Il dollaro statunitense

CINA E RUSSIA STANNO SVILUPPANDO UN SISTEMA DI TRASFERIMENTO MONETARIO CHE SOSTITUISCA LO SWIFT 

 

Nel prossimo vertice dei Ministri degli Esteri dell’Unione Europea verranno discusse nuove sanzioni verso la Russia tra cui spicca la già citata volontà di escludere il paese dal circuito  finanziario Swift ma Cina e Russia da tempo stanno costruendo un proprio sistema di trasferimento monetario.

La decisione di escludere la Russia dal circuito finanziario Swift che viene usato da oltre 11 mila istituti di credito in 200 paesi potrebbe rappresentare un duro colpo per l’economia russa. Da tempo però, in vista di una costante dedollarizzazione dell’economia, Cina e Russia stanno sviluppando un sistema indipendente non legato al dollaro di trasferimento monetario a livello internazionale. Un sistema che non dipendendo dagli Stati Uniti non sarebbe sottoposto ai loro capricci.

L’accelerazione nello sviluppo del sistema sarebbe stato chiesto dal Presidente della Federazione Russa Vladimir Putin durante la conversazione telefonica con il suo omologo cinese Xi Jinping del 15 dicembre scorso. Putin avrebbe sottolineato la necessità in vista di eventuali sanzioni che portassero gli Stati Uniti a decidere di escludere il suo paese dal circuito Swift come del resto ampiamente anticipato in quei giorni dai falchi statunitensi.

Come ha spiegato  l’assistente del presidente per la politica estera Yuri Ushakov è tempo di aggirare un meccanismo SWIFT “influenzato da paesi terzi. per formare “una struttura finanziaria indipendente. Ciò equivale a un serio punto di svolta per l’intero Sud del mondo – poiché decine di nazioni desiderano essere liberate da una dittatura de facto del dollaro statunitense.

Russia e Cina stanno sperimentando i loro sistemi di pagamento alternativi da un po ‘di tempo: il russo SPFS (System for Transfer of Financial Messages) e il cinese CIPS (Cross Border Interbank Payment System).

Non sarà facile sostituire lo Swift poiché le banche cinesi più potenti sono profondamente coinvolte nel sistema di trasferimento monetario attuale ed inoltre hanno espresso le loro riserve sul russo SPFS. Tuttavia, dovranno inevitabilmente integrarsi prima del lancio del nuovo meccanismo che veniva ipotizzato potesse nascere alla fine del 2022. Ma l’accelerazione di questi giorni potrebbe accelerare i tempi.

Una volta che le più importanti banche russe e cinesi – da Sberbank alla Bank of China – adotteranno il sistema, si aprirerà la strada per l’adesione di altre banche in tutta l’Eurasia e nel Sud del mondo.

Lo sviluppo di un nuovo sistema di trasferimento monetario renderà lo Swift, incline a continue interferenze politiche americane, sempre più emarginato o limitato alle latitudini atlantiste. Cercare di bypassare il dollaro statunitense è una delle principali necessità che l’asse cino-russo si trova a dover combattere per riuscire a trasformare il mondo a visione unipolare a guida Stati Uniti in un mondo multipolare.

La dedollarizzazione del mercato mondiale passa anche per lo sviluppo di un nuovo sistema di trasferimento monetario è questo è ovviamente mal visto oltre oceano perché comporterà per gli Stati Uniti una marginalizzazione e la progressiva perdita del ruolo di più importante economia mondiale. I fatti che oggi si stanno producendo in Ucraina sono figli del tentativo statunitense di non perdere la loro supremazia economica che tentano di tenersi in qualunque modo anche a costo di scatenare una guerra.

 

Andrea Puccio – www.occhisulmondo.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.