Lo stabilimento Azovstal di Mariupol

COSA NASCONDE IL SOTTOSUOLO DELL’ACCIAIERIA AZOVSTAL?

 

Cosa nasconde il sottosuolo del complesso siderurgico Azovstal di Mariupol se lo stanno chiedendo in molti, alcuni esperti spiegano cosa realmente si cela al di sotto degli impianti industriali.

L’acciaieria Azovstal di Mariupol, dove sono trincerati il ​​personale militare ucraino, compresi i membri del reggimento nazionalista Azov, e mercenari stranieri, ha un ampio sistema di comunicazioni sotterranee che può essere utilizzato per il movimento e lo stoccaggio di munizioni, nonché rifugi antiaerei che possono ospitare migliaia di persone.

Era apparsa persino una foto di un fantomatico rifugio di cinque piani pubblicata da vari talk show italiani ma poi si era dimostrata la solita fake news. Si trattava in realtà di un’immagine di sintesi creata da un computer che doveva illustrare un gioco da tavolo mai realizzato.

Gli esperti contattati da Russia Today hanno confermato che nel sottosuolo del complesso industriale di Mariupol ci sono chilometri di tunnel e cunicoli.

“Per quanto riguarda i sistemi interrati, ci sono le gallerie dei vecchi locali caldaie, poste ad almeno 6 metri di profondità. Inoltre, ci sono gallerie di alimentazione costruite negli anni ’60 nascoste al di sotto. Molto probabilmente ad un livello inferiore di circa 5 metri. Ci sono anche vecchi chiarificatori con una struttura di raccolta intorno a loro”, ha descritto Pavel Chernoúsov, esperto di acciaio e professore associato presso l’Università tecnologica di ricerca nazionale di Mosca (MISiS).

L’esperto, che ha visitato tutti gli stabilimenti metallurgici dell’ex Unione Sovietica e ha lavorato in diversi di loro, ha anche ricordato che le fondamenta dell’Azovstal sono state costruite negli anni ’30 insieme a un sistema di rifugi antiaerei, in conformità con le norme della protezione civile. del tempo, che includeva spazi di alloggio per i dipendenti in modo che potessero mantenere in funzione la fabbrica in tempo di guerra senza lasciare i locali.

“Penso che i rifugi antiaerei possano contenere circa 3.000-4.000 persone abbastanza comodamente in condizioni di guerra, per gli standard degli anni ’30”, ha detto a RT in russo.

Chernoúsov ha inoltre evidenziato che al di sotto dell’impianto sono presenti collettori per il drenaggio delle acque piovane, tunnel per i cavi elettrici e per il sistema di trattamento del gas, stazioni di pompaggio e sottostazioni elettriche che comunicano tra loro.  Questi spazi potrebbero essere utilizzati anche per alloggio, deposito e spostamento.

Il modello a cui si ispirarono le acciaierie dell’URSS prebellico fu il progetto della città americana di Gary, a cui i progettisti sovietici aggiunsero un sistema di drenaggio e un sistema di evacuazione dei gas ad alta concentrazione di polveri sottili.  Lo stabilimento Azovstal fu fatto saltare in aria dalle forze naziste nel settembre 1943, ma dopo la guerra fu ricostruito e ristrutturato nel giro di pochi anni.

Irina Butorina, dottore in scienze e professoressa al Politecnico di San Pietroburgo, specialista in problemi ecologici dell’industria siderurgica, ha confermato l’esistenza di una rete di rifugi e tunnel sotto Azovstal, luogo che ha visitato molte volte quando ha vissuto e ha lavorato a Mariupol. .

“In tutte le acciaierie le comunicazioni sono sempre state sotterranee. Ci sono enormi condotti per evacuare grandi volumi di gas di combustione. Si tratta di tunnel fatti di mattoni refrattari, come le fogne delle città antiche”, ha spiegato.

L’esperta ha continuato il suo racconto evidenziando che i condotti che portano le materie prime agli altiforni si trovano al di sotto del livello zero.  “Io stessa ho portato lì gli studenti più di una volta. Quindi è possibile nascondersi lì per molto tempo”.

Secondo Irina Butorina il quartiere residenziale costruito intorno ad Azovstal negli anni ’60 e ’70 nonostante sia stato distrutto può essere usato  dai militari ucraini per uscire di notte dai loro rifugi per tendere imboscate nella zona. “Il quartiere viene ripulito durante il giorno, ma poi tutto si ripete”, ha detto.

Secondo le fonti militari russe si troverebbero all’interno dell’impianto metallurgico almeno 2000 combattenti ucraini, ma il loro numero non è noto. Viste le dimensioni dei tunnel e delle strutture presenti nel sottosuolo dell’acciaieria Azovstal la resistenza delle truppe ucraine sarà prevedibilmente piuttosto lunga. 

 

Andrea Puccio – www.occhisulmondo.info 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.