La giornalista Shireen Abu Akleh,

LA GIORNALISTA PALESTINESE SHIREEN ABU AKLEH E’ STATA UCCISA DALLE FORZE ARMATE ISRAELIANE  

 

Shireen Abu Akleh, una giornalista della televisione del Qatar Al Jazeera, è stata uccisa dalle forze armate israeliane mentre copriva un raid di Israele nella città di Jenin.

La giornalista dell’emittente televisiva del Qatar Al Jazeera è stata uccisa mercoledì dalle forze israeliane nella Cisgiordania occupata. Secondo le informazioni fornite dal ministero della Salute palestinese, Shireen Abu Akleh è stata colpita in faccia ed è morta poco dopo mentre copriva un raid delle forze israeliane nella città di Jenin.

Au Akleh è stata colpita da un proiettile mentre indossava un giubbotto antiproiettile ed era chiaramente identificabile, è stata portata d’urgenza in ospedale in condizioni critiche, dove è stata dichiarata morta poco dopo. Un altro giornalista palestinese, identificato come Ali al-Samudi, che lavora per il quotidiano Alquds con sede ad Al-Quds, a Gerusalemme, è stato ferito da colpi di arma da fuoco sparati dalle forze armate israeliane ma è in condizioni stabili.

“Shireen Abu Akleh stava coprendo gli eventi che si stavano svolgendo a Jenin, in particolare un raid israeliano nella città, che si trova nel nord della Cisgiordania occupata, quando è stata colpita alla testa”, ha detto Nida Ibrahim, un’altra giornalista di Al Jazeera parlando dalla città  palestinese di Ramallah.

Secondo le autorità israeliane la giornalista sarebbe stata uccisa durante uno scontro a fuoco con i palestinesi. Shireen Abu Aqleh si sarebbe trovata nel mezzo di un fuoco incrociato e quindi le forze militari israeliane non sarebbero responsabili della sua morte. 

Shireen Abu Aqleh era nata nel 1971 a Gerusalemme ed è stata martirizzata l’11 maggio 2022 nel campo di Jenin all’età di 51 anni. E’ una giornalista palestinese che lavora con la rete mediatica Al Jazeera.

Sherine Abu Aqleh è di Betlemme ma è nata e cresciuta a Gerusalemme,apparteneva ad una famiglia cristiana. Ha terminato gli studi secondari presso la Rosary Sisters School di Beit Hanina. Inizialmente ha studiato architettura all’Università di Scienza e Tecnologia in Giordania, poi si è laureata in giornalismo scritto e ha conseguito una laurea presso l’Università di Yarmouk in Giordania.

Dopo la laurea è tornata in Palestina e ha lavorato in diversi siti come UNRWA, Voice of Palestine Radio, Amman Satellite Channel, poi la Miftah Foundation e Monte Carlo Radio. Successivamente si è trasferita a lavorare nel 1997 con il canale satellitare Al Jazeera, fino a quando è stata colpita dall’esercito israeliano questa mattina.

Il Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina ha rilasciato una dichiarazione in merito all’uccisione della giornalista palestinese.

 

Jamil Mezher piange la grande giornalista, la martire della verità, Sherine Abu Akleh

Il membro dell’Ufficio Politico del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina, Jamil Mezher, ha espresso le nostre più sincere condoglianze al nostro popolo palestinese e ai  giornalisti e professionisti dei media per il martirio della grande giornalista Sherine Abu Akleh, corrispondente del canale satellitare Al-Jazeera, a causa di un perfido crimine sionista che l’ha presa di mira mentre “copriva da un punto di vista mediatico” l’invasione sionista di Jenin all’alba di oggi.

In una dichiarazione, Mezher ha espresso “i suoi desideri per una pronta guarigione al giornalista Ali Al-Samudi, che è stato anche lui ferito da un proiettile degli occupanti alla schiena, mentre copriva gli eventi di Jenin”.

Mezher ha descritto il “crimine di assassinio e presa di mira diretta di giornalisti come un crimine a tutti gli effetti che mirava ed è tuttora finalizzato a intimidire i giornalisti, ed a mettere a tacere la voce della verità e a prevenire l’immagine e la verità dei crimini commessi dall’occupazione contro il popolo palestinese al mondo.”

Mezher ha sottolineato che “la Palestina, i media e le istituzioni giornalistiche e il mondo libero hanno perso una giornalista nota per il suo coraggio, audacia e sincerità, appartenente alla causa palestinese e insistente nel coprire le pratiche aggressive in corso  controllo il popolo palestinese.  E non si è mai considerata solo un’impiegata dei media o una giornalista, ma piuttosto una testimone e una trasmittente della verità e della narrativa palestinese”.

Mezher ha sottolineato l’importanza di “proteggere i giornalisti dalla macchina criminale sionista”, esprimendo la speranza che “il crimine del martirio della grande giornalista Abu Akleh costituirà un incentivo per il mondo libero e una pressione affinché la comunità internazionale prenda misure contro l’occupazione e per attuare accordi internazionali che prevedano la protezione dei giornalisti, compreso il deferimento di tutti i suoi crimini e il diritto del popolo palestinese, in particolare dei giornalisti, alla Corte penale internazionale.

Mezher ha concluso la sua dichiarazione, sottolineando che “il nostro popolo palestinese, il suo movimento nazionale, i suoi media e le istituzioni di stampa non dimenticheranno la martire della verità, Sherine Abu Aqleh, e lei rimarrà viva nella nostra memoria, e un esempio ispiratore per noi e per tutti i giornalisti e ciò che ha compiuto per trasmettere l’immagine e la verità dal campo di battaglia, così come la sua audacia, e il suo alto coraggio rimarranno un’eredità” e un’ispirazione per tutti i giornalisti.

 

riceviamo anche il comunicato del Comitato Popolare sangiulianese per la Palestina e volentieri pubblichiamo:

 

Il Comitato Popolare sangiulianese esprime il proprio cordoglio e condanna fermamente l’uccisione di questa mattina  a sangue freddo della giornalista Shireen Nasri Abu Aqleh da parte dell’esercito israeliano.

Lo stillicidio di vittime palestinesi che viene attuato ogni giorno dalle forze di occupazione israeliane, seppur taciuto dai media main stream, impone ai compiacenti governi occidentali di condannare il vile omicidio e di adoperarsi per una risoluzione diplomatica dell’occupazione dei Territori Palestinesi in linea con il diritto internazionale e le Risoluzioni Onu che intimano ad Israele di ritirarsi entro i confini antecedenti al 5 giugno del 1967.

Violazioni del diritto e crimini contro civili inermi che devono essere sanzionate con misure economiche restrittive, come l’Occidente si è apprestato ad introdurre con solerzia e particolare durezza contro la Russia per l’invasione dell’Ucraina.

Il doppiopesismo occidentale è ipocrita e complice dell’occupazione e dei suoi intollerabili crimini.

Terra e libertà per il popolo palestinese.

 

Il Comitato Popolare sangiulianese per la Palestina e i popoli opprressi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.