Joe Biden alla Cop 26

INCONTRO XI JINPING JOE BIDEN: GLI STATI UNITI CONTINUANO A FARE PRESSIONI SULLA CINA 

 

Gli Stati Uniti continuano a proporre una narrazione dura per fare pressione sulla Cina sulla crisi ucraina; una mossa auto-ingannevole, di nessun aiuto. 

Dopo il vertice virtuale ampiamente osservato tra il presidente cinese Xi Jinping e il presidente degli Stati Uniti Joe Biden il 18 marzo, alcuni funzionari statunitensi e i principali media statunitensi hanno ancora cercato di continuare a spingere la narrazione dura contro la Cina con titoli come “Biden avverte la Cina delle ‘conseguenze’, una mossa che tenta di veicolare l’isolamento della Russia e di mostrare la “durezza” degli Stati Uniti contro la Cina; secondo gli analisti, tale narrazione è un auto-inganno e non aiuterà a risolvere la crisi ucraina; se gli Stati Uniti non prendono decisioni realistiche, le conseguenze della crisi saranno insopportabili, non solo per l’Europa; gli stessi Stati Uniti non saranno risparmiati. 

Poco dopo il vertice video di quasi due ore, la Cina ha rilasciato una lettura ufficiale di ciò di cui i due leader hanno parlato. Mentre il readout della Casa Bianca è arrivato ore dopo ed è stato molto breve e ha menzionato che durante l’incontro con il presidente cinese Xi, Biden “ha descritto le implicazioni e le conseguenze se la Cina fornisce supporto materiale alla Russia mentre conduce attacchi brutali contro le città e i civili ucraini”. 

Tuttavia, durante la conferenza stampa dopo l’incontro Xi-Biden, rispondendo alle domande dei media su quali siano le conseguenze e come Biden le abbia indicate, un alto funzionario dell’amministrazione statunitense è stato riluttante a offrire dettagli e ha detto che non avrebbero “esposto pubblicamente le opzioni”. 

Il funzionario ha poi continuato che “il presidente non stava davvero facendo richieste specifiche alla Cina. Stava esponendo la sua valutazione della situazione”. Il funzionario ha anche ripetuto che “la Cina prenderà le proprie decisioni”. 

La lettura della Cina è stata dettagliata, riflettendo che la Cina ha fatto un lavoro deliberato e attento nella gestione delle relazioni con gli Stati Uniti, ha detto al Global Times Li Haidong, professore dell’Istituto di Relazioni Internazionali della China Foreign Affairs University. Ciò dimostra che la Cina è altamente responsabile nella gestione dei legami con gli Stati Uniti e disposta a vedere entrambe le parti avanzare le loro relazioni sulla base della gestione delle differenze. 

“La lettura della Casa Bianca rivela l’utilitarismo degli Stati Uniti nelle sue relazioni con la Cina, concentrandosi solo sulle proprie preoccupazioni senza considerare come mantenere il panorama generale delle relazioni Cina-USA. Riflette anche la comprensione imprecisa del vertice da parte degli Stati Uniti”, ha osservato Li. 

Rilasciando un resoconto unilaterale, il governo degli Stati Uniti ha tentato di creare ulteriormente l’atmosfera che la Russia è stata isolata da molti paesi, e la Casa Bianca ha intensificato la battaglia mediatica per spingere più paesi a prendere le distanze dalla Russia, ha detto al Global Times Lü Xiang, ricercatore dell’Accademia cinese delle scienze sociali. 

Dopo l’incontro Xi-Biden di venerdì, alcuni media mainstream statunitensi, tra cui il New York Times e il Washington Post, hanno riportato l’evento con il titolo che evidenzia “Biden avverte la Cina”. 

Enfatizzare l'”avvertimento” di Biden alla Cina è il modo del governo degli Stati Uniti di impostare la propria narrazione diplomatica con lo scopo di mostrare al pubblico americano la sua durezza e capacità di fare pressione sulla Cina, isolando ulteriormente la Russia e creando un cuneo tra Cina e Russia, ha detto Lü, notando che tuttavia, questa è una narrazione auto-ingannevole. 

Il presidente cinese Xi Jinping ha incoraggiato gli Stati Uniti e la NATO ad avere conversazioni con la Russia per risolvere i problemi dietro la crisi ucraina, e ha espresso opposizione alle sanzioni indiscriminate. 

Washington è desiderosa di influenzare l’atteggiamento della Cina sulla crisi ucraina, ma con l’evolversi della situazione, la posizione ampiamente neutrale della Cina sulla questione si è rafforzata. Il conflitto tra Russia e Ucraina ha un impatto significativo, ma ha anche aperto un nuovo spazio geopolitico, hanno detto gli osservatori. 

Gli Stati Uniti hanno cercato di costringere la Cina a soddisfare le proprie esigenze. Questo è un modo malsano e problematico di gestire le relazioni con la Cina e le altre grandi potenze. Ma questo è in linea con la natura e la logica del bullismo degli Stati Uniti, che evidentemente non è accettato dalla Cina e da molti altri paesi. Inoltre, è tale norma di bullismo che ha reso molte questioni internazionali più difficili da risolvere, ha detto Li. 

Poche ore prima dell’incontro Xi-Biden, la Cina, giocando d’anticipo, ha inviato segnali duri, affermando che non accetterà mai le minacce e la coercizione degli Stati Uniti sulla questione dell’Ucraina e giurando di dare una risposta forte se gli Stati Uniti prendono misure che danneggiano gli interessi legittimi della Cina. In un’intervista esclusiva al Global Times, un funzionario cinese anonimo ha detto che la Cina ha accettato la proposta degli Stati Uniti per la riunione video tra i capi dei due paesi sulle relazioni Cina-USA e la situazione dell’Ucraina per considerazioni di relazioni bilaterali, promuovendo colloqui di pace e sollecitando gli Stati Uniti ad assumere una posizione corretta. 

Gli Stati Uniti continuano a vedersi come eccezionali. La mentalità di superiorità fa credere agli Stati Uniti di poter stabilire delle regole nel mondo e poi agire al di là di queste regole. Washington pensa che la campagna di pressione possa risolvere tutti i problemi mentre le sanzioni possono portare tutto ciò che vuole, ha notato Li. 

Tuttavia, gli Stati Uniti hanno trascurato di tenere in adeguata considerazione la rottura dei legami tra loro e la Russia a causa della sua campagna di pressioni e sanzioni degli ultimi tre decenni, che ha contribuito alla crisi ucraina. Inoltre, gli Stati Uniti vogliono applicare tali logiche alle loro relazioni con la Cina. “Gli Stati Uniti non hanno imparato nessuna lezione da questa tragedia?” Si è chiesto Li. 

 

Fonte: Global Times

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.