BIELORUSSIA: PROTASEVICH SVUOTA IL SACCO E RIVELA CHE I MOVIMENTI DI PROTESTA ERANO DIRETTI DALL’ESTERO  

 

Roman Protasevich arrestato mentre si trovava su un volo che lo doveva portare a Vilnius da Atene il 26 maggio ha rilasciato un’intervista che chiarisce molti quesiti relativi alle proteste che si sono svolte dopo il successo elettorale di Alexander Lukashenko in Bielorussia lo scorso anno. Dall’intervista risulta anche che la spontaneità del movimento di protesta non era tanto spontanea ma diretta con dovizia e con finanziamenti dall’estero.

Riguardo a alla spontaneità del movimento avevo espresso le mie perplessità in vari articoli partendo dal semplice fatto che troppe volte gli spontanei movimenti sorti dopo la vittoria del candidato non sponsorizzato dall’occidente si erano dimostrati alla resa dei conti ben diretti e finanziati dall’estero. Forse una semplice lettura ma oramai l’esperienza mi fa dubitare della spontaneità di queste manifestazioni.

Vediamo cosa ci racconta Roman Protasevich nell’intervista pubblicata da RT.

Il giornalista ha ammesso in una conversazione con l’emittente statale ONT, trasmessa giovedì, di aver partecipato a una riunione dei cospiratori su Zoom, dove il suo volto era coperto da un quadrato nero e il suo nome era nascosto. Secondo le sue dichiarazioni, prese appunti, ma non partecipò alla discussione sul piano.

Ha anche detto di aver incontrato Tikhanovskaya e di averle parlato della possibilità di prendere il potere con la forza. “Ho detto che probabilmente c’è un gruppo di persone che hanno diversi gruppi, preparati per uno scenario violento”, ha detto.

Ha sostenuto che i cospiratori, che appartenevano alla sfera militare, hanno chiesto tra i 5 e i 7 milioni di euro per l’esecuzione del colpo di Stato nel Paese, ma poi questa somma è scesa a 2 milioni di euro.

A suo parere, ci sono ancora alcune cellule terroristiche dormienti sul territorio bielorusso, ammette poi  di aver organizzato rivolte. Protasevich, che ora guida un altro canale di opposizione, “Belarus golovnogo mozga”, ha detto di riconoscere la sua colpevolezza nell’organizzare azioni collettive che violano gravemente l’ordine pubblico. Secondo le sue dichiarazioni, le pubblicazioni che ha fatto hanno contribuito ai “disordini incontrollati e Minsk ha vissuto tre giorni nel caos”.

Tuttavia, il co-fondatore di “Nexta” ha ribadito di non aver partecipato all’operazione del canale Telegram “Il libro nero della Bielorussia”, che ha pubblicato i dati personali delle forze dell’ordine ed è stato dichiarato estremista. Ha aggiunto di aver “sempre capito che prima o poi avrebbe dovuto assumersi la responsabilità delle sue attività”. Per quanto riguarda il finanziamento del leader dell’opposizione bielorussa, Protasevich ha dichiarato che Tikhanovskaja ha ricevuto denaro dai contribuenti e dagli uomini d’affari lituani. “I contribuenti lituani fondamentalmente sostengono un politico straniero con le proprie tasche. In parte, sono sponsor privati. Vale a dire, imprenditori privati, rappresentanti dell’élite imprenditoriale, e così via. Il terzo è il sostegno finanziario della diaspora. Voglio dire, ci sono molte fonti di finanziamento”, ha detto.

Il blogger ha dichiarato che l’organizzazione “The Belarusian House” con sede a Varsavia controlla l’intera agenda dell’opposizione. “Ora “The Belarusian House” è la principale organizzazione che controlla tutti gli eventi bielorussi, l’intera agenda bielorussa viene. Direttamente controllata attraverso il Primo Ministro polacco Mateusz Morawiecki, attraverso i finanziamenti della “The Belarusian House”, 53 milioni di Zloti più di 14,4 milioni di dollari  sono stati assegnati in aiuto ai rifugiati bielorussi”, ha detto Protasevich, notando che, tuttavia, le persone che avevano bisogno di questi soldi non potevano accedere all’organizzazione per riceverli.

Per quanto riguarda il finanziamento del canale “Nexta”, Protasevich ha detto che la principale fonte di denaro era in un primo momento solo da entrate pubblicitarie, ma poi ha iniziato a ricevere donazioni dai suoi seguaci. Ad un certo punto, il canale iniziò regolarmente ad ottenere trasferimenti di denaro da una società russa, tra i 3.000 e i 5.000 euro. Il giornalista non ricordava il nome dell’azienda, ma indicava che era legato all’estrazione mineraria e apparteneva a un grande oligarca. Inoltre, l’oppositore ha rivelato che si è discusso che, dopo la fine della fase attiva delle proteste in Bielorussia, il canale secondario Nexta Live si sarebbe concentrato sugli eventi in Russia.

Per quanto riguarda le proteste, scatenate dalla vittoria di Alexander Lukashenko alle elezioni presidenziali e che hanno raggiunto il loro apice nell’agosto dello scorso anno, il giornalista ha affermato che non esistono più ed è improbabile che riprendano. In tale contesto, egli ha indicato che l’obiettivo delle sanzioni contro il suo paese è quello di provocare il crollo dell’economia e le rivolte dovute alla fame dei cittadini.

“È chiaro che è fondamentalmente uno strumento di pressione politica. Tuttavia, dato che ora non ci possono essere proteste di piazza per le libertà politiche e i movimenti politici, sono necessarie sanzioni affinché l’economia bielorussa crolli il prima possibile. E se l’economia crolla, la gente scenderà per strada, si ribelleranno per la fame. E questo è fondamentalmente uno degli obiettivi delle sanzioni economiche che continuano ad essere imposte”, ha detto.

Durante la conversazione, il giornalista ha detto che ora non vuole entrare in politica, o in ” giochi sporchi”. Ha detto di aver capito che “molte cose” per le quali Lukashenko è stato criticato “sono un tentativo di pressione. Protasevich ha aggiuntoche “è difficile prevedere la reazione” dei suoi colleghi all’intervista, sottolineando che ha accettato di concederla da solo. “Sono quasi certo che molti inizieranno a condannarmi pubblicamente”.”Non mi sorprenderà se molti mi definiranno come un presunto traditore, e così via. Ma posso onestamente dire che non mi interessa assolutamente cosa diranno. Sono qui e ora”.

.

Arresto di Protasevich.

Il giornalista è stato arrestato il 23 maggio, dopo che una minaccia di bomba – che in seguito non è stata confermata – ha indotto l’aereo Ryanair, in cui Protasevich e la sua ragazza viaggiavano da Atene a Vilnius, a effettuare un atterraggio d’emergenza in Bielorussia. 

Andrea Puccio – www.occhisulmondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.