VENTI ANNI FA APRIVA IL CARCERE DI GUANTANAMO 

 

Venti anni fa, l’11 gennaio 2002, si aprivano le porte del carcere di Guantanamo, che gli Stati Uniti ancora mantengono aperto sull’isola di Cuba, ai sospettati di terrorismo. Nella prigione della vergogna sono passati 780 detenuti ed attualmente ne restano una quarantina.

Il nome di questa paradisiaca baia non evoca più nulla delle sue acque turchesi: è diventato sinonimo del limbo contemporaneo, una prigione che simboleggia in sé l’arbitrarietà della guerra americana contro il terrorismo decretata da George W. Bush nel 2001, all’indomani degli attacchi al World Trade Center.

L’11 gennaio 2002, una ventina di prigionieri provenienti dall’Afghanistan, vestiti con tute arancioni, con la testa coperta da borse nere e con arti incatenati, arrivarono alla base navale di Guantánamo Bay per essere incarcerati nelle recinzioni metalliche del campo X-Ray. “Potrebbero essere detenuti fino alla fine del conflitto in Iraq e Afghanistan”, aveva predetto all’epoca il vicepresidente Dick Cheney.

Un oscuro centro di detenzione militare, Camp Delta, circondato da filo spinato, le caserme e gli hangar di questa base statunitense stabilita a Cuba dal 1903 di cui il governo cubano si rifiuta, dal 1960, di riscuotere l’annuale” affitto di 4.000 dollari offerto da Washington per occupare questa enclave di 121 km2, ospitano ancora un oscuro centro di detenzione militare.  

I detenuti considerati dall’amministrazione statunitense come nemici sono   rimasti a lungo anonimi ma alla fine, sotto pressione, l’amministrazione Bush concesse la pubblicazione dei nomi di alcuni di loro.  Nel 2005, l’ONU ha dovuto annullare una visita preliminare per valutare le condizioni di detenzione nel campo, dopo che Washington ha rifiutato di consentire ai suoi rappresentanti di parlare liberamente e senza testimoni con i detenuti.

Il 16 febbraio 2006, denunciando atti di tortura e violazioni dei diritti alla salute e alla dignità umana, cinque esperti indipendenti della Commissione per i diritti umani delle Nazioni Unite hanno invitato gli Stati Uniti a chiudere immediatamente il centro di detenzione. “I tentativi dell’amministrazione statunitense di ridefinire la ‘tortura’, come parte della lotta contro il terrorismo, al fine di consentire alcune tecniche di interrogatorio che altrimenti sarebbero vietate sotto la definizione internazionale di tortura sono estremamente preoccupanti”, hanno avvertito gli esperti delle Nazioni Unite.

Un totale di 780 prigionieri passarono da lì. Ce ne sono una quarantina che ancora languono nel carcere di Guantanamo, sotto la sorveglianza di 1.800 soldati e 200 civili. Nove hanno perso la vita nel carcere. La maggior parte di loro sono stati catturati in giro per il mondo, poi hanno subito, prima del loro trasferimento in questa base, torture in prigioni segrete della CIA.

In un rapporto pubblicato un anno fa, Amnesty International ha fatto riferimento a “crimini di diritto internazionale” su Guantanamo Bay. Oltre alla mancanza di cure mediche e di processi equi, questo rapporto documenta le violazioni dei diritti umani perpetrate contro coloro che sono detenuti a tempo indeterminato in questo campo dove anche i prigionieri che potrebbero essere scarcerati sono rimasti in prigione per anni. “Si tratta di detenzioni inesorabilmente legate a molteplici livelli di condotta illegale del governo nel corso degli anni: trasferimenti segreti, interrogatori in incommunicado, alimentazione forzata di coloro che stavano effettuando scioperi della fame, torture, sparizioni forzate e completa mancanza di rispetto per lo stato di diritto”, ha dichiarato Daphne Eviatar, direttrice di Amnesty International USA per la sicurezza e i diritti umani.

Prima di entrare alla Casa Bianca, Barack Obama aveva promesso di voltare pagina su questa prigione militare illegale. Non lo fece. Il suo successore Donald Trump ha giurato di farlo durare altri venti o trent’anni: ha persino sognato di riempirlo di nuovo, se i costi non fossero stati così pesanti ovvero 13 milioni di dollari all’anno per prigioniero. Joe Biden, allora vicepresidente, dichiarava durante la Conferenza sulla sicurezza di Monaco nel 2009 che considerava inevitabile chiuderla: “Rispetteremo i diritti di coloro che porteremo davanti alla giustizia. E chiuderemo il centro di detenzione di Guantanamo Bay. Una promessa ribadita anche all’indomani del suo insediamento.

Da maggio, la sua amministrazione ha dato il via libera al trasferimento di undici prigionieri che sono stati rilasciati. Secondo i risultati della Guantánamo Review Commission, un’agenzia governativa creata da Obama per ridurre la popolazione carceraria del campo, questi detenuti presenterebbero “un certo livello di minaccia in considerazione delle loro attività passate, ma (…) questa minaccia può essere mitigata”, a condizione che rimangano sotto sorveglianza.

Il procedimento dovrebbe essere presto esteso ad altri diciassette detenuti, e quest’estate Abdellatif Nacer, un marocchino catturato nel 2001 in Afghanistan, è stato consegnato alle autorità di Rabat, dove sta affrontando procedimenti legali per “il suo presunto coinvolgimento in  atti terroristici”.

Per gli ex detenuti reinsediati in paesi terzi, l’incubo non è sempre finito. Secondo l’organizzazione per i diritti umani Reprieve, il 30% di coloro che sono stati reinsediati in paesi terzi in base ad accordi bilaterali negoziati dagli Stati Uniti rimangono nella nebbia legale. Senza status giuridico, impossibilitati a lavorare e a ricostruirsi una vita, a volte esposti alla minaccia di deportazione nel loro paese d’origine, dove sono attesi dal carcere, dalla tortura e dalla pena di morte.

Delle centinaia di prigionieri che sono passati per Guantanamo, solo dodici sono stati portati davanti ad un tribunale. Per quattro di loro, le condanne emesse dai tribunali militari sono state annullate in appello dai tribunali ordinari: un disastro politico-giudiziario, 

Mohamedou Ould Slahi ha trascorso 14 anni dietro le sbarre. È stato torturato per 70 giorni e interrogato per 18 ore al giorno per tre anni. Viveva in Germania prima del suo arresto ed era sospettato di essere un agente di alto rango di al-Qaeda coinvolto negli attacchi dell’11 settembre, anche se questo non è mai stato dimostrato. 

Non è mai stato accusato o condannato durante i suoi 14 anni a Guantanamo. Il mauritano, che ora ha 50 anni, è stato infine rilasciato, ma non è mai stato risarcito per la sua vita rubata.

La storia di Slahi è recentemente arrivata sul grande schermo come film. Il suo crimine è stato prendere parte a un campo di addestramento terroristico in Afghanistan e rispondere a una telefonata sul telefono satellitare di Osama bin Laden. Questo ovviamente non lo getta nella luce migliore, ricorda il suo avvocato, ma non è stato sufficiente per incriminarlo.

Questa mancanza di stato di diritto non è stata un caso, ma piuttosto un obiettivo dell’amministrazione statunitense sotto il presidente George W. Bush all’epoca, secondo l’esperta di Amnesty International di Guantanamo Daphne Eviatar.

L’amministrazione Bush ha istituito una prigione offshore appositamente per aggirare le regole del sistema legale degli Stati Uniti”, afferma Eviatar.

Anthony Natale, che difende in tribunale l’agente di al-Qaeda Abd al-Rahim al-Nashiri, parla candidamente della sua delusione per Guantanamo: “Ci vergogniamo che tutto ciò che ha reso questo paese uno che potremmo dire fosse un paese libero, che aveva uguale giustizia per tutti, ha abbandonato tutto questo”.

I primi piani per chiudere Guantanamo arrivarono alla fine dell’amministrazione di George W. Bush. Barack Obama ha promesso di chiuderlo più volte, ma presto ha perso la maggioranza al Congresso a favore dei repubblicani, che a loro volta hanno introdotto una legge che diceva che “nessuno che sia mai stato a Guantanamo può venire negli Stati Uniti per qualsiasi scopo, processo, medicina eccetera”, spiega Nancy Hollander. Questo, dice, rende legalmente impossibile spostare i detenuti negli Stati Uniti.

La Lituania ha pagato più di 110.000 dollari ad Abu Zubaydah, il detenuto di Guantánamo noto come il “prigioniero per sempre”, come risarcimento per aver permesso alla CIA di trattenerlo in un sito segreto fuori Vilnius dove è stato sottoposto a forme di tortura.

Il pagamento di € 100.000 arriva più di tre anni dopo che la Corte europea dei diritti umani ha ordinato al governo lituano di pagare un risarcimento per aver violato le leggi europee che vietano l’uso della tortura.

Zubaydah fu catturato in Pakistan sei mesi dopo l’11/9. La CIA e gli avvocati dell’amministrazione Bush hanno tentato di giustificare la sua tortura sostenendo che era una figura molto importante in al-Qaeda. È emerso che non era un membro dell’organizzazione e non è mai stato accusato di coinvolgimento nell’11/9.

Per gran parte del tempo trascorso dal suo arresto, su richiesta della Cia, Zubaydah è stato tenuto in incommunicado per impedirgli di rivelare i dettagli della sua tortura. Gli avvocati di Zubaydah ritengono altamente improbabile che la Lituania avrebbe effettuato il pagamento del risarcimento senza l’approvazione di Washington.

Le forme più brutali di tortura subite da Zubaydah si sono verificate nel 2002 quando è stato trattenuto in un sito segreto della CIA in Thailandia. Un intero programma di tortura, eufemisticamente definito dalla CIA come “tecniche di interrogatorio avanzate”, è stato ideato per il prigioniero da due psicologi sotto contratto con l’agenzia.

Zubaydah è stato sottoposto a waterboarding – un tipo di annegamento controllato – almeno 83 volte, nell’agosto 2002, è stato collocato in una scatola delle dimensioni di una bara per giorni e giorni.

 

Fonti: L’Umanitè, DW.com, The Gardian

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.