Il presidente Ucraino Zelensky

ANCHE IL PRESIDENTE UCRAINO ZELENSKY NELLO SCANDALO DEI PANDORA PAPERS  

 

L’attuale Presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky ed i suoi più stretti collaboratori possedevano una rete di società offshore legate alle loro attività con sede nelle Isole Vergini britanniche, a Cipro e in Belize secondo quanto apparso nello scandalo dei Pandora Papers.

Secondo quanto apparso nell’ottobre scorso quando scoppiò lo scandalo dei Pandora Papers, milioni di documenti in cui apparivano presidenti e personaggi famosi titolari o beneficiari di società con sedi nei paradisi fiscali, anche l’attuale Presidente ucraino Volodymyr Zelensky sarebbe stato titolare di alcune società offshore con sede nelle Isole Vergini britanniche, a Cipro e in Belize 

Zelensky, comico televisivo, aveva vinto le elezioni del 2019 promettendo un cambio netto nella politica del paese promettendo di estirpare la dilagante corruzione. Gli ucraini erano stanchi della corruzione e del fatto che i precedenti presidenti avevano usato società offshore per nascondere i loro patrimoni, su questa ondata di indignazione popolare il noto comico televisivo aveva vinto le elezioni. Occorre ricordare che poco prima della sua elezione del 2019, Zelensky aveva ceduto le sue azioni in una società offshore a Shefir, ma i due sembrano aver fatto un accordo affinché la famiglia di Zelensky continui a ricevere denaro dall’offshore.

L’attuale capo assistente di Zelensky, Serhiy Shefir, così come il capo del servizio di sicurezza del paese, facevano parte della rete offshore. Secondo i documenti le società offshore sono state utilizzate da Shefir e da un altro partner commerciale per acquistare costosi immobili a Londra.

I documenti mostrano che Zelensky e i suoi partner erano proprietari di una società di produzione televisiva la Kvartal 95. Hanno creato una rete di società offshore che risale almeno al 2012, anno in cui la società ha iniziato a realizzare contenuti regolari per le stazioni TV di proprietà di Ihor Kolomoisky, un oligarca accusato di frodi multimiliardarie. Le società offshore sono state utilizzate anche dai soci di Zelensky per acquistare tre proprietà di lussuose nel centro di Londra.

Ma quanto apparso nei Pandora Papers sembrava essere conosciuto anche prima della pubblicazione. Infatti nel mezzo della campagna elettorale, un alleato politico del presidente in carica Petro Poroshenko aveva pubblicato un pos su Facebook sostenendo che Zelensky e i suoi partner di produzione televisiva erano beneficiari di una rete di società offshore e che avrebbero ricevuto $ 41 milioni dalla Privatbank di Kolomoisky.

Le accuse mosse da Volodymyr Ariev non sono state mai provate perché non ha fornito prove al riguardo, ma i Pandora Papers mostrano che almeno alcuni dettagli in questo presunto schema corrispondono alla realtà. I documenti trapelati mostrano informazioni su 10 società della rete che corrispondono alle strutture dettagliate nel grafico di Ariev.

Due dei soci di Zelensky nella rete offshore, che facevano anche parte della sua società di produzione televisiva, ora ricoprono posizioni di rilievo. Serhiy Shefir è il principale aiutante presidenziale di Zelensky, mentre Ivan Bakanov è a capo del servizio di sicurezza dell’Ucraina.

Le società offshore sono state inoltre usate per acquistare degli immobili a Londra come risulta da quanto pubblicato nei Pandora Papers. Un trilocale in Glentworth Street, è stato acquistato per 1,58 milioni di sterline (2,28 milioni di dollari) nel 2016 da una società del Belize di proprietà di Shefir la SHSN Limited. Un altro  appartamento con due camere da letto nelle vicinanze dell’edificio Chalfont Court di Baker Street, è stato acquistato sempre da Shefir per 2,2 milioni di sterline (3,5 milioni di dollari) nel 2014, è poi stato trasferito a SHSN Limited nel 2018.

Al centro della rete delle aziende straniere c’è Maltex Multicapital Corp, che non è mai stata collegata a Zelensky ma che nel  2017 è stata divisa equamente tra società di comodo appartenenti a Zelensky, Iakovlev e ai fratelli Serhiy Shefir e Borys Shefir. Così facendo il presidente ucraino non appariva nella rete delle società offshore anche se questa cessione non gli è costata nulla.

“Il certificato azionario dimostra che nessun denaro è stato pagato dalla parte ricevente. Pertanto la proprietà è stata semplicemente trasferita da un nome all’altro”, ha affermato Martin Woods, un consulente per la criminalità finanziaria che ha esaminato i documenti per OCCRP.

Circa sei settimane dopo, l’avvocato, Azarov, firmò un altro documento in cui si stabiliva che Maltex avrebbe continuato a pagare dividendi alla Film Heritage di Zelensky, anche se non possedeva più alcuna partecipazione nella società.

Dal 2019, la moglie di Zelensky, Olena Zelenska, è l’unica titolare effettiva di Film Heritage, secondo il registro online delle dichiarazioni patrimoniali dei funzionari, il che significa che tutti i pagamenti successivi sarebbero andati a lei.

Il consulente per la criminalità finanziaria Woods ha affermato che il trasferimento di azioni è stato probabilmente un modo per nascondere una partecipazione in Maltex. Zelensky non ha menzionato Maltex in nessuna delle sue dichiarazioni patrimoniali pubbliche, inclusa quella presentata per il 2018, quando possedeva ancora il 25% della società.

In accordi come questi “il vero proprietario ha incaricato un’altra persona di agire come suo delegato per fingere di essere l’azionista”, ha detto Woods. “La persona che effettua il trasferimento vuole mantenere le azioni e il beneficio delle azioni, ma non vuole che gli altri sappiano che questa è la sua situazione”.

Anche se Zelensky spinge la sua campagna di lotta contro gli oligarchi , alcuni continuano a dubitare della sua sincerità. Tra questi c’è Ruslan Ryaboshapka, che è stato scelto da Zelensky come massimo procuratore del paese nel 2019, ma è stato estromesso dal ruolo all’inizio del 2020. Ha detto all’OCCRP che crede che ciò fosse dovuto alle pressioni dell’oligarca Kolomoisky.

“Un presidente non dovrebbe possedere società offshore. In generale, le società offshore sono cattive, indipendentemente dal fatto che siano di proprietà di un presidente o meno”, ha affermato Ryaboshapka.

Ha definito il trasferimento di denaro offshore “una vecchia tradizione” in Ucraina, perché il paese era percepito come un luogo pericoloso senza “stato di diritto”. Tuttavia, l’uso di tali società oggi solleva dubbi di “evasione fiscale o legalizzazione del denaro sporco”, ha affermato.

Fonte: www.occrp .org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.