Arrivano altri jet militari F35 in Italia

FINCHE’ C’E’ GUERRA C’E’ SPERANZA 

 

Nonostante la pandemia che ha fatto crollare le vendite in tutto il mondo nello scorso anno un comparto commerciale non ha avuto alcuna flessione, anzi ha aumentato il fatturato. Il commercio di armi ha aumentato nel 2020 il suo fatturato, potremmo dire che “Finché c’è guerra c’è speranza”, parafrasando il noto film interpretato da Alberto Sordi in cui interpretava uno spregiudicato mercante di armi. 

Le vendite di armi continuano a crescere anche in piena pandemia. Il 2020 è stato il sesto anno consecutivo di aumento delle vendite di armamenti. 

Secondo l’ultimo rapporto SIPRI (Stockholm International Peace Research Institute, Stoccolma, 6 dicembre 2021) le vendite di armi e servizi militari delle 100 maggiori aziende del settore ammontano a 531 miliardi di dollari nel 2020, con un incremento dell’1,3% in termini reali rispetto all’anno precedente. 

Nel 2020, le vendite di armi delle prime 100 aziende di armi sono superiori del 17% rispetto al 2015, il primo anno in cui il SIPRI ha incluso i dati sulle aziende cinesi. L’industria delle armi resiste alla pandemia di Covid-19 e alla recessione economica (3,1% di calo nel primo anno della pandemia). 

“I giganti del settore sono stati ampiamente protetti dalla domanda pubblica sostenuta di beni e servizi militari” (Alexandra Marksteiner, ricercatrice nel programma Spese militari e produzione di armi presso il SIPRI). “In gran parte del mondo, le spese militari sono aumentate e alcuni governi hanno persino accelerato i pagamenti all’industria degli armamenti per limitare l’impatto della crisi del Covid-19″.

Le aziende statunitensi continuano a dominare la classifica

Gli Stati Uniti hanno ancora il maggior numero di aziende nella Top 100. Le vendite combinate di armi di 41 aziende americane ammontano a 285 miliardi di dollari nel 2020 – un aumento dell’1,9% rispetto al 2019 – e rappresentano il 54% del totale delle Top 100 delle vendite. A partire dal 2018, le prime cinque maggiori aziende nella classifica hanno tutte sede negli Stati Uniti. 

Il SIPRI non dice che gli USA e tutti i suoi alleati innanzitutto paesi NATO ma anche Giappone e Israele coprono più dell’80% del mercato mondiale degli armamenti.

Le vendite combinate di armi delle prime cinque aziende cinesi sono di circa 66,8 miliardi di dollari nel 2020, l’1,5% in più rispetto al 2019. Le aziende cinesi rappresentano il 13% del totale, cioè le vendite di armi che nel 2020 si sono piazzate subito dopo le aziende statunitensi e davanti a quelle del Regno Unito nella TOP 100.

“Negli ultimi anni, le compagnie di armi cinesi hanno beneficiato dei programmi di modernizzazione militare del Paese e si sono concentrate sulla fusione civile-militare”, ha affermato il dottor Nan Tian, ricercatore presso il SIPRI. “Sono diventati tra i produttori di tecnologia militare più avanzati al mondo. NORINCO, ad esempio, ha co-sviluppato il sistema di navigazione satellitare militare-civile BeiDou e ha intensificato le sue attività nelle nuove tecnologie.

Le 26 compagnie europee di armamenti nella Top 100 rappresentano il 21% delle vendite totali di armi, ovvero 109 miliardi di dollari. Le sette società britanniche riportano un totale di $ 37,5 miliardi di vendite di armi nel 2020, in crescita del 6,2% rispetto al 2019. Le vendite di armi di BAE Systems – l’unica azienda europea nella Top 10 – sono aumentate del 6,6% a $ 24 miliardi.

“I ricavi delle vendite di armi delle sei società francesi nella Top 100 sono diminuiti del 7,7%”. “Questo calo significativo è in gran parte dovuto a una forte diminuzione anno su anno del numero di consegne di aerei da combattimento Rafale da parte di Dassault. Le vendite di armi di Safran sono aumentate, trainate dall’aumento delle vendite di sistemi di navigazione e puntamento”.

Le vendite di armi delle quattro aziende tedesche nella Top 100 hanno raggiunto $ 8,9 miliardi nel 2020, con un aumento dell’1,3% rispetto al 2019. Queste aziende rappresentano l’1,7% delle vendite totali di armi Top 100. Rheinmetall, il più grande produttore di armi della Germania, ha registrato un Aumento delle vendite del 5,2%. Il costruttore navale ThyssenKrupp, invece, ha registrato un calo del 3,7%.

Le vendite combinate di armi delle nove società russe classificate nella Top 100 sono scese da 28,2 miliardi di dollari nel 2019 a 26,4 miliardi di dollari nel 2020, con un calo del 6,5%. Ciò segna la continuazione della tendenza al ribasso osservata dal 2017, quando i ricavi dalla vendita di armi di queste nove prime 100 società russe hanno raggiunto il picco. Le aziende russe rappresentano il 5% delle vendite totali di armi nella Top 100. Alcuni dei maggiori cali nella Top 100 sono registrati dalle società russe. Ciò coincide con la fine del Piano statale degli armamenti 2011-2020 e i ritardi nei tempi di consegna dovuti alla pandemia. Almaz-Antey e United Shipbuilding Corporation hanno visto diminuire le loro vendite di armi rispettivamente del 31% e dell’11%. Al contrario, United Aircraft Corporation ha aumentato le vendite di armi del 16%. L’altro elemento essenziale dell’industria bellica russa è la diversificazione delle linee di prodotto. Le aziende russe stanno attualmente attuando una politica del governo per aumentare la proporzione delle vendite civili al 30% delle loro vendite totali entro il 2025 e al 50% entro il 2030.

• Le vendite aggregate di armi delle prime 100 società con sede al di fuori di Stati Uniti, Cina, Russia ed Europa ammontano a 43,1 miliardi di dollari nel 2020, con un aumento del 3,4% dal 2019. 

• Le vendite di armi delle tre prime 100 società israeliane ammontano a 10,4 miliardi di dollari, ovvero il 2,0% del totale.

• Le vendite aggregate di armi delle cinque società giapponesi in classifica ammontano a 9,9 miliardi di dollari nel 2020, ovvero l’1,9% del totale.

• Nella classifica sono state incluse quattro società sudcoreane. Le loro vendite combinate di armi ammontano a $ 6,5 miliardi nel 2020, con un aumento annuo del 4,6%.

 

• Le vendite combinate di armi delle tre aziende indiane Top 100 sono aumentate dell’1,7%. Nel 2020, il governo indiano ha annunciato un divieto graduale all’importazione di alcuni tipi di equipaggiamento militare al fine di rafforzare l’autosufficienza nella produzione di armi.

Fonte: Stockholm International Peace Research Institute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.