Donald Trump

CHIESTO UN REFERENDUM PER L’INDIPENDENZA DEL TEXAS DAGLI STATI UNITI 

 

Dopo la Brexit potremmo assistere alla Texexit: Infatti i parlamentari repubblicani dello stato del Texas hanno chiesto che venga indetto un referendum nel 2023 per chiedere l’uscita dello stato dall’unione.

I parlamentari repubblicani dello stato del Texas, nel sud degli Stati Uniti, chiedono che nel 2023 si tenga un referendum per chiedere l’indipendenza dello stato dal Paese nordamericano.

“Esortiamo la legislatura del Texas ad approvare un disegno di legge nella prossima sessione che richieda un referendum nelle elezioni generali del 2023 per il popolo del Texas per determinare se lo stato debba proclamare il suo status di nazione indipendente”, si legge in un documento approvato dai rappresentanti legislativi del Partito Repubblicano a un convegno tenutosi dal 16 al 18 giugno nella città di Houston.

I repubblicani hanno ritenuto, nel testo pubblicato lunedì, che l’esecutivo federale “ha violato” il diritto dello Stato all’autogoverno.  Pertanto, hanno chiesto il rifiuto di qualsiasi quadro giuridico che vada contro i diritti dello stato e hanno sottolineato il diritto del Texas a separarsi dal resto del paese.

Contestualmente i legislatori repubblicani hanno rifiutato ancora una volta di riconoscere i risultati delle elezioni presidenziali statunitensi del 2020, sostenendo che l’attuale presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, non era stato eletto legittimamente.

A questo proposito i membri del Partito Repubblicano hanno denunciato che le elezioni hanno violato gli articoli 1 e 2 della Costituzione del Paese e hanno accusato diversi segretari dell’amministrazione statunitense di aver perpetrato azioni illegali.

Gli appelli per la separazione del Texas dagli Stati Uniti non sono nuovi.  Il Texas dichiarò l’indipendenza dal Messico nel 1836 e trascorse nove anni come nazione indipendente prima di diventare uno stato appartenente agli Stati Uniti nel 1845, quando fu annesso al paese.  Poi, nel 1861, si separò dall’Unione, ma vi si unì nuovamente nel 1870, dopo la fine della guerra civile.

In effetti, la questione se il Texas possa o meno separarsi legalmente dagli Stati Uniti è stata risolta nel 1869 dalla Corte Suprema del paese.  Allora, la corte ha stabilito che gli stati non possono ritirarsi unilateralmente dall’Unione.

Nel 2006, la Corte Suprema si è pronunciata nuovamente sulla questione.  L’ex giudice Antonin Scalia ha ribadito l’impossibilità di una secessione, ritenendo che, se c’è stato qualche problema costituzionale risolto dalla guerra civile, “è che non c’è diritto alla secessione”.

Richard Albert, professore di diritto e governo e direttore degli studi costituzionali presso l’Università del Texas ad Austin, lunedì ha detto alla rivista americana Newsweek che il Texas potrebbe dichiarare l’indipendenza oggi se lo volesse, ma ciò “significherebbe guerra”. civile. (Hispan TV)

 

Andrea Puccio – www.occhisulmondo.info 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.