliore della pandemia rispetto al mondo e alla regione. Nel mondo la mortalità è al 2,01%, nelle Americhe al 2,44% e a Cuba allo 0,86% e in questi giorni sta diminuendo. In altre parole, siamo riusciti a ridurre due o tre volte la letalità …. Penso che questo sia un risultato che dimostra davvero il lavoro svolto dal sistema sanitario, dai nostri scienziati, e anche dalla collaborazione e dalla partecipazione di tutta la nostra gente”.

“Una delle cose più notevoli che oggi costituisce senza dubbio un elemento di orgoglio nazionale è la sovranità che ci hanno dato i nostri vaccini.  Abbiamo già una vaccinazione completa per oltre il 70% della nostra popolazione.  Più del 90% ha almeno una dose e continuiamo a vaccinare”, sottolinea Miguel Diaz Canel nella sua risposta alla giornalista.

“Ci sono altri elementi che ci hanno dato dei punti di forza.  Laboratori di studi molecolari sono stati creati in tutte le province del Paese e nel municipio speciale di Isla de la Juventud. Quando è iniziata la pandemia, avevamo solo tre di questi laboratori.  Inoltre sono stati sviluppati farmaci innovativi, sono stati applicati farmaci che già avevano avuto risultati nel trattamento di altre malattie, sono state progettate, realizzate e utilizzate anche apparecchiature e dispositivi creati nell’emergenza della pandemia”.

“Ad esempio, quando prevedemmo che ci fosse una crisi nelle sale di terapia intensiva per il numero di casi che avevano raggiunto uno stadio critico o grave, decidemmo di acquistare ventilatori polmonari  a causa del blocco nessuno ci li ha venduti, gli scienziati cubani e anche il settore produttivo statale rispetto al settore non statale ha trovato risposte e ci sono stati progetti di ventilatori polmonari che sono già stati prodotti nell’ordine delle centinaia di unità, che cominciano a darci sovranità in tal senso.”

Riferendosi al drastico calo del turismo sull’isola che ha privato Cuba di importanti ingressi di moneta pregiata il Presidente ha ricordato che “In queste condizioni eccezionali che ha attraversato l’economia, il Paese ha smesso di ricevere più di 3 miliardi di dollari in un anno e mezzo di reddito.  Bisognerebbe vedere cosa sarebbe cambiato oggi se avessimo contato su quel reddito”. Inoltre “I” pochi introiti che abbiamo ricevuto abbiamo dovuto dedicarli per una parte importante proprio a salvare vite umane, più di 300 milioni di dollari sono stati dedicati alla copertura delle spese nella lotta al covid”.

Miguel Diaz Canel apre anche l’isola ai turisti che intendessero vaccinarsi con i preparati cubani. Infatti, rispondendo ad una domanda sull’argomento   di una giornalista, il Presidente afferma che “Se un turista vuole vaccinarsi, può farlo.  Ci sono tutte le procedure, se, un turista o un visitatore che arriva a Cuba per un tempo lungo e vuole essere vaccinato, avrà tutta l’attenzione necessaria per completare lo schema”. Aggiunge che a tutti coloro che resteranno nel paese per un tempo breve che non permette la somministrazione di tutte le dosi verranno consegnati i farmaci per terminare il ciclo vaccinale nel loro paese seguendo tutte le indicazioni necessarie.

“Ci hanno già annunciato che ci sono gruppi di turisti che vengono proprio con l’obiettivo, oltre a soggiornare a Cuba, di vaccinarsi e di sfruttare la sicurezza offerta dai vaccini” cubani.

Riguardo all’annuncio delle prossime manifestazioni contro il governo programmate per il 15 novembre Miguel Diaz Canel ha detto che questo “Fa parte di una strategia imperiale per cercare di distruggere la Rivoluzione.  Hanno cercato di costruire eventi per data: hanno provato a testare l’11 luglio, ora propongono di fare provocazioni intorno al 15 novembre;  Hanno sollevato un intero alone mediatico in modo che il mondo possa aspettare ciò che accadrà a Cuba il 15 novembre.  Penso che nemmeno questo ci tolga il sonno ma siamo calmi, al sicuro, ma attenti e vigili, e siamo pronti a difendere la Rivoluzione, ad affrontare qualsiasi azione interventista contro il nostro Paese, specialmente contro tutto ciò che minaccia la pace, la tranquillità cittadina e nostro ordinamento costituzionale”.

“Cuba è una nazione di pace.  Siamo ribelli, siamo insoddisfatti, non tolleriamo ciò che è fatto male, facciamo  critiche, dovremo fare più critiche su tutto ciò che facciamo male e dove c’è uno spazio di mediocrità,  Ma siamo, soprattutto, una nazione di pace, una nazione di solidarietà, di amicizia.  E questa nazione difende un progetto che è una vera rivoluzione socialista, che non è clandestina al potere”. (Cubadebate)

 

Andrea Puccio – www.occhisulmondo.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.