Mike Pompeo

MIKE POMPEO CHIEDE DI RICONOSCERE DIPLOMATICAMENTE TAIWAN 

 

Durante la sua visita a Taiwan l’ex Segretario di Stato degli Stati Uniti Mike Pompeo chiede il riconoscimento diplomatico    dell’isola cinese come paese libero e sovrano.

Pompeo ha rilasciato le sue dichiarazioni, in contrasto con la linea dell’Amministrazione Biden, durante la sua visita nell’isola autogovernata dell’Asia orientale tra il 2 e il 5 marzo, un viaggio annunciato dalla, Prospect Foundation, con sede a Taipei, il mese scorso.

In un incontro virtuale con il presidente cinese Xi Jinping, nel novembre 2021, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden aveva confermato l’impegno di Washington per la “politica della Cina unica, guidata dal Taiwan Relations Act, i tre comunicati congiunti e le sei assicurazioni”. Xi aveva a sua volta detto a Biden che sostenere l’indipendenza di Taiwan sarebbe stato come “giocare con il fuoco”.

“Non si tratta della futura indipendenza di Taiwan, si tratta di riconoscere un’inconfondibile realtà già esistente. Quella realtà esiste, come molti dei vostri leader passati e presenti hanno chiarito, e non c’è bisogno che Taiwan dichiari l’indipendenza, perché è già un paese indipendente”, ha detto Pompeo in una serie di tweet.

“Il suo nome è Repubblica di Cina (Taiwan). Il popolo e il governo degli Stati Uniti dovrebbero semplicemente riconoscere questa realtà politica, diplomatica e di sovranità. Il popolo taiwanese merita il rispetto del mondo per essere un paese libero, democratico e sovrano”, ha aggiunto Pompeo, che ha servito come Segretario di Stato degli Stati Uniti dall’aprile 2018 al gennaio 2021, sotto l’ex presidente Donald Trump.

Le osservazioni fatte dall’ex capo della Central Intelligence Agency (CIA) hanno un significato, in quanto giungono il giorno dopo che è stato insignito dal presidente Tsai Ing-wen dell'”Ordine della stella brillante”, la massima onorificenza presidenziale di Taiwan.

In precedenza, solo l’ex segretario alla Difesa degli Stati Uniti Donald Rumsfeld aveva ricevuto questo onore.

“Il segretario Pompeo non è solo un sostenitore a lungo termine della partecipazione internazionale di Taiwan; ha anche facilitato molteplici scoperte nelle relazioni Taiwan-USA”, ha detto Tsai durante la cerimonia per conferire l’onore a Pompeo.

“Durante il suo mandato, le restrizioni sui contatti tra i funzionari del governo degli Stati Uniti e di Taiwan sono state revocate, la vendita di armi è stata normalizzata e sono state rese possibili visite reciproche di funzionari statunitensi e taiwanesi di livello superiore. Tutte queste misure hanno contribuito ad approfondire l’interazione e la cooperazione bilaterale”, ha affermato il leader del Partito Democratico Progressista (DPP) secessionista di Taipei.

Nel gennaio 2020 Pompeo ha cancellato le Linee guida di Taiwan, che, tra le altre cose, avevano proibito incontri tra funzionari statunitensi e taiwanesi alla Casa Bianca o al Dipartimento di Stato e impedito a qualsiasi funzionario americano di riferirsi alla provincia cinese come a una “nazione”.

Pompeo, insieme ad altri 27 americani di alto profilo, è stato sanzionato da Pechino il 20 gennaio 2021, per aver promosso una “serie di mosse folli”. Il ministero degli Esteri cinese ha affermato che le mosse hanno “gravemente interferito negli affari interni della Cina, minato gli interessi della Cina, offeso il popolo cinese e gravemente interrotto le relazioni Cina-USA”.

L’attuale visita di Pompeo è stata descritta come “svergognata e futile” dal portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin in un briefing il 3 marzo.

Pompeo, un potenziale contendente alla presidenza degli Stati Uniti nel 2024, ha giustificato le sue mosse durante il suo mandato, parlando alla cerimonia di premiazione.

Questi ha osservato che non è “provocatorio” chiedere la libertà.

“Penso che dobbiamo solo guardare a ciò che sta accadendo oggi in Europa per vedere che questo continua a richiedere una leadership profonda, concertata e focalizzata da quelli tra noi che amano la libertà”, ha affermato Pompeo, in riferimento all’operazione militare russa in corso in Ucraina.

“In effetti, allontanarsi da questo significa dimostrare assenza di determinazione”, ha anche affermato.

La visita di Pompeo segue il viaggio di una delegazione americana di alto livello, inviata dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden e guidata dall’ex ammiraglio dei capi di stato maggiore (in pensione) Michael Mullen, per, al contrario, “rassicurare” Taipei del sostegno di Washington all’isola.

Taiwan è stata governata separatamente dalla Cina continentale dalla fine della guerra civile cinese nel 1949. Pechino considera l’isola una sua provincia, mentre Taiwan, che formalmente si chiama Repubblica di Cina (ROC), mantiene relazioni politiche ed economiche con diversi altre nazioni. (Sputnik)

In un momento in cui le tensioni internazionali sono al loro più alto livello dichiarazioni come quelle espresse da Mike Pompeo non fanno altro che gettare benzina sul fuoco. Prese di posizioni che potrebbero nascondere però anche la volontà degli Stati Uniti di aprire un altro fronte caldo in Asia. Non mi sento di escludere che fra non molto tempo anche Taiwan sarà usato dall’amministrazione Biden per tentare di destabilizzare il nemico numero uno per l’egemonia degli Stati Uniti ovvero la Cina. 

Al contrario di quanto avviene oggi in Ucraina dove l’indipendenza del Dombass è un tabù e l’indivisibilità territoriale dell’Ucraina in occidente non è in discussione con Taiwan la frittata verrà capovolta affermando che l’isola ribelle ha tutto il diritto di essere indipendente dalla Cina.

 

Andrea Puccio – www.occhisulmondo.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.