AD HAITI VIOLENTATE 52 DONNE DURANTE GLI SCONTRI TRA BANDE 

 

Denunciano che ad Haiti 52 donne sono state sottoposte a stupri di gruppo durante il mese di luglio nel corso degli scontri tra bande nei pressi della capitale Porto Principe.

La Rete nazionale per la difesa dei diritti umani (Rnddh), di Haiti, ha rivelato martedì che durante il mese di luglio 52 donne sono state vittime di stupri di gruppo durante gli scontri tra bande armate nel comune di Cité Soleil, situato nell’area metropolitana di Porto Principe,  capitale haitiana, riporta Telesur. 

Secondo le indagini condotte dall’organizzazione 12 delle donne abusate hanno tra i 18 e i 25 anni, 38 donne hanno tra i 26 e i 49 anni, una ha 55 anni, inoltre tra le donne abusate figura anche una minore di età inferiore ai 14 anni. La Rete nazionale per la difesa dei diritti umani ha specificato che 20 donne sono state violentate in presenza dei loro figli, una in presenza dei loro genitori e due davanti ai loro mariti.

Ma le atrocità non finiscono qui: infatti Sei delle donne abusate hanno dovuto assistere all’esecuzione dei loro coniugi da parte   dei membri della banda prima di essere violentate mentre  quattro sono state abusate nonostante fossero incinte.

L’ONG ha sottolineato che nessuno degli aggressori ha utilizzato protezione e la maggior parte delle vittime non è stata in grado di andare in ospedale entro 72 ore dagli eventi per ricevere cure. “Durante questi eventi sanguinosi, i corpi di donne e ragazze sono spesso usati come arma di guerra per raggiungere il gruppo rivale”, ha riferito l’organizzazione.

Secondo l’indagine, le bande che si sono scontrate a Cité Soleil (da un lato G-9 e Fanmi e Alye, e dall’altro il G-PEP) hanno utilizzato attrezzature pesanti del Ministero dei Lavori Pubblici, dei Trasporti e delle Comunicazioni. Inoltre, hanno beneficiato della protezione di unità specializzate della polizia nazionale haitiana (HNP).

Molte delle donne violentate dai membri del G-9 e Fanmi e Alye sono state interrogate. Hanno detto agli investigatori che i banditi hanno detto loro che avrebbero abusato di loro perché sospettate di avere una relazione privilegiata con il capo del G-PEP, Gabriel Jean Pierre, alias Ti Gabriel.

Tra il 2018 e il 2022 ci sono stati 16 massacri e attacchi armati indagati dal Rnddh. Sulla base di ciò, l’ONG ha stabilito che il numero di vittime di violenza sessuale è aumentato esponenzialmente durante il massacro di Cité Soleil, avvenuto tra il 7 e il 17 luglio. In quell’occasione più di 300 persone sono state uccise durante gli scontri tra bande, la maggior parte dei corpi sono stati bruciati.

Martedì, il Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione (UNfpa) ha avvertito che le ragazze e le donne ad Haiti hanno bisogno di aiuto urgente perl’aumento esponenziale delle violenze sessuali nella capitale Porto Principe a causa dello scontro tra bande armate.

L’agenzia ha specificato in una dichiarazione che durante il massacro di Cité Soleil donne e persino ragazze sono state violentate da membri delle bande avversarie. Ha aggiunto che “non essere in grado di ricevere assistenza sanitaria sessuale e riproduttiva essenziale mette in pericolo la vita di coloro che ne hanno bisogno.

 

Andrea Puccio – www.occhisulmondo.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.